giovedì 27 marzo 2014

Uruguay, carcere immediato a chi maltratta gli animali


In Uruguay l'Esecutivo per mano del Presidente Josè Mujica, ha emesso un decreto legge 18,741 , per i responsabili di maltrattamento degli animali .

 Nella sua componente il decreto stabilisce che devono essere garantite le cinque liberazioni fondamentali : la liberazione dalla fame e dalla sete , privazione di disagio, privazione di dolore, sofferenza e malattia , liberazione dalla paura e angoscia , e la libertà di esprimere un comportamento normale.

 Lo dice il decreto firmato dal presidente dell'Uruguay José Mujica . Esso afferma inoltre che il trasporto di animali da compagnia " può essere effettuato all'interno della cabina del veicolo, solo in appositi contenitori o legati in modo da evitare la libera circolazione all'interno del veicolo " in gabbie o trasportini adatti” .
 Il regolamento stabilisce che tutti i possessori di animali saranno " completamente responsabile di tutti i morsi, ferite o danni causati a persone , animali o cose di altri". 
 "Per ogni animale che si perde senza identificazione e rischia di essere catturato e sterilizzato per i proprietari non vi sarà il diritto di restituzione dell’ animale. 
" Non sarà possibile utilizzare il cavallo in estate con temperature superiori ai 32 gradi " per evitare problemi di disidratazione " con temperature sopra i 25 gradi " è d’ obbligo proteggere la testa dal sole per evitare possibili colpi di calore . " Inoltre , è necessario tenere il cavallo " propriamente ferrato " e " non utilizzare altri strumenti che possano causare costrizione all'animale, tranne le redini. 
Il cavallo non può essere obbligato a trasportare carichi ben al di sopra delle sua forza fisica." 

 Ispezione . 

Come e chi controllerà questi estremi stabiliti legalmente?
 Il Comitato Nazionale Onorario for Animal Welfare ( Conahoba ) . Questo organismo , che è composto da dieci delegati del MEC , il MSP , il BHAG , il Ministero dell'Interno , il Mvotma , il Congresso dei governatori della Università della Repubblica e della Società di Medicina Veterinaria , e un rappresentante delle le organizzazioni non governative. 

 Gli ispettori nominati, controlleranno anche come i cani vengono trattati dai proprietari. 

 Quasi in contemporanea con le disposizioni della legge 18,741 , sono previste pene da due a 24 mesi di reclusione per coloro che provocano la morte con crudeltà verso un animale domestico. Circhi e zoo .
 La nuova legge vieta , tra le altre cose , l' istituzione e il funzionamento in tutto il paese , di circhi ", in cui gli animali sono utilizzati come parte del divertimento e l'esistenza di giardini zoologici ", in cui gli animali dimorano in condizioni che non sono naturalmente adatte alla loro specie". 
Transitoriamente , " istituzioni pubbliche e private che gestiscono i giardini zoologici avranno 365 giorni dalla entrata in vigore della presente legge , per rendere, riportare, e adattare gli animali alle loro esigenze di habitat", si legge nel progetto .

 Un altro articolo vieta di creare ibridi animali frutti della manipolazione genetica o incroci con animali selvatici , così come è vietata" l'introduzione di animali esotici a zoo , circhi e riserve faunistiche. 
Vietata la cattura , la detenzione o la raccolta di uccelli nativi da paesi esotici .
 Multe per abbandono .
 Multe salate o pena di carcere equivalente, è prevista per i casi occasionali di abuso o danno all'integrità fisica di un animale domestico.
 Il primo accoppiamento di una femmina non può essere fatto prima dei dodici mesi di età, e per i cani di oltre i 25 kg di peso medio, non prima di diciotto mesi.
 I cuccioli devono rimanere con la madre per almeno 60 giorni. 
D’ obbligo scrivere il pet al Registro Nazionale nei primi quindici giorni della sua nascita, o dal giorno dell' adozione. 
Stesso lasso di tempo per denunciarne la morte o la scomparsa. Obbligo di raccogliere le feci degli animali. 
I cavalli sportivi non possono stare più di 8 ore continue all'interno dei veicoli che li trasportano , è necessario disporre di un'apertura che permette all'animale di guardare all'esterno. 
 Il cavallo non può essere lasciato da solo per più di 10 ore durante la giornata lavorativa, o essere legato a veicoli , cassonetti o altri elementi in movimento .


Che dire, grande stima.
 L’ Italia è definita un paese più evoluto dell’ Uruguay, ma su questo ci sarebbe molto da discutere!!!

 Fonte: NonSoloAnimali

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...