venerdì 19 ottobre 2018

Xiaohe, un cimitero nel deserto di 4000 anni


Nell’estremo oriente del desolato deserto del Taklamakan, a centinaia di chilometri dall’insediamento più vicino, un gruppo di fitti paletti di legno segna il posto di un cimitero di 4000 anni.

 Il cimitero si trova in cima a una piccola duna di sabbia. I pali di legno, le cui cime sono state scheggiate da secoli di forte vento, sono le pietre tombali di coloro che giacciono sepolti sotto.
 L’estate secca e gli inverni gelidi hanno contribuito a preservare i corpi a tal punto che si possono ancora vedere le caratteristiche e i contorni dei loro volti.

 Uno di questi corpi mummificati, soprannominato “La bellezza di Xiaohe”, doveva essere una donna straordinariamente bella quando era viva. 



Il cimitero fu scoperto all’inizio del XX secolo da un cacciatore locale di nome Ördek.
 Il cacciatore uiguro stava vagando per una zona del deserto inospitale quando inciampò attraverso la foresta di pali di legno con ossa umane e antichi manufatti religiosi disseminati intorno. Credendo che il posto fosse infestato, si affrettò a non tornare più. 

Decenni dopo, un esploratore e archeologo svedese, Folke Bergman, stava curiosando nella regione alla ricerca di antiche rovine legate alla leggendaria Via della Seta quando qualcuno lo aveva diretto a Ördek.
 Ördek spiegò a Bergman come trovare il cimitero ma rifiutò di andare con lui.
 Bergman riuscì comunque a trovare il sito e lo chiamò la necropoli di Ördek.

 Bergman ha scavato circa una dozzina di corpi e recuperato circa 200 manufatti. 
Ha lasciato un resoconto abbastanza dettagliato delle sue scoperte nel libro Ricerche archeologiche nel Sinkiang, in particolare nella regione di Lop-nor .

 Bergman notò la forma insolita delle bare, che sembravano barche rovesciate. Dopo aver sistemato i morti in queste barche rovesciate, furono accuratamente coperti di pelle di mucca e seppelliti nella sabbia insieme a cesti di paglia contenenti grano e altri cereali alimentari.
 I paletti di legno furono poi conficcati nel terreno.
 L’intero sito, scriveva Bergman, era disseminato di monumenti in legno a forma di remo e figure umane in legno.



Il cimitero fu quasi dimenticato fino ai primi anni del 2000, quando gli archeologi cinesi condussero una spedizione nel sito.

 Hanno scoperto che la scoperta di Bergman era molto più notevole di quanto inizialmente pensato.
 Gli archeologi hanno trovato centinaia di corpi sepolti cinque strati in profondità, insieme a mummie intatte, le mummie più antiche e meglio conservate nella zona del bacino di Tarim in Cina.

 “Mai prima d’ora un numero così elevato di mummie è stato trovato in un singolo sito in qualsiasi parte del mondo”, ha dichiarato Idelisi Abuduresule , ricercatrice e capo dello Xinjiang Cultural Relics and Archaeology Institute.

 Gli archeologi hanno anche scoperto varie figure e animali scolpiti nel legno, piccole maschere di legno e sculture in legno di genitali maschili e femminili, tra le altre cose.

 “Tutto questo ci ha portato in un mondo misterioso permeato da un’atmosfera religiosa originale”, ha detto Idelisi. “La ricca connotazione culturale delle Tombe Xiaohe è senza pari tra le scoperte archeologiche cinesi e straniere”.

 La necropoli di Ördek era ora chiamata il cimitero di Xiaohe, dopo un fiume asciutto nelle vicinanze. Ma l’archeologo preferisce chiamarlo il piccolo cimitero del fiume n. 5. 

 Una delle scoperte più interessanti è che, sebbene il cimitero si trovi in ​​Cina, i cadaveri presentano forti tratti europei con capelli castani e nasi lunghi.
 Le analisi genetiche delle mummie hanno mostrato che i lignaggi materni del popolo Xiaohe provenivano dall’Asia orientale e dall’Eurasia occidentale, mentre i lignaggi paterni provenivano tutti dall’Europa. 

Gli archeologi credono che le popolazioni europea e siberiana probabilmente si siano sposate prima di entrare nel bacino di Tarim circa 4000 anni fa.
 Il bacino di Tarim era già asciutto quando il popolo Xiaohe vi entrò costringendoli a vivere ai margini della sopravvivenza fino a quando i laghi e i fiumi dai quali dipendevano alla fine si seccarono intorno al 400 dC.


Fonte: Amusingplanet
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...