sabato 28 ottobre 2017

In Cile c’è una laguna rossa che, fino a qualche anno fa, il mondo ignorava


A vederla, è tanto spettacolare quanto straniante: la Laguna Roja, in Cile, è stata svelata al mondo solamente nel 2009. Perché questo luogo sperduto, immerso nell’arido paesaggio delle Ande cilene, fino a quel momento era noto solamente alla gente del luogo: neppure il Servizio Nazionale del Turismo sapeva della sua esistenza.

 Posto a 3.700 metri d’altezza, quello che è una sorta di lago dalle acque rosse come il sangue, dista 150 chilometri da Iquique, città nel nord del Paese.
 A custodire i suoi segreti e le sue leggende, per secoli, sono stati gli Aymara, una popolazione che vive prevalentemente vicino al lago peruviano di Titicaca, ma anche in Cile, in Bolivia, nel nord del Cile e nel nordest dell’Argentina. 
Sono stati loro, a circondare di un’aurea di mistero la Laguna Roja. C’è infatti una maledizione, che ruota attorno a queste rossissime acque: pare che, chiunque vi si avvicini, ne venga colpito.
 Ed è (anche) questo il motivo per cui, fino al 2009, la Laguna non compariva sulle mappe, e nessuno sapesse indicare con esattezza il punto esatto in cui si trova. 
Dietro questa credenza vi è la morte di numerosi Aymara per avere bevuto le acque di questo lago ritenuto “malvagio”.


Dalla profondità sconosciuta e l’alta temperatura (che oscilla costantemente tra i 40° e i 50°), la Laguna Roja ha anche due “gemelle”. 
Più piccole, e dai colori diversi: l’una gialla, l’altra verde. 

L’impressione è quella di trovarsi in un luogo mistico, ed è accentuata dal fatto che dei veri e propri studi – su questo sito – non sono mai stati condotti.
 La particolare colorazione rossa delle acque, ad esempio, è stata solamente ipotizzata: pare sia dovuta a particolari specie di alghe, o forse a sedimenti qui disciolti.

 La popolazione locale, invece, crede sia di natura soprannaturale: leggenda vuole che, a seguito di una lunga siccità, fossero state offerte tre vergini in sacrificio agli dei, perché questi concedessero un po’ di pioggia. Le ragazze furono abbandonate, legate a dei pali, in tre punti diversi. 
I tre punti in cui ora si trovano le tre lagune.
 L’acqua dunque arrivò, ma loro lanciarono una maledizione: chi avesse bevuto le acque di quei laghi, o ci si fosse immerso, avrebbe avuto gravi sciagure.






Fonte: siviaggia.it
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...