venerdì 4 novembre 2016

La super Luna "extra" del 14 novembre 2016


Anche se il termine è tutto fuorché scientifico, con l'espressione super Luna questa espressione si intende la coincidenza del plenilunio con il momento di massimo avvicinamento alla Terra (perigeo). 

Non è un evento raro (accade circa una volta all'anno) e neppure nefasto (come molti complottisti tendono a credere).
 Ma il 14 novembre 2016, quando il nostro satellite entrerà nella fase di Luna piena circa un paio d'ore dopo il perigeo, gli amanti del cielo notturno potranno assistere a una super Luna ancora più "super".


Alle 12:24 ore italiane, infatti, la Luna si troverà alla minima distanza dalla Terra, 356.511 km.
 Poco meno di due ore e mezza più tardi, alle 14:52 ore italiane, il nostro satellite raggiungerà il culmine della fase di Luna piena.

 Non solo si tratterà della Luna piena più vicina alla Terra del 2016, ma sarà anche la più grande Luna piena visibile da 70 anni: l'ultima così si è verificata nel 1948, e la prossima arriverà il 25 novembre 2034.

 Una Luna piena al perigeo può risultare il 14% più grande e il 30% più brillante di una Luna piena in apogeo, ma non è sempre facile notare la differenza.
 La luminosità può essere schermata dalle nuvole o annullata dalle luci delle città; e senza riferimenti reali in cielo per "prendere le misure", anche il vantaggio in termini di diametro angolare (cioè la misura del suo diametro rispetto alla distanza dall'osservatore) rischia di perdersi.
 Una Luna molto vicina all'orizzonte e a punti di riferimento terrestri (come alberi o case), per esempio, risulta apparentemente molto grande anche se in apogeo.
 Poiché questa super Luna sembrerà il 12% più grande delle altre Lune piene al perigeo, gli appassionati di fotografia potranno provare a fotografarla e a comparare lo scatto con altri di super Lune precedenti o successive (a parità di contesto e strumentazione).
 La differenza si dovrebbe notare, ed è anche un'ottima occasione per fotografare il nostro satellite. 

 Il primo termine di paragone utile sarà quello del 14 dicembre 2016. 
Quella super Luna, anche se non esagerata come quella che sta per arrivare, sarà notevole per un altro aspetto: con la sua luminosità oscurerà in parte lo sciame meteorico delle Geminidi.

 Fonte: focus.it

Un'isola in mezzo al deserto dello Yemen


Un paesaggio surreale, quasi uscito dal Signore degli Anelli.
 Lo regala il villaggio di Haid Al-Jazil, in Yemen, un'isola da mille e una notte in equilibrio su un blocco roccioso, nel sud della penisola arabica.


Non ci sono fiumi o laghi in Yemen.
 L'unica fonte di acqua per le persone che vivono lontano dalla costa si presenta sotto forma di valli fluviali stagionali chiamate wadi.
 Per questo motivo, vengono costruiti villaggi come Haid Al-Jazil sopra queste valli, al fine di sfruttare la maggior parte di queste fonti d'acqua temporanee. E il risultato architettonico sembra essere uscito da un racconto di Tolkien.

 Le case di Haid Al-Jazil sono state costruite su un enorme blocco di pietra a 150 metri d'altezza e godono di una surreale vista a 360 gradi sulla vallata del Wadi Dawan, nel mezzo del deserto, sulla Via dell'incenso.
 Queste costruzioni sono composte da mattoni di fango con pavimenti in legno che separano un piano da un altro, e sebbene possano sembrare delle primitive capanne sono innovative e sofisticate, in grado di resistere alle stagioni delle piogge che minacciano di lavare via tutto: vengono costantemente ristrutturate, ma le popolazioni hanno sviluppato tecniche che consentono di realizzare case anche di 11 piani.
 E alcune di esse esistono da più di 500 anni. 

 Fonte: www.lastampa.it
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...