giovedì 20 marzo 2014

I segreti nascosti del supermercato


I ricercatori del marketing hanno lavorato anni per essere sicuri che l’ acquirente comune guardi più prodotti possibili durante la spesa, perché più vedono, più comprano.
Fare la spesa nel supermercato sembra una attività innocua. Tutti facciamo la spesa almeno una volta a settimana senza però prestare troppa attenzione a ciò che accade dietro le quinte del supermercati. Il nostro modo di comprare è diventato una scienza fra le più studiate e con il maggior numero di ricercatori nel mondo. 
Quindi se vuoi essere un acquirente intelligente leggi questi trucchetti e segreti nascosti nel supermercato.


In accordo con gli studi fatti sui carrelli, più del 60% di questi danno rifugio a batteri coliformi (la specie di batteri che si ritrova sulle toilette pubbliche!). 
Il Dr. Chuck Gerba, microbiologo dell’ Università di Arizona dice :”Questi batteri potrebbero venire dalle verdure non ancora lavate, dai salumi non ancora spellati, dalle mani sporche dei clienti o dai bambini che si siedono nei carrelli. 
Basta pensare che dove avete messo i broccoli pochi minuti prima si trovava il sedere di un bambino”. 
Secondo gli studi fatti da Gerba e sui collaboratori, i carrelli della spesa hanno più batteri di tutte le superfici da loro studiate, incluse le tavolette del wc e i poggiatesta dei treni.
 Per evitare di sporcarsi con questi fastidiosi batteri Gerba suggerisce di pulire il manico del carrello con dei fazzoletti igienizzati e di lavarsi le mani dopo aver fatto la spesa.


Chiunque faccia la spesa con dei bambini sa che deve porre attenzione alle cose che questi prendono e buttano nel carrello. Marion Nestle dice :”Dico sempre ai genitori di non fare mai la spesa con i figli. Le scatole con su disegnati dei cartoni animati sono sempre posizionati negli scaffali più bassi dove anche i bambini ai primi passi possono arrivare”. 
Un viaggetto nel corridoio dei cereali ve lo confermerà, Tara Gidus della American Dietetic Association dice: “I cereali zuccherati sono al livello degli occhi dei bambini, mentre quelli salutari e ricchi di fibre sono negli scaffali più alti “. 
E’ la stessa situazione che si ritrova ai registratori di cassa dove le caramelle e le gomme sono strategicamente posti per incoraggiare acquisti impulsivi di adulti e bambini che posso facilmente afferrare questi piccoli prodotti.


Nel reparti cibi freschi possiamo trovare delle belle fette di anguria già tagliate o verdure e insalata fresca lavate e tagliate. 
Nella zona macelleria il petto di pollo ,come anche le bistecche ,sono già affettate e anche marinate, pronte per essere cotte. Non si può negare che questi cibi già tagliati rendano la vita più facile a anche i nutrizionisti concordano sul fatto che ciò fa aumentare il consumo di vegetali o frutta e quindi è una buona cosa per la salute. Bisogna però almeno tener presente che si sta pagando un sovraccarico di prezzo abbastanza elevato (alcune volte più del doppio, basta leggere il prezzo al chilo e non della singola confezione) per una cosa che potremmo fare da soli.


I cibi che fanno bene alla salute sono nascosti! 
 L’esempio classico è quello della pasta integrale che è posta negli scaffali più bassi o anche i cibi biologici che spesso hanno un piccolissimo scaffale tutto loro vicino ai cibi etnici.
 Marion Nestle dice: “Le compagnie alimentari pagano i negozi per posizionare i loro prodotti dove possono essere visti più facilmente, come ad esempio nelle esposizioni alla fine delle corsie”. 
Il concetto è quello di posizionare oggetti ad alto profitto o anche gruppi alimentari come le cioccolate per ispirare acquisti compulsivi; e anche se alcune volte queste esposizioni sono usate per promuovere articoli in offerta, le persone comprano anche se non ci sono offerte.
 Il Dr. Brian Wansink direttore del Laboratorio Food and Brand dell’ Università di Cornell e autore di Mindless Eating dice :” Le persone comprano il 30% in più di prodotti che sono posizionati nelle esposizione di quelli a metà del corridoio, anche perché pensiamo che il vero affare si trova alla fine”.


Chi può resistere ad offerte tipo “Compra 5 e ne hai uno gratis”, o “3 per un Euro”? 
Apparentemente solo poche persone.
 Il Dr. Brian Wansink dice: “Ogni volta che vediamo un numero in un cartello pubblicitario su uno scaffale compreremo circa il 30% in più di quel prodotto di quanto intendevamo comprare” e quindi se compri di più di quanto hai bisogno non sarà necessariamente un affare! O ancora peggio ti farà consumare di più. 
Sempre Brian Wansink ci dice : “Una volta che il prodotto è in casa lo mangerete anche senza volerlo… è così un peccato buttare il cibo”. 



Non solo il percorso come tutti sanno è sempre obbligato a causa della disposizione degli scaffali ma nei grandi supermercati spesso siamo obbligati a seguire un percorso senza accorgercene.
 Il percorso “obbligato” è infatti creato senza barriere architettoniche ma seguendo i bisogni primari degli acquirenti tipo il pane, la pasta, il latte e le verdure; seguendo questi percorsi ci troveremo con il 60-70% di prodotti in più di quanto avevamo preventivato.


 Tratto da : ilfattaccio.org

Niegel Farange Un uomo che ha il coraggio di dire le cose in faccia



Nigel Paul Farage (Farnborough, 3 aprile 1964) è un politico britannico, leader dell'UKIP, ruolo che ha precedentemente ricoperto dal settembre 2006 al novembre 2009.
Deputato europeo, è co-presidente del gruppo Europa della Libertà e della Democrazia dal 1º luglio 2009.
Le battaglie di Nigel Farage sono in difesa delle sovranità nazionali. Il 16 novembre 2011 ha denunciato, al parlamento europeo, ciò che ritiene essere il ribaltamento dei governi italiano e greco, per instaurare "Puppet Government", cioè governi fantoccio, accusando, tra gli altri, il Presidente del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy di non essere mai stato eletto per rappresentare 500 milioni di persone, affermando anche che il suo carisma è "Pari a quello di uno straccio bagnato!".
Il 13 giugno 2012, in un suo intervento al Parlamento Europeo, Nigel Farage ha duramente criticato la manovra di aiuti al sistema bancario spagnolo, definendo, tra le varie cose, il premier spagnolo Mariano Rajoy un incompetente, e ha concluso il proprio discorso affermando che “l'Euro Titanic ha ormai colpito l'iceberg” e che “non ci sono abbastanza scialuppe di salvataggio”.
Il 25 febbraio 2014 ha accusato il ministro delle economia Greco e l'intero EuroParlamento di dire il nulla, perché nessuno racconta qual è la reale situazione greca.
Nello stesso intervento ha dichiarato che "stiamo svalutando il Mediteranneo portandolo allo stesso stato del <>".
Farage è attivo nel denunciare come la Troika comandi sull'intero continente europeo, come si "commisionino" gli stati in difficoltà per colpa della moneta unica, come Italia, Grecia e Spagna, dove i governi sono stati sostituiti da Primi Ministri fantocci alle dipendenze dell'Europa.

Il manifesto - La solidarietà europea di fronte alla crisi dell'Eurozona

Testo del manifesto e elenco dei firmatari. Tutti illustri economisti



Segmentazione controllata della zona euro al fine di preservare le conquiste più preziose di integrazione europea
La crisi dell'Eurozona mina l'esistenza dell'Unione europea e il Mercato comune La creazione dell'Unione europea e il rango del Mercato comune europeo tra i più grandi successi politici ed economici del dopoguerra .
Il notevole successo dell'integrazione europea è stato il risultato di un modello di cooperazione , che serviva tutti gli Stati membri , minacciando nessuno di loro .
L'Euro è stato creduto  essere un altro passo importante sulla strada della maggiore prosperità in Europa.
Invece , l'Eurozona , nella sua forma attuale , è ormai una seria minaccia per il progetto di integrazione europea .
I paesi meridionali dell'Eurozona sono intrappolati in recessione e non possono ripristinare la loro competitività svalutando le loro monete .
D'altra parte , i paesi nordici della zona euro sono invitati a compromettere i loro valori di politiche finanziarie prudenti e ad agire come previsto ' tasche profonde per finanziare Sud attraverso salvataggi infiniti .
Questa situazione rischia lo scoppio di gravi disordini sociali in Europa meridionale e mina profondamente il sostegno pubblico per l'integrazione europea nei paesi dell'Europa settentrionale .
L'euro , invece di rafforzare l'Europa , produce divisioni e le tensioni che minano le fondamenta stesse dell'Unione europea e il Mercato comune .
Una strategia sotto gli auspici di solidarietà europea La nostra opinione è che la strategia che offre la migliore possibilità di salvare l'Unione europea , la più preziosa conquista dell'integrazione europea , è una segmentazione controllata della zona euro tramite un'uscita concordato dei paesi più competitivi.
L'euro può quindi rimanere - per un certo tempo - la moneta comune dei paesi meno competitivi .
Sarebbe infine significare un ritorno alle valute nazionali o alle diverse valute che servono gruppi di paesi omogenei .
Questa soluzione sarebbe espressione della solidarietà europea .
Un euro più debole potrebbe migliorare la competitività dei paesi dell'Europa meridionale e aiutarli a sfuggire recessione e tornare alla crescita economica .
Sarebbe anche ridurre il rischio di panico bancario e il crollo dei sistemi bancari nei paesi dell'Europa meridionale , che si verificherebbero se sono stati costretti a lasciare la zona euro e ha deciso di farlo a causa della pressione dell'opinione pubblica interna prima di una uscita dalla Eurozona dei paesi più competitivi.
La solidarietà europea sarà ulteriormente supportato da un accordo su un nuovo sistema europeo di coordinamento di valuta al fine di prevenire le guerre valutarie , così come le fluttuazioni valutarie eccessive tra i paesi europei .
Ovviamente , almeno in alcuni paesi del sud , riduzione del debito (scarto) sarebbe necessario .
L'entità di tali riduzioni, nonché i costi per i creditori sarebbe più piccolo , però , che in una situazione in cui tali paesi alloggiato nella zona euro attuali e le loro economie hanno sofferto sotto il potenziale di crescita e alta disoccupazione .
In questo modo , l'uscita dalla zona euro non significa che le economie più competitive non sostenere il costo di diminuire il peso del debito dei paesi in crisi .
Questo avverrà , però , in circostanze in cui tale assistenza dovrebbe aiutarli a tornare alla crescita economica , in contrasto con i salvataggi attuali, che ci portano da nessuna parte .
Perché questa strategia è così importante ?
Inutile dire , è nel nostro interesse comune che l'Unione europea torna alla crescita economica migliore garanzia di stabilità e la prosperità dell'Europa .
La strategia di segmentazione controllata della zona euro potrebbe agevolare tale risultato nel modo più veloce .

Tutti firmatari del Manifesto Europeo di Solidarietà 
– una soluzione possibile e alternativa alla crisi dell’eurozona

João Ferreira do Amaral - Professore di Economia e Politica Economica presso ISEG ( Facoltà di Economia e Management) presso l' Università di Lisbona (in pensione ) .
E 'stato consigliere economico del Presidente della Repubblica del Portogallo (1991-2000) e membro del Comitato di politica economica della CEE ( 1986-89 ) .
E ' attualmente membro del Consiglio economico e sociale del Portogallo.
Ha scritto sette libri di economia , politica economica e integrazione europea , quella più recente è Porque devemos sair fare euro ( Perché dobbiamo lasciare l'euro ) , Lisbona 2013 . João Ferreira do Amaral è un cittadino portoghese .

Alberto Bagnai - Professore associato di Politica Economica presso il Dipartimento di Economia dell'Università Gabriele d'Annunzio a Pescara ( Italia ) , e ricercatore associato presso CREMA ( Centre de Recherche en Economie Appliquée à la Mondialisation , Università di Rouen ) . I suoi interessi di ricerca si concentrano sulla sostenibilità del debito pubblico ed esterni in paesi emergenti; ha lavorato come consulente per UNECA su questioni relative alla convergenza macroeconomica in unioni monetarie africani. Nel tentativo di contribuire alla comprensione pubblica delle questioni economiche , corre da November 2011 un blog ( http://goofynomics.blogspot.com ) , e contribuisce a " Il Fatto Quotidiano ", come blogger e giornalista . Il suo ultimo libro " Il tramonto dell'euro " ( " Il tramonto dell'euro "), pubblicato nel 2012 , ha rianimato il dibattito sui costi e benefici della zona euro in Italia . Alberto Bagnai è un cittadino italiano .

Frits Bolkestein è stato membro della Commissione europea dal settembre 1999 al novembre del 2004, responsabile per il mercato interno , fiscalità e l'unione doganale . Ha iniziato la sua carriera politica nel 1978. Per molti anni Frits Bolkestein servito come membro del Parlamento per il VVD , il partito liberale olandese . E 'stato Ministro del Commercio Estero e il Ministro della Difesa . Ha studiato matematica, filosofia , greco ed economia presso le università di Oregon ( USA) , Amsterdam e Londra . Nel 1965 ha conseguito la sua laurea in giurisprudenza presso l'Università di Leiden . Frits Bolkestein è un nazionale olandese .

Claudio Borghi Aquilini - Professore in Mercati Finanziari presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore . La sua esperienza di lavoro comprende posizioni manageriali elevate nel settore finanziario in Italia . Ha lavorato come Managing Director e responsabile italiano Equità Prodotto in Deutsche Bank Ag - Milano (2001-2008) e in precedenza come capo di Milano di Equity Trading in Merrill Lynch . Attualmente contribuisce a ' Il Giornale ' come commentatore . Claudio Borghi Aquilini è un cittadino italiano . 

Giuseppe Di Taranto è Professore di Storia Economica e Commercio presso la LUISS " Guido Carli" ( Roma) , dove è anche membro del Consiglio di fondazione . E ' membro dell'Editorial Board del Journal of Economic History europea, di Economia Italiana / riesame delle condizioni economiche in Italia . E 'membro del comitato direttivo della Società Italiana di Storia Economica , e membro della Società Italiana di Economia . E 'stato membro del Consiglio Consultivo dell'Istituto di statistica italiano . Ha scritto ampiamente su istituzioni economiche internazionali e sull'economia della globalizzazione e dell'UEM . Giuseppe Di Taranto è un cittadino italiano .

Brigitte Granville - Professore di Economia internazionale e di Politica Economica presso la Scuola di Business e Management presso la Queen Mary University di Londra , dove è anche Direttore del Centro per la globalizzazione ricerca ( CGR ) . In tempi diversi , lei è consulente sulle questioni economiche - in particolare la politica monetaria - in una serie di mercati emergenti e dei paesi in via di sviluppo , tra cui Russia, Kazakistan , Ucraina , Uzbekistan e Costa d'Avorio . Questi incarichi di consulenza sono stati commissionati dai rispettivi governi o da organizzazioni del settore pubblico quali la Commissione europea o la Banca Mondiale . Nel 1992-1994 , Brigitte era un membro di un gruppo di consulenza politica economica diretto dal professor Jeffrey Sachs, che ha lavorato per il Ministero delle Finanze russo . In questo periodo ha svolto un ruolo di primo piano nel rendere il caso per lo smantellamento della zona rublo che comprendeva diverse ex repubbliche sovietiche dopo il crollo dell'Unione Sovietica . Il suo ultimo libro ' Ricordando l'inflazione ' stato pubblicato dalla Princeton University Press . Un cittadino francese , Brigitte Granville è stato nominato nel 2007 Chevalier des Palmes Academiques - un onore concesso dal governo francese per i servizi all'istruzione .

Mojmír Hampl - Vice - Governatore della Banca nazionale ceca ( CNB) ha nominato per il secondo mandato di sei anni nel 2012 . Vice - Governatore della CNB dal 2008 e membro del Consiglio di Amministrazione della CNB dal 2006 . Nel 2004-2006 , ha lavorato come direttore direttore esecutivo dell'Agenzia di consolidamento ceca , una bad bank statale . Nel 2002-2004 , ha lavorato come economista presso Česká Spořitelna - Erste Group Bank e anche un consulente esterno per il ministro delle Finanze della Repubblica Ceca in un gruppo di esperti la preparazione di una proposta di riforma della finanza pubblica . Si è laureato presso la Facoltà di Economia e Pubblica Amministrazione presso l'Università di Economia di Praga nel 1998. Ha difeso la sua tesi di dottorato presso la stessa Facoltà nel 2004 . Nel 2000-2001 ha studiato economia a livello post-laurea presso l'Università di Surrey nel Regno Unito. Mojmir Hampl è un nazionale ceco .

Hans- Olaf Henkel - Professore di International Management presso l'Università di Mannheim . Un ex presidente della Federazione dell'industria tedesca - BDI ( 1995-2000) . Ha lavorato in IBM dal 1962 , a capo di IBM Germania ( 1987-1992) , successivamente, il CEO di IBM Europe ( 1993-1994 ) . Dal 2001 al 2005 ha servito come presidente della Leibniz -Society . Commandeur de la Légion d'Honneur nel 2002. Hans- Olaf Henkel è un cittadino tedesco . Stefan Kawalec - amministratore delegato di Capital Strategy , società di consulenza strategica in Polonia . Nel 1989-1994 ha avuto un ruolo significativo nella preparazione e l'attuazione del programma di stabilizzazione economica e di trasformazione dell'economia polacca come consigliere capo Vice Primo Ministro e Ministro delle Finanze Leszek Balcerowicz , e successivamente come vice - ministro delle finanze . Un membro attivo dell'opposizione democratica e il movimento di solidarietà con il sistema comunista in Polonia . Co - autore del documento : S. Kawalec , E. Pytlarczyk , ' smantellamento controllato della zona euro : una strategia per salvare l'Unione europea e il Mercato unico europeo ' , German Economic Review , febbraio 2013. Stefan Kawalec è un cittadino polacco .

Michael Kelpanides - Professore Emerito di Sociologia presso l'Università Aristotele di Salonicco insegnare attualmente al livello post-laurea di Studi . Considerevole parte del suo lavoro passato è stata incentrata sulla critica del marxismo ( Das Scheitern der Marxschen Theorie und der Aufstieg des westlichen Neomarxismus , 1999) . La sua più recente pubblicazione : Politische dell'Unione Demos ohne Europäischen ? Die fehlende Gemeinschaft der Europäer als der Hindernis politischen Integration , novembre 2013. Michael Kelpanides è un cittadino greco .

Costas Lapavitsas insegna economia alla Scuola di Studi Orientali e Africani dell'Università di Londra . Ha fatto ricerca in economia politica del denaro e della finanza , l'economia giapponese , la storia del pensiero economico , storia economica . Durante gli ultimi tre anni i suoi interessi si sono concentrati sulla crisi dell'Eurozona , insieme ad un gruppo di ricercatori associati Research on Money and Finance presso SOAS . I suoi interessi di ricerca a lungo termine , tuttavia , si trovano con la finanziarizzazione del capitalismo . I suoi libri più recenti includono ' Approfittando senza produrre ' , Verso, 2013 , e ' crisi nella zona euro ' , Verso, 2012. Costas Lapavitsas è un cittadino greco .

Jens Nordvig - Managing Director , serve come Head of Fixed Income Research , Americhe e Global Head of Strategy valuta di Nomura , la banca di investimento globale. In precedenza , ha lavorato come stratega di valuta senior presso Bridgewater Associates e come senior Global Markets Economist di Goldman Sachs . Egli si è classificata # 1 nella ricerca valuta / Foreign Exchange nel Conto Survey Institutional Investor All America fisso 2012. Jens Nordvig è un cittadino danese .

Peter Oppenheimer , dopo aver iniziato la sua carriera presso la Banca dei Regolamenti Internazionali, Basilea , nel 1960 , principalmente insegnato economia alla Christ Church di Oxford dove è ormai un " emerito Student ", cioè in pensione Fellow . A metà degli anni 1980 è stato distaccato come Chief Economist presso il Royal -Peter Oppenheimer è un cittadino britannico .

Dutch Shell . Ha esperienza come direttore non esecutivo in una varietà di imprese , tra cui la vendita al dettaglio elettrici , editoria , giornalismo , finanza e commercio di materie prime . Durante il 1990 è stato ampiamente coinvolto in attività di consulenza nella ex Unione Sovietica , principalmente la Federazione russa . Prende anche un interesse nel settore dell'istruzione , compresa governatorato di scuole secondarie e le norme inutili e basso grado di somministrazione attualmente affliggono l'Università di Oxford . 


Ernest Pytlarczyk - Chief Economist di BRE Bank SA ( controllata di Commerzbank e la quarta più grande banca commerciale in Polonia) dove dirige la società di ricerca . Ha iniziato la sua carriera come analista di mercati finanziari con BRE Bank nel 2002 è stato assistente di ricerca presso l'Università di Amburgo ( Institute for Business Cycles ) e ricercatore presso la Deutsche Bundesbank a Francoforte sul Meno . Co - autore del documento : S. Kawalec , E. Pytlarczyk , ' smantellamento controllato della zona euro : una strategia per salvare l'Unione europea e il Mercato unico europeo ' , German Economic Review , febbraio 2013. Ernest Pytlarczyk è un cittadino polacco .

Antonio Maria Rinaldi - Docente di Finanza Aziendale presso l' Università Gabriele d'Annunzio a Pescara ( Italia) e del Corporate & Investment Banking presso la Link Campus University di Roma ( Italia ) . Ha servito come ufficiale presso la CONSOB ( Securities and Exchange Commissione italiana ) e direttore generale ( 1986-1993 ), del SOFID ( Financial Group capo dell'ENI ) . Autore de "Il Fallimento dell'Euro ? " ( 2011) , "Errore di Euro? " e " Europa Kaputt " ( 2013) . Antonio Maria Rinaldi è un cittadino italiano . 

Jean-Jacques Rosa - Professore di Economia e Finanza ( emerito ) . Professore universitario , Institut d' Etudes Politiques de Paris , 1978-2009 . Direttore e fondatore , Ph.D. programma in economia , Sciences Po Paris , 1978-2004 . Editor della sezione economica " Cheminement du Futur " , Le Figaro , 1987-2001 . Premiato dal titolo di " Economist of the Year" 1995 Le Nouvel Economiste . Jean-Jacques Rosa è cittadino francese .

Jacques Sapir - Professore di economia presso l' EHESS - Parigi e visiting professor presso MSE - MGU (Mosca ) . Si è formato congiuntamente in scienze politiche ed economia presso IEP - Parigi e scrisse il suo dottorato di ricerca " corto" sulla gestione del lavoro in guerre inter- Unione Sovietica , e il dottorato di ricerca " lunga " a cicli di investimento in post - guerra all'Unione Sovietica . Ha lavorato presso l'Università di Nanterre prima di entrare nel EHESS dove divenne capo del CEMI - EHESS nel 1997. Era uno dei pochi economisti a prevedere la Krach russa del 1998 . Da allora si è specializzato sia sul modello economico russo e sulle conseguenze macro - economiche della UEM . Corre un RussEurope blog molto attivo ( http://russeurope.hypotheses.org/ ) . I suoi ultimi libri : Faut -il Sortir de l' euro , Paris, Le Seuil , 2012 , tradotto in italiano . La transizione Vingt Ans Après ( con MM . Ivanter , Kuvalin e Nekipelov ) , Paris -Genève , Les Sirti , 2012 ( in corso di traduzione in russo ) . Jacques Sapir è un cittadino francese .

Juan Francisco Martín Seco - docente accademico in Introduction to Economics , Teoria della Popolazione e Finanza Pubblica . Egli appartiene al Corpo dei Comptrollers e Sindaci (Spanish Ministero delle Finanze) e il controllo delle cooperative di credito ( Banco de España) . Ha svolto le funzioni di Controllo Generale della generale dello Stato e il Segretario Generale delle Finanze . Editorialista in vari giornali e riviste : "El País " , " Cinco Días " , " Gaceta de los negocios " , "Diario 16" . Egli apparteneva alla redazione di " El Mundo " e " Público " . Attualmente editorialista del giornale " República " . Autore di numerosi libri, tra cui l'ultimo : "La Trastienda de la crisi " (2010 ) , "Qué Para los servimos Economistas ? ( 2010) , " Economía . Mentiras y trampas "( 2012) , " Contra el euro " ( 2013) . Juan Francisco Martín Seco è un cittadino spagnolo .

Antoni Soy - Professore di Economia Applicata presso l'Università di Barcellona. La sua ricerca è focalizzata sulla politica industriale e cluster soprattutto nei paesi e nelle regioni europee , e l'attuale crisi mondiale e , in particolare, la crisi dell'Eurozona . Ha conseguito Executive Master in Amministrazione Pubblica ( EMPA) da ESADE ( 2004-05 ) e un dottorato in Scienze Economiche e Aziendali , Universitat de Barcelona ( 1994) . Ha servito come Vice Ministro dell'Industria e Enterprise nel Governo della Catalogna dal dicembre 2006 al gennaio 2011. E 'stato consulente per varie Direzioni della Commissione Europea tra le altre istituzioni internazionali . Antoni Soy è dalla Catalogna in Spagna .

Alfred Steinherr - Docente presso la Scuola di Economia e Management presso la Libera Università di Bolzano , Italia . Fondatore Rettore della Libera Università di Bolzano (1998-2003) : Chief Economist e Direttore Generale , Economia e Informazione Direzione , Banca Europea per gli Investimenti , Lussemburgo ( 1995-2001) . Ha prestato servizio anche presso il Dipartimento di ricerca del Fondo Monetario Internazionale a Washington e come Consigliere economico alla Commissione dell'Unione europea . Alfred Steinherr è un cittadino tedesco .

Jean-Pierre Vesperini - docente della Facoltà di Giurisprudenza e Scienze Economiche della Universtiy di Rouen ed ex membro del Consiglio di Analisi Economica del Primo Ministro , in precedenza anche professore a Sciences Po di Parigi e HEC . Ha pubblicato molti libri di economia politica , la teoria macroeconomica e dell'economia internazionale. Il suo ultimo libro si intitola "L' euro" ( Dalloz , 2013) . Jean-Pierre Vesperini è cittadino francese .

L'equinozio di primavera


Può essere il 19, il 20 o il 21 marzo e quest’anno, per la settima volta consecutiva sarà il 20 marzo.
 E non è un errore. 
L’ equinozio di primavera, infatti, contrariamente da quello che abbiamo imparato da bambini e da quanto stabilito inizialmente dal Concilio di Nicea nel 325 d.C . e poi confermato nel 1582 da Papa Gregorio XIII, non cade necessariamente il 21 marzo. 

 Tanto per cominciare, con il termine equinozio,ci si dovrebbe riferire non a un giorno, ma a un istante. 

Quello in cui il Sole attraversa, passando dall’emisfero australe a quello boreale in marzo e viceversa in settembre durante l’ equinozio di autunno, l’ orizzonte celeste e tocca il cosiddetto punto vernale: ovvero l’ intersezione tra l’ eclittica e l’equatore celeste. Questo istante nel 2014 cade alle 17:57 in Italia del 20 marzo. 

Ovviamente non è il Sole a muoversi, ma è la Terra a raggiungere il punto della sua orbita in cui poi apparentemente la nostra stella sembra compiere questo passaggio.

 Questo è il punto in cui l’asse terrestre, che possiede un’inclinazione di 23°27’ (motivo per cui eclittica ed equatore celeste non cadono sullo stesso piano, è quasi parallelo al Sole e quindi i suoi raggi arrivano perpendicolarmente o quasi sulla superficie terrestre.

 Ciononostante e a discapito dello stesso nome equinozio (dal latino “ equi-nox“, “ notte uguale” al dì), non è vero neanche che in questo giorno, o nel suo corrispettivo autunnale, le ore di luce siano esattamente quante quelle di buio.

 Le prime sono leggermente di più a causa dell’effetto dell’atmosfera terrestre (vediamo la luce del giorno da prima che il Sole sorga a dopo che esso è tramontato).
 È vero invece che nel giorno dell’ equinozio, all’equatore, il Sole sorge perfettamente a Est, tramonta perfettamente a Ovest e a mezzogiorno si trova esattamente allo zenit. 
Oggi, poi, alPolo Nord comincia il giorno più lungo: terminerà solo fra sei mesi, a settembre, con l’equinozio d’autunno, quando comincerà la lunga notte, ovvero sei mesi di buio in attesa del ritorno di marzo.
 Il contrario avviene invece al Polo Sud.

 In realtà l’ equinozio di primavera (astronomica) è ogni anno leggermente in anticipo rispetto al precedente, a causa di un fenomeno chiamato precessione dell’asse terrestre o precessione degli equinozi e provocato dalla forma non perfettamente sferica della Terra e delle forze esercitate sul pianeta dal Sole e dalla Luna. Tuttavia, sempre grazie al calendario gregoriano e all’introduzione deglianni bisestili (e delle loro eccezioni) l’equinozio cade sempre nello stesso periodo anche se non esattamente il 21Marzo, giorno scelto come ufficiale da Gregorio per fare in modo che Pasqua arrivi sempre “ la prima domenica che segue il plenilunio successivo all’equinozio di primavera”, come stabilito a Nicea. Dall’inizio del nuovo millennio l’equinozio di primavera è stato il 21 marzo in due occasioni, nel 2003 e nel 2007, e tornerà a esserlo solo nel 2102. Nel 2044 e nel 2496, cadrà invece il 19 marzo. 


 http://www.wired.it/

Lezione di vita

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...