giovedì 3 gennaio 2013


I nostri amici

E poi ci sono loro..che arrivano nella tua vita regalandoti gioia e sorrisi...non chiedono niente...vogliono solo affetto, e ti viene così naturale..amarli. Da piccoli sono bellissimi, giocherelloni...crescendo poi diventano essenziali e parte di noi..in ogni momento felice o triste ci sono SEMPRE!

I fuochi d'artificio di capodanno... al rovescio

I fuochi d'artificio vi annoiano? Ne avete fatto una scorpacciata a capodanno? Visti all'incontrario sono "un'esplosione di stupore".

Un altro giro di giostra

Vivo ora, qui, con la sensazione che l’universo è straordinario,
che niente ci succede per caso e che la vita è una continua scoperta.
E io sono particolarmente fortunato perché,
ora più che mai,
ogni giorno è davvero un altro giro di giostra.



Tiziano terzani

Ernesto Cortazar - Just for You

L'alimentazione nell'antico egitto

Gli antichi egiziani ritenevano che la vita continuasse dopo la morte e che l’anima avesse ancora bisogno di mangiare, di bere e di tutte le cose di cui godeva in vita; è grazie a questo importante concetto che noi siamo in grado di conoscere in modo abbastanza approfondito gli usi alimentari e le caratteristiche delle mense di questo antico popolo. Nei corredi funerari delle tombe egizie infatti non venivano deposti solo i beni personali del defunto, ma anche abbondanti cibi e bevande conservati in vari tipi di contenitori, che dovevano garantire al morto di che sopravvivere nell’aldilà; spesso questi cibi e contenitori sono arrivati intatti fino ai giorni nostri. Nelle tombe egizie troviamo inoltre alcune serie di oggetti con una funzione essenzialmente magica, che dovevano fornire da mangiare e da bere per l’eternità all’anima del defunto, poiché i cibi nel corredo funerario potevano esaurirsi o deperire: si tratta delle stele funerarie, con la formula magica dell’offerta e la raffigurazione del pasto funerario da parte del defunto e dei parenti; delle statuette di servitori in atto di produrre alimenti di vario tipo; delle tavole d’offerta con le raffigurazioni dei vari cibi. Notizie sulla produzione alimentare dell’antico Egitto ci vengono infine dalle numerose scene di vita quotidiana scolpite o dipinte sulle pareti delle tombe, che con grande ricchezza di particolari avevano lo scopo di ricreare magicamente la vita terrena del defunto e soprattutto la produzione di cibi e bevande per la sua sopravvivenza. Tramite dunque i reperti conservati nei corredi funerari e le scene presenti nelle tombe, si è potuto arrivare a conoscere sia i prodotti alimentari finiti, sia le caratteristiche della loro produzione e i procedimenti della loro conservazione e cottura. Naturalmente i reperti dei corredi e le immagini delle tombe ci hanno tramandato le usanze alimentari di personaggi con buone possibilità economiche: l’abbondanza di disponibilità di cibo, che non tutti potevano permettersi, era ovviamente indice di ricchezza; anche nella statuaria egizia si può notare che l’adipe presente sul corpo di alcuni personaggi indica un alto livello sociale e grandi possibilità economiche. Ma l’antica saggezza egiziana non esitava ad ammonire contro gli stravizi e le esagerazioni della tavola! In alcuni papiri con “insegnamenti morali” si leggono infatti delle massime molto significative e anche molto attuali, come “Non ti abbuffare di cibo: chi lo fa avrà la vita abbreviata”, oppure “E’ gran lode dell’uomo saggio contenersi nel mangiare”, o infine “E’ meglio stentare dalla fame che morire d’indigestione”.
Nell'antico Egitto la base dell'alimentazione erano pane e birra e grandi rilevanza avevano vino e olio. Si praticavano caccia e pesca, ma erano gli orti anche di piccole dimensioni, diffusi sia presso le case dei contadini che nelle grandi ville dei ricchi dignitari, ad assicurare l'apporto proteico. Nei frutteti venivano coltivati cocomeri, meloni, fichi, palme da dattero, e fra il XVI e il X sec. a.C., a seguito dei contatti commerciali con il Mediterraneo orientale, arrivarono sulle tavale agiziane meli, melograni e olio. Si raccoglieva e apprezzava anche la frutta selvatica, come le giuggiole (simili alle ciliegie) e le noci di palma dum.

Barche di lusso



“History Supreme” è uno yacht di lusso unico e speciale. Probabilmente è anche il più costoso del mondo. Il progetto ha coinvolto Stuart Hughes, chiamato a mettere a frutto la sua straordinaria competenza nel concepire e realizzare prodotti preziosi.
Un’avventura inedita e coinvolgente per il maestro di Liverpool, scelto per esaudire i sogni di un ricco uomo d’affari malese. L’autore britannico ha affrontato con dedizione la mastodontica sfida, premiato da un risultato che conferma il suo valore professionale. Per completare l’opera ci sono voluti 3 anni e 100 mila chilogrammi di oro massiccio e platino, allo scopo di dare forma a un modello sfavillante, destinato a brillare nei mari del pianeta.
Questo gioiello nautico di 30.5 metri è stato decorato da Hughes con esteso impiego di materiali preziosi, presenti in ogni volume dell’opera. La master suite è adornata con pareti in pietra meteorica e osso di dinosauro T-Rex. Il costo è di 3 miliardi di sterline. Conoscete un esemplare più caro?
Uno sguardo ai misteri dei buchi neri ed alle teorie dell'esistenza di altri fenomeni "analoghi", come piccoli o microscopici buchi neri, a livello atomico, ed i buchi bianchi, dove la materia verrebbe emessa in una sorta di "wormole", possibile portale per altri punti dello spazio ed altre dimensioni.

A look at the mysteries of black holes and theories about the existence of other kinds of holes, such as "mini" or microscopic black holes that exist at the atomic level; "white holes" -- the opposite of black holes where matter is eject out; and "wormholes" -- gateways in hyperspace that connect points in space and time and possibly lead to other dimensions.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...