venerdì 30 novembre 2018

Scoperta in Israele una meravigliosa maschera di pietra di 9000 anni fa


Un’antica maschera di pietra fatta di calcare giallo-rosato e meticolosamente modellata con strumenti di pietra è stata recuperata in Cisgiordania, oggetto che sta fornendo nuove intuizioni riguardo un momento cruciale nella storia dell’umanità. 

“Scoprire una maschera fatta di pietra, con un tale livello di finitura, è molto eccitante. La pietra è stata completamente levigata e le sue caratteristiche sono perfette e simmetriche, con gli zigomi ben definiti. Ha un naso impressionante e una bocca con denti distinti “, ha detto Ronit Lupu dell’Unità di prevenzione dei furti dell’Autorità israeliana per le antichità in una dichiarazione inviata a IFLScience. 

Altre pubblicazioni hanno riferito che la maschera è stata inizialmente rubata prima di essere riconsegnata alle autorità, ma, questo deve ancora essere confermata da fonti ufficiali.

 La maschera risale a un periodo conosciuto dagli archeologi come il periodo neolitico pre-ceramico, che era stato caratterizzato da un passaggio da società di cacciatori-raccoglitori a uno di addomesticamento degli animali e agricolo e insediamenti stabiliti. Ciò portò ad una rivoluzione nella struttura sociale e ad un “forte aumento delle attività religiose rituali” che incorporarono figurine a forma umana, teschi intonacati e maschere di pietra probabilmente per adorare gli antenati.


“Era parte del rituale e della conservazione del patrimonio familiare che è stato accettato in quel momento”, ha detto Lupu. 
“Ad esempio, troviamo teschi sepolti sotto i pavimenti delle case domestiche, così come vari metodi di modellare e curare i teschi dei morti.
 Questo ha portato a intonacare teschi, modellare le fattezze del viso e persino inserire conchiglie per gli occhi.
 Le maschere di pietra, come quella di Pnei Hever, sono simili per dimensioni al volto umano, motivo per cui gli studiosi tendono a collegarle con tale adorazione.

Questa maschera è una delle 15 al mondo risalenti a questo periodo, solo a due di esse gli archeologi sono stati in grado di stabilire un’origine conosciuta.
 Le altre 13 si trovano in collezioni private in tutto il mondo, rendendole difficili da studiare e ancora più da collocare in un determinato periodo storico 

 “Il fatto di avere informazioni riguardanti il ​​luogo specifico in cui è stata scoperta rende questa maschera più importante della maggior parte delle altre maschere di questo periodo che attualmente conosciamo”, ha detto Lupu a IFLScience. 

La maschera è attualmente oggetto di studio da parte dell’Autorità per le Antichità e dell’Indagine geologica di Israele.
 Presenteranno i loro risultati iniziali prossimamente all’incontro annuale della Israel Prehistoric Society .



Fonte: www.iflscience.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...