venerdì 22 marzo 2019

I resti di un naufragio sul Nilo potrebbero essere la prima prova che Erodoto non mentiva sulle barche egiziane


Una nave affondata trovata nel fiume Nilo, rimasta sul fondo indisturbata per oltre 2.500 anni, sta ora finalmente rivelando i suoi segreti. 
Gli scienziati pensano che la struttura di questa nave sia del tipo della cui esistenza si è dibattuto per secoli.


 Nel frammento 2.96 delle Storie di Erodoto, pubblicato intorno al 450 aC, lo storico dell’antica Grecia, che stava scrivendo del suo viaggio in Egitto, descrive un tipo di nave da carico del Nilo chiamata Baris.
 Secondo la sua interpretazione, sarebbe stata costruita come con dei mattoni, rivestiti di papiro e con un timone che passava attraverso un foro nella chiglia.

 Questo sistema di guida era stato visto in rappresentazioni e altri modelli nel periodo faraonico, ma fino ad ora non avevamo prove archeologiche certe della sua esistenza.


L’attenzione si è concentrata sulla nave 17, ritrovata nella città portuale ormai affondata di Thonis-Heracleion, vicino alla foce canopica del Nilo, datata al periodo tardo, 664-332 aC. 

Qui, i ricercatori hanno esplorato oltre 70 relitti, scoprendo innumerevoli artefatti che rivelano straordinari dettagli sull’antico centro commerciale e sulla sua cultura. 

Sebbene sia rimasta in acqua per almeno 2000 anni, la conservazione della nave 17 è stata eccezionale. 
Gli archeologi sono riusciti a scoprire il 70 per cento dello scafo. “E’ Quando abbiamo scoperto questo relitto che abbiamo realizzato che Erodoto aveva ragione”, ha detto a The Guardian l’ archeologo Damian Robinson del Centro di Oxford per l’archeologia marittima . La nave mostra, infatti, diversi elementi annotati da Erodoto. 
 “Le giunture del fasciame della nave 17 sono scaglionate in modo tale da conferire l’aspetto di ‘strisce di mattoni’, come descritto da Erodoto”, ha scritto l’archeologo Alexander Belov del Centro per gli studi egittologici dell’Accademia delle scienze russa in un Documento nel 2013
 “Il fasciame della Nave 17 è assemblato trasversalmente da tenoni straordinariamente lunghi che possono raggiungere 1,99 m di lunghezza e che passano fino a 11 stecche: questi tenoni corrispondono alle” puntate lunghe e ravvicinate “nella narrativa di Erodoto … Erodoto menziona anche la chiglia dei baris e la nave 17 ha una chiglia che è due volte più spessa del tavolato e dei progetti all’interno dello scafo. 

“ Ci sono alcune incongruenze però in quanto la nave che Erodoto descrive aveva tenoni più corti, che agivano come costole che tenevano insieme le assi di acacia dello scafo; e il Baris di Erodoto non aveva telai di rinforzo, mentre invece la nave 17 ne aveva diversi. 
Ma entrambe le incongruenze possono essere spiegate in quanto, se la nave 17, è lunga circa 27 metri, è più grande del Baris di Erodoto. “Erodoto descrive le barche come con costole interne lunghe, nessuno sapeva davvero cosa significasse … Quella struttura non è mai stata vista archeologicamente prima”, ha detto Robinson . 
“Poi abbiamo scoperto la modalità di costruzione su questa particolare barca è assolutamente quella che ci ha tramandato Erodoto”.


E, naturalmente, c’è quello splendido timone, che è infilato attraverso due fori nella poppa. Posizionati uno di fronte all’altro, questi fori sembrano aver permesso una guida migliore a seconda che la nave sia stata a pieno carico o vuota. 

Secondo questi risultati dettagliati, i ricercatori ritengono che la nave 17 sia così vicina alla descrizione di Erodoto che potrebbe essere stata costruita nello stesso cantiere navale.

 L’esplorazione di Belov della costruzione della nave è stata pubblicata in una monografia del Centro di Oxford per l’archeologia marittima, Ship 17: un baris di Thonis-Heracleion



Fonte: www.sciencealert.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...