mercoledì 20 aprile 2016

Sardegna, l'antico borgo colorato di Bosa


Bosa è un borgo antico della provincia di Oristano, in Sardegna ed è caratteristico per le sue case tutte colorate che da lontano, creano un effetto davvero suggestivo.


Qualche anno fa, Bosa si era aggiudicata il secondo posto come borgo più bello d’Italia dopo Gangi in Sicilia, durante il concorso nazionale lanciato dalla trasmissione tv, Il Kilimangiaro. 

 Abitata fin dall’epoca fenicia, Bosa ha avuto diverse dominazioni fino alla colonizzazione romana ed è famosa oltre che per il suo bel paesaggio che sorge sul Temo, l’unico fiume navigabile sardo, anche per la lavorazione di tessuti, di ricami di filet e di cesti intrecciati.






Facendo una passeggiata è possibile notare una varietà sconfinata di piante e alberi della macchia mediterranea, stesso discorso vale dal punto di vista faunistico, a Bosa nidificano, infatti, 58 specie tutelate, tra cui l’avvoltoio grifone.


Bosa è stata rinominata "Città del Sole", il suo borgo antico Sa Costa è in parte arroccato sulle pendici del colle di Serravalle, in cima al quale si trova il castello omonimo, edificato dalla famiglia toscana dei Malaspina tra il XII e il XIII secolo.

 Secondo la leggenda, esisterebbe un sentiero sotterraneo che dal castello porta alla cattedrale e che era usato dalla giovane castellana poiché il marito, estremamente geloso non le permetteva di uscire. Quindi, per potersi recare a pregare doveva passare da qui.
 Sempre secondo i racconti antichi, lo stesso marchese uccise la moglie per rabbia, tagliandole tutte le dita delle mani.
 Si dice che lo spirito della giovane sposa sia rimasto imprigionato nel castello, dove ancora oggi si può avvertire la sua presenza.


Anche gli amanti del mare e delle spiagge non rimangono delusi da Bosa perché essa offre calette meravigliose. 
La spiaggia di Bosa marina si è aggiudicata cinque vele nelle guida blu di Legambiente.




Dominella Trunfio

Ottanta scheletri ammanettati: inquietante scoperta archeologica in Grecia


Due fosse comuni sono state rinvenute nella regione del Delta Falirikon del sud di Atene, con gli scheletri di 80 giovani uomini, molti ammanettati a mani e piedi, e datati tra il 675 e il 650 aC. 
 A giudicare dai loro resti, gli archeologi pensano possa trattarsi dei seguaci di Cylon, un antico gruppo di greci olimpionici che ha cercato di impadronirsi della capitale ellenica oltre tremila anni fa. Quando le tombe sono state scoperte, gli archeologi hanno trovato gli scheletri tutti allineati, alcuni sulla pancia, e altri sulle loro spalle. 80 in totale, 36 sono stati ammanettati con arnesi in ferro.
 I loro denti sono stati trovati in buone condizioni, il che indica che i giovani erano uomini sani.
 Due piccoli vasi decorativi posti a fianco degli scheletri hanno permesso ai ricercatori di risalire all’età dei resti umani abbastanza accuratamente, a circa la metà del tardo 7 ° secolo aC – “un periodo di grande agitazione politica nella regione”, ha dichiarato il Ministero della Cultura di Atene alla stampa .

 Le tombe sono state scoperte in un antico cimitero alla periferia costiera di Atene durante i lavori di costruzione della nuova Biblioteca Nazionale di Grecia. 
 Tenuto conto della “grande importanza di questa scoperta”, il ministero ha annunciato che le autorità locali avvieranno ora un’istruttoria per verificare se si debba o meno analizzare l’area integralmente.


Dal momento che, all’epoca della morte, si trattava di uomini giovani, gli archeologi che hanno trovato gli scheletri ipotizzano che si trattasse dei seguaci di Cylon, i quali guidarono un fallito colpo di stato ad Atene come riportato dagli antichi storici Erodoto e Tucidide. 
 L’ipotesi avrebbe senso considerato il periodo storico della vicenda, che combacia con quello riportato dall’operazione di datazione. 
 Sembra che Cylon aspirasse a divenire un grande leader tiranno di capitale, ma che non tutti gli Ateniesi fossero d’accordo.
 Per questo l’aspirante dittatore chiese aiuto alla vicina città di Megara. 
 Analizzando l’Acropoli, durante il Festival di Zeus nel 632 aC , le cose sono andate molto male per Cylon, e mentre lui riuscì a scivolare fuori con il fratello e fuggire nell’oscurità, i suoi seguaci di Megaran furono messi con le spalle al muro dagli Ateniesi, e costretti a rifugiarsi nel tempio di Atena.
 Sono rimasti qui fino a quando si sono resi conto che non avevano cibo e, infine, affrontarono i nove arconti – o magistrati – di Atene. “Megacle, il capo archon, promise ai combattenti di risparmiar loro la vita, ma non appena questi si allontanarono dal tempio, egli ordinò la loro morte”, scrive lo storico Mary MacGregor . 
 Questi 80 scheletri potrebbero essere i resti di quei giovani soldati, che fino ad ora, non era stato contabilizzati. 

Fonte: globochannel.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...