venerdì 31 agosto 2012

Led Zeppelin - Moby Dick

Alla ricerca della terra ferma


Stiamo annegando nel grande oceano della banalità, che ci avvolge con le sue onde di ipocrisia
trascinandoci verso il fondo.
L’incoerenza, il finto moralismo e la falsità dilagano ed ognuno ostenta orgoglioso vizi travestiti da virtù, 

cullandosi fiducioso e sicuro nella saggezza dell’ignoranza.
In questo oceano, io nuoto… annaspo… dimenandomi per restare a galla.
Guardo verso l’orizzonte in cerca della terra ferma;
ma non la vedo.
Intanto arrivano altre onde… mi sommergono… mi spingono giù.
Faccio appello a tutte le mie forze… non voglio affondare.
Ogni volta riemergo. Riprendo a nuotare…
…e con lo sguardo fisso sull’orizzonte, a lunghe bracciate, vado alla ricerca di quella terra ferma che mi salverà.

Shadow show !

Come un grande giardino



Il cervello è come un grande giardino, se pianti pensieri di felicità, continueranno a crescere fiori stupendi, se pianti pensieri di tristezza nasceranno solo fiori brutti e sporchi.


(Ejay Ivan Lac)

Cheope La grande piramide e' una base aliena!

giovedì 30 agosto 2012

Niente ferisce, avvelena, ammala, quanto la delusione

Perché la delusione è un dolore che deriva sempre da una speranza svanita, una sconfitta che nasce sempre da una fiducia tradita cioè dal voltafaccia di qualcuno o qualcosa in cui credevamo. E a subirla ti senti ingannato, beffato, umiliato. La vittima d’una ingiustizia che non t’aspettavi, d’un fallimento che non meritavi. Ti senti anche offeso, ridicolo, sicché a volte cerchi la vendetta. Scelta che può dare un po’ di sollievo, ammettiamolo, ma che di rado s’accompagna alla gioia e che spesso costa più del perdono.

O. Fallaci

Freddie Mercury Tribute

Osservo attentamente


Non giudico le persone solitamente, ma sto ad osservare attentamente come trattano gli animali, ciò dice molto su come sono.

Se avessi messo la mano sul fuoco


Se avessi messo la mano sul fuoco su certe persone, oggi sarei ricoverata al reparto grandi ustionati.

Ci sono giorni ...


Ci sono giorni nella vita in cui non succede niente, giorni che passano senza nulla da ricordare, senza lasciare una traccia, quasi non si fossero vissuti. A pensarci bene, i più sono giorni cosi, e solo quando il numero di quelli che ci restano si fa chiaramente più limitato, capita di chiedersi come sia stato possibile lasciarne passare, distrattamente, tantissimi. Ma siamo fatti così: solo dopo si apprezza il prima e solo quando qualcosa è nel passato ci si rende meglio conto di come sarebbe averlo nel presente. Ma non c’è più.

Tiziano terzani

Provaci...


“E’ impossibile, disse l’orgoglio. E’ rischioso, disse l’esperienza. E’ inutile, tagliò la ragione. Provaci, sussurrò il cuore.”

La frquenza perfetta





Che fortuna riuscire a incontrare persone con cui sei in sintonia senza dover spiegare niente. La frequenza perfetta. Sorprendersi è il terzo verbo più importante dopo essere e amare.

La Domus Aurea

Il vero pericolo


“Il pericolo non viene da quello che non conosciamo, ma da quello che crediamo sia vero e invece non lo è”
- Mark Twain -

La differenza






I bambini trasformano situazioni difficili in un gioco, gli adulti riescono a trasformare un gioco in una guerra senza confini.

Yanni - To The One Who Knows

Evgeni Plushenko e Edvin Marton - Sirtaki

Il minimo dolore




Il minimo dolore del nostro dito mignolo ci preoccupa e ci turba molto di più del massacro di milioni dei nostri simili

La conquista del Polo Sud

mercoledì 29 agosto 2012

Vangelis - 1492 Conquest of Paradise

Io non trattengo nessuno


Io non trattengo nessuno. Non perché non ci tengo, anzi. Ma lascio agli altri la libertà di scegliere se starmi accanto o andare via, semplicemente perchè credo che chi vuole esserci c’è. Senza neanche che tu glielo chieda.

GRACE KELLY..... BELLISSIMA E DI CLASSE

Non potrai sbagliare




Se incontrerai qualcuno persuaso di sapere tutto e di essere capace di fare tutto non potrai sbagliare: costui è un imbecille!
Confucio

Murano la città del vetro

Rainbow - Blues & Beethoven

Ti sembro grossa?! Fammi andare sullo scivolo!

Sono le cose semplici che mozzano il fiato !


La nostra madre Terra

Tutti noi esseri umani siamo cresciuti in una grande casa comune: la Terra. La sua luce, il suo calore, la sua fertilità, le sue acque e la sua atmosfera sono le fonti della vita, così come è stato stabilito dalla grande energia universale.
  1. In questo cambio di millennio il nostro pianeta, la nostra Madre Terra, si vede minacciata da un caos che rischia di distruggerla. Noi stessi collaboriamo a questa distruzione, e anche se qualcuno di noi cerca di difenderla, non è abbastanza . Dobbiamo agire uniti con tutte le nostre forze e le forze che ci dona l’universo, per il bene di tutti gli esseri viventi e del pianeta che li ospita.

martedì 28 agosto 2012

L'umanità

L’umanità dovrebbe combattere per la bellezza della vita, e la salvaguardia della specie, invece di distruggere e uccidere per i soldi e il potere.

Re Artù stra storia e mito 1° parte

Re Artù tra storia e mito 2° parte

Per nessuno è tutto facile



Per nessuno è tutto facile, tutti abbiamo i nostri mostri da sconfiggere.
Non sai cosa gli atri stanno attraversando. Nessuno è perfetto e non è necessario esserlo.
Quindi prima di giudicare, criticare, condannare, ricorda che siamo tutti uguali combattiamo la nostra battaglia con la vita, con le armi che abbiamo.

I Minoici e l'isola di Santorini

Napoleone Bonaparte - Biografia

Le tecnologie di Nikola Tesla

EUROPA - Santana

Animali in via d'estinzione

Passato e futuro




L’UOMO SI ATTACCA AL PASSATO E VIVE CERCANDO DI RAGGIUNGERE IL FUTURO…
MA NON HA ANCORA IMPARATO A VIVERE SOLO ESCLUSIVAMENTE IL PRESENTE!

Pavarotti "nessun dorma"

I Bronzi di Riace

'A cunzegna

'A sera quanno 'o sole se nne trase

e da' 'a cunzegna a' luna p' 'a nuttata


lle dice dinto 'a recchia: "I' vaco a' casa:

t'arraccumanno tutt' 'e nnammurate".


Totò

Bob Marley. Jamming.

Firenze/Florence - La Basilica di Santa Croce

La carne potrebbe essere una delle cause di cancro

Vegetariano Tiziano Terzani

Angkor Wat Cambogia

Isola di Pasqua I Moai

Triangolo dell Bermude 1/2

Triangolo delle Bermude 2/2

Il mistero dei Beatles

Il diluvio e l'arca di Noè

Otzi L'uomo venuto dal ghiaccio

lunedì 27 agosto 2012

Louvre -Parigi

Questa è una conquista


Se decidi di vivere i sentimenti ,le tue emozioni,senza preoccuparti della gente hai raggiunto la cosa che più conta nella vita la capacità di essere persona libera che vive la propria vita a viso aperto,senza il timore di esprimere il proprio pensiero ,anche contro tutti.
Questa è una conquista.
 

Cattedrale di Notre Dame

Tango - Gotan Project _Santa Maria

Sii sempre il meglio






Se non puoi essere una via maestra, sii un sentiero. 
Se non puoi essere il sole, sii una stella. 
Sii sempre il meglio di ciò che sei. 


(Martin Luther King)

La leggenda della luna piena

In una calda notte di luglio di tanto tempo fa un lupo, seduto sulla cima di un monte, ululava a più non posso. 
In cielo splendeva una sottile falce di luna che ogni tanto giocava a nascondersi dietro soffici trine di nuvole, o danzava tra esse, armoniosa e lieve. 
Gli ululati del lupo erano lunghi, ripetuti, disperati. In breve arrivarono fino all’argentea regina della notte che, alquanto infastidita da tutto quel baccano, gli chiese: 
- Cos’hai da urlare tanto? Perché non la smetti almeno per un po’?- 
- Ho perso uno dei miei figli, il lupacchiotto più piccolo della mia cucciolata. Sono disperato… aiutami! - rispose il lupo. 
La luna, allora, cominciò lentamente a gonfiarsi. E si gonfio, si gonfiò, si gonfiò, fino a diventare una grossa, luminosissima palla. 
- Guarda se riesci ora a ritrovare il tuo lupacchiotto - disse, dolcemente partecipe, al lupo in pena. 
Il piccolo fu trovato, tremante di freddo e di paura, sull’orlo di un precipizio. Con un gran balzo il padre afferrò il figlio, lo strinse forte forte a sé e, felice ed emozionato, ma non senza aver mille e mille volte ringraziato la luna. Poi sparì tra il folto della vegetazione. 
Per premiare la bontà della luna, le fate dei boschi le fecero un bellissimo regalo: ogni trenta giorni può ridiventare tonda, grossa, luminosa, e i cuccioli del mondo intero, alzando nella notte gli occhi al cielo, possono ammirarla in tutto il suo splendore. 
I lupi lo sanno… E ululano festosi alla luna piena. 

Wolves - I lupi

La musica


La musica...questa incredibile evanescenza di note...
ci fa provare emozioni sempre diverse e sempre nuove, in base al nostro stato d'animo!

Disney-Fantasia-La danza delle ore

Yanni - One man's dream

Deep Purple - Soldier of Fortune

Misteri antichi

Il mito degli antichi abitatori della terra

Cappadocia -Turchia

Petra- Jemen

Vangelis -Freedom Marc

I Sassi di Matera

Antica Matera

La Basilicata

Puglia itinerario gastronomico

Itinerari in Puglia

DIRITTI DEGLI ANIMALI

Guru Josh Project -Infinity

Brignano e la politica

I nove mesi nel ventre materno

domenica 26 agosto 2012

Elvis Presley

Storica diretta RAI: "L'uomo sulla Luna" (1969)

009 Sound System

Led Zeppelin-The Rain Song

Fontane di Roma

Pianeta Venere


Il pianeta è Venere, la cui rotazione è retrograda (avviene cioè in senso contrario rispetto a quello degli altri pianeti) e anche molto lenta: un giorno dura circa 243 giorni terrestri. Siccome il pianeta impiega 225 giorni terresti per compiere un'intera rivoluzione attorno al Sole, si può dire che su Venere il giorno è più lungo dell'anno. 

Dubai

Grotta di ghiaccio in Slovenia


L'accesso si trova a circa 1000m di quota in fondo a un'inghiottitoio di una ventina di metri di profondità e molto umido...all'aperto c'erano 30°C, in fondo a questo inghiottitoio +5°C...sul fondo era ancora presente un nevaio (a 1000m ad agosto) e di fianco si apriva un buco nella roccia...entrando in questo buco e scendendo su una lunga scala metallica si arriva nella prima stanza della grotta e con estremo stupore ho potuto ammirare che la stanza era pavimentata da un lago di ghiaccio e che dai lati scendevano poderose colonne di ghiaccio da dei buchi dal soffitto.

Vivere


Ci sono solo due giorni all'anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l'altro si chiama domani, perciò oggi è il giorno giusto per amare, credere, fare e, principalmente, vivere.

Tempio di Hera Selinunte


A Selinunte, le maestose rovine del tempio Greco di Hera dividono lo spazio con i fiori selvatici, oltre duemila anni dopo la consacrazione del santuario. Un tempo erano almeno sette i templi che si ergevano in questo luogo, l’avamposto più occidentale della presenza greca in Sicilia. Due templi, saccheggiati e distrutti dai terremoti, sono stati in parte ricostruiti all’inizio del XX secolo.

Arte con l'anguria

Popolo dei Dogon (Mali)

Il pulcino Pio

La purezza della nostra mente


La nostra mente è pura come l’acqua.
Se ci mettiamo pensieri negativi
è come se 

la mescolassimo col fango rendendola opaca;
quello che dobbiamo fare è separare l’acqua dal fango
per conservarne la purezza.


(Lama Gangchen)

La semplicità è la forma della vera grandezza.


Inizia a salire


Non hai bisogno di vedere l’intera scalinata. Inizia semplicemente a salire il primo gradino.

M.L.KING

Uno tra tanti


No, io non sono un poeta nè uno scrittore. Sono solo uno fra tanti che esprime con rabbia i propri stati d’animo perchè vorrebbe vivere la vita come l’ha sognata sin da ragazzo, con giustizia, uguaglianza, amore, semplicità, gioia, serenità, col sorriso sempre sulle labbra e nel cuore
e la consapevolezza che questo mondo così bello “deve” essere di tutti…

Remembering Titanic

Incredibile macchina per la musica

Jethro Tull: Bourée

Roberto Bolle

energia pulita

Gesù Cristo è davvero esistito?

Ucciso Vittorio Arrigoni

Vittorio Arrigoni

La bella Napoli

Pensieri di un grande uomo


L'unico modo per non farsi consumare dal consumismo e' digiunare,
digiunare da qualsiasi cosa non sia assolutamente indispensabile,
digiunare da comprare il superfluo.
Basta rinunciare a una cosa oggi, a un'altra domani.
Basta ridurre i cosiddetti bisogni di cui presto ci si accorge di non avere affatto bisogno.
Questa e' la vera liberta': non la liberta' di scegliere, ma la liberta' di essere.
La liberta' che conosceva bene Diogene che andava in giro per il mercato di Atene
borbottando fra se' e se': "Guarda, guarda... quante cose di cui non ho bisogno!"
(Tiziano Terzani)

Le fontane danzanti di Las Vegas

Meccanismo di Antikytera

America - A Horse with No Name

La cappella San Severo Napoli

Guerra in Afganistan

Eurogendfor

Poesie di Totò

sabato 25 agosto 2012

I volontari di Chernobyl

Dream Theater - The Spirit Carries On

"la terra ha musica per coloro che ascoltano"







Dream Theater - Anna Lee

La macchia nera


Una volta, un maestro fece una macchiolina nera nel centro di un bel foglio di carta bianco e poi lo mostrò agli allievi.
“Che cosa vedete?”, chiese.
“Una macchia nera!”, risposero in coro.
“Avete visto tutti la macchia nera che è piccola piccola”, ribatté il maestro, “e nessuno ha visto il grande foglio bianco”.
La vita è una serie di momenti: il vero successo sta nel viverli tutti. Non rischiare di perdere il grande foglio bianco per inseguire una macchiolina nera.Perché il grande foglio bianco è la tua isola, ed è proprio davanti a te!
Così sono gli uomini: capaci solo di vedere le macchie nere, non sanno riconoscere l’immenso foglio bianco che è la loro vita. Tutti noi dovremmo essere, invece, consapevoli, che, nonostante le macchie nere della nostra esistenza, c’è, anche se nascosto, un bel foglio bianco, simbolo della vita, che vale sempre la pena di essere vissuta.

Lettera di un padre al figlio

Se un giorno mi vedrai vecchio: se mi sporco quando mangio e non riesco a vestirmi… abbi pazienza, ricorda il tempo che ho trascorso ad insegnartelo.
Se quando parlo con te ripeto sempre le stesse cose, non mi interrompere… ascoltami, quando eri piccolo dovevo raccontarti ogni sera la stessa storia finché non ti addormentavi.
Quando non voglio lavarmi non biasimarmi e non farmi vergognare… ricordati quando dovevo correrti dietro inventando delle scuse perché non volevi fare il bagno.
Quando vedi la mia ignoranza per le nuove tecnologie, dammi il tempo necessario e non guardarmi con quel sorrisetto ironico ho avuto tutta la pazienza per insegnarti l’abc; quando ad un certo punto non riesco a ricordare o perdo il filo del discorso… dammi il tempo necessario per ricordare e se non ci riesco non ti innervosire: la cosa più importante non è quello che dico ma il mio bisogno di essere con te ed averti li che mi ascolti.
Quando le mie gambe stanche non mi consentono di tenere il tuo passo non trattarmi come fossi un peso, vieni verso di me con le tue mani forti nello stesso modo con cui io l’ho fatto con te quando muovevi i tuoi primi passi.
Quando dico che vorrei essere morto… non arrabbiarti, un giorno comprenderai che cosa mi spinge a dirlo. Cerca di capire che alla mia età non si vive, si sopravvive.
Un giorno scoprirai che nonostante i miei errori ho sempre voluto il meglio per te che ho tentato di spianarti la strada. Dammi un po’ del tuo tempo, dammi un po’ della tua pazienza, dammi una spalla su cui poggiare la testa allo stesso modo in cui io l’ho fatto per te.
Aiutami a camminare, aiutami a finire i miei giorni con amore e pazienza in cambio io ti darò un sorriso e l’immenso amore che ho sempre avuto per te.
Ti amo figlio mio.

Pink Floyd - Shine On You Crazy Diamond

ENIGMA - MEA CULPA

Quello che ho imparato nella vita


La mummificazione degli Antichi Egizi

Il colosseo

La cosa più importante è parlare


In ogni rapporto umano, la cosa più importante è parlare.
Ma le persone non lo fanno più: non sanno più sedersi per raccontare e ascoltare gli altri.
Si va a teatro, al cinema, si guarda la televisione, si ascolta la radio, si leggono libri, ma non si conversa quasi mai.
Se vogliamo cambiare il mondo, dobbiamo tornare al tempo in cui i guerrieri si riunivano intorno a un falò e raccontare le loro storie.


Paulo Coelho

Un incanto chiamato musica




Ci sono melodie che entrano dentro, ti sfiorano, ti accarezzano, ti avvolgono in un abbraccio morbido e vellutato...E tu stai lì, immobile. Ascolti, respiri, chiudi gli occhi...e ti lasci andare, in quell'incanto chiamata musica!

Quello che ci tacciono perchè troppo scottante

Il miracolo della vita

venerdì 24 agosto 2012

Keith Emerson & Oscar Peterson - Honky Tonky Train Blues

Ice Hotel

Emerson, Lake & Palmer - Lucky Man

ALTERNATIVE AI DETERSIVI i rimedi della nonna

Ormai nessuno ha più tempo per nulla


Ormai nessuno ha più tempo per nulla. Neppure di meravigliarsi, inorridirsi, commuoversi, innamorarsi, stare con se stessi. Le scuse per non fermarci a chiedere se questo correre ci rende felici sono migliaia, e se non ci sono, siamo bravissimi a inventarle.

T.Terzani

Rose che sbocciano

I terremoti

In geofisica i terremoti (dal latino terrae motus, cioè "movimento della terra"), detti anche sismi o scosse telluriche (dal latino Tellus , dea romana della Terra), sono vibrazioni o oscillazioni improvvise, rapide e più o meno potenti, della crosta terrestre , provocate dallo spostamento improvviso di una massa rocciosa nel sottosuolo.

Tale spostamento è generato dalle forze di natura tettonica che agiscono costantemente all'interno della crosta terrestre provocando la liberazione di energia in un punto interno della Terra detto ipocentro ; a partire dalla frattura creatasi una serie di onde elastiche, dette "onde sismiche ", si propagano in tutte le direzioni dall'ipocentro, dando vita al fenomeno osservato in superficie; il luogo della superficie terrestre posto sulla verticale dell'ipocentro si chiama epicentro ed è generalmente quello più interessato dal fenomeno. La branca della geofisica che studia questi fenomeni è la sismologia .

Quasi tutti i terremoti che avvengono sulla superficie terrestre sono concentrati in zone ben precise ossia in prossimità dei confini tra una placca tettonica e l'altra: queste sono infatti le aree tettonicamente attive, ossia dove le placche si muovono più o meno lentamente sfregando o cozzando le une rispetto alle altre. Raramente i terremoti avvengono lontano dalle zone di confine tra placche (terremoti intraplacca ). In generale il movimento delle placche è lento, costante e impercettibile (se non con strumenti appositi); tuttavia in alcuni momenti e in alcune aree, a causa delle forze interne, delle pressioni, tensioni e attriti tra le masse rocciose... tali movimenti avvengono in maniera improvvisa e repentina ("come un ingranaggio che si sblocca") sviluppando così un terremoto: il costante ma lento slittamento tra placche diventa così in alcune aree e in alcuni momenti una sorta di movimento a scatto, blocco e sblocco, che genera così un terremoto

Chi lavora...





Chi lavora con le sue mani è un lavoratore.
Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano.
Chi lavora con le sue mani e la sua testa ed il suo cuore è un artista.

Colloqui di lavoro

Gengis Kan

Il sole

Storia delle catacombe


Nel primo secolo i cristiani di Roma non avevano cimiteri propri. Se possedevano dei terreni, seppellivano là i loro defunti, altrimenti ricorrevano ai cimiteri comuni usati anche dai pagani. Per tale motivo San Pietro fu sepolto nella "necropoli" ("città dei morti") sul Colle Vaticano, aperta a tutti; come pure San Paolo fu sepolto in una necropoli della Via Ostiense. 
Nella prima metà del secondo secolo, in conseguenza di varie concessioni e donazioni, i cristiani presero a seppellire i loro morti sottoterra. Ebbero così inizio le catacombe. Molte di esse sorsero e si svilupparono attorno a dei sepolcri di famiglia, i cui proprietari, neoconvertiti, non li riservarono soltanto alla famiglia, ma li apersero anche ai loro fratelli nella fede. A questo periodo si riferiscono i nomi di alcuni cimetri o catacombe che ricordano i proprietari, i benefattori, come le Catacombe di Priscilla sulla Salaria, di Domitilla sulla Via delle Sette Chiese, di Pretestato sull’Appia Pignatelli, le Cripte di Lucina sull’Appia Antica. Col passare del tempo le aree funerarie si allargarono, talvolta per iniziativa della Chiesa stessa. Tipico è il caso delle catacombe di San Callisto: la Chiesa ne assunse direttamente l'organizzazione e l'amministrazione, a carattere comunitario.

Con l'editto di Milano, promulgato dagli imperatori Costantino e Licinio nel febbraio del 313, i cristiani non furono più perseguitati. Potevano liberamente professare la fede, costruire luoghi di culto e chiese dentro e fuori le mura della città, e comperare lotti di terreno senza pericolo di confische. Tuttavia le catacombe continuarono a funzionare come cimiteri regolari fino all'inizio del quinto secolo, quando la Chiesa ritornò a seppellire esclusivamente sopratterra o nelle basiliche dedicate a martiri importanti.

Durante questo lungo periodo di tempo (400-800 circa d.C.), le Catacombe furono considerate autentici santuari dei martiri e numerosissimi pellegrini si recarono a visitarle con l’unico scopo di pregare presso le loro tombe. A questo periodo, specialmente, appartengono i devoti graffiti (brevi invocazioni di preghiere o ricordo di riti compiuti, incisi sugli intonaci delle cripte dai pellegrini) e la compilazione di alcuni itinerari (vere guide delle Catacombe).

Quando i barbari (Goti e Longobardi) invasero l'Italia e scesero a Roma, vi distrussero sistematicamente molti monumenti e saccheggiarono molti luoghi, incluse le Catacombe. Impotenti di fronte a tali ripetute devastazioni, verso la fine dell'ottavo e l'inizio del nono secolo, i papi fecero trasferire le reliquie dei martiri e dei santi nelle chiese della città, per ragioni di sicurezza.

Una volta terminata la traslazione delle reliquie, le Catacombe non furono più frequentate, anzi vennero totalmente abbandonate, ad eccezione di quelle di San Sebastiano, San Lorenzo e San Pancrazio. Col passare del tempo, frane e vegetazione ostruirono e nascosero le entrate delle altre catacombe, tanto che se ne persero perfino le tracce. Per tutto il tardo Medioevo non si sapeva neppure dove fossero.

L'esplorazione e lo studio scientifico delle catacombe iniziarono, secoli dopo, con Antonio Bosio (1575-1629), soprannominato il "Colombo della Roma sotterranea". Nel secolo scorso l'esplorazione sistematica delle catacombe, e in particolare di quelle di San Callisto, venne eseguita da Giovanni Battista de Rossi (1822-1894), che è considerato il fondatore e padre della Archeologia Cristiana.

Animali pazzi


” Sono sicuro che tornerai a prendermi… Forse per la troppa fretta sei partito in macchina senza aspettarmi oppure mi hai messo qui solo per farmi sgranchire un po’ le zampe perché il viaggio sarà lungo….. Non puoi esserti dimenticato di me….. Sono certo che tra qualche ora sarai qui!Mi siedo sul bordo della strada..le macchine che passano veloci mi spaventano ma cerco di pensare a te e a quei momenti gioiosi….., io a te non ho fatto nulla….è impossibile che sei arrabbiato con me!! Sono trascorsi 2 giorni e sono ancora qui!Ho fame…, ho sete e non riesco a procurarmi del cibo….i miei occhi incominciano ad appannarsi…non riesco a vedere quando ritorni…. sento il battito del mio cuore rallentare e penso che sta lasciandomi per sempre.Non puoi essere cattivo …so’ che tornerai…….ti sono stato sempre fedele…..tornerai……..”

SOGNO


Avevo un sogno….tenero, piccolo, dolce, delicato… 
In fondo ad un cassetto l’avevo dimenticato…. 
Per puro caso, un giorno, l’ho ritrovato… 
L’ho preso in mano, 
l’ho guardato, 

l’ho dolcemente accarezzato…
Ma poi la notte lentamente è passata,
un nuovo giorno è arrivato
e il mio piccolo, grande, ultimo sogno…
lentamente è svanito

AMICIZIA


Ci si dovrebbe comportare con i propri amici come noi vorremmo che si comportassero con noi. Quello che ci piace negli amici è la considerazione che hanno di noi. I falsi amici sono come la nostra ombra: ci rimane attaccata mentre camminiamo al sole e scompare quando attraversiamo una zona buia.

Spread

LO SPREAD 
Il divario di quotazione tra i titoli di stato italiani e quelli tedeschi.
Frutto di speculazioni finanziarie.
Il nostro debito e' salito a causa di questo, pensiamo cosa accadrebbe ai titoli in borsa sotto attacco? 
Il risultato è che gli interessi applicati volerebbero alle stelle 

L' economia data dalla media e piccola industria è stata distrutta
Spazzata via dalle multinazionali quasi tutte estere
Calano inevitabilmente i posti di lavoro
I salari sono tra i più bassi d'Europa
l'Italia tra i primi fondatori dell'europa tornerà ad essere una piccola potenza.
Se ne avvaleranno le multinazionali, al riparo nei loro luoghi di produzione esteri e quindi dalla pressione fiscale.
La Germania sta vincendo la sua terza guerra mondiale
In Europa.i politici si preoccupano solo di salvare privilegi e poltrone
Poi????? lasceranno la nave che affonda come topi
e si asserviranno al vincitore

giovedì 23 agosto 2012

Il ponte più alto del mondo

Tibet

I calchi delle vittime di Pompei ed Ercolano


"Il 5 febbraio del 1863 mentre si sgombrava un vicolo, il Fiorelli, il direttore degli Scavi, venne avvertito dagli operai che avevano incontrato una cavità, in fondo alla quale si scorgevano delle ossa. Ispirato da un tratto di genio, Fiorelli ordinò che si arrestasse il lavoro, fece stemperare del gesso, che venne versato in quella cavità e in altre due vicine.
Dopo aver atteso che il gesso fosse asciutto, venne tolta con precauzione la crosta di pomici e di cenere indurita. Eliminati dunque questi involucri, vennero fuori quattro cadaveri ".
Questo racconto descrive l'invenzione del metodo dei calchi, grazie al quale oggi possiamo scorgere le espressioni dei volti, le pieghe dei vestiti, le posizioni contorte in cui i Pompeiani furono sorpresi dalla furia del Vesuvio, ma anche sagome di porte, di armadi, di radici di piante, di animali. 
Il metodo si applica ai corpi sommersi, nella fase eruttiva finale, dalla pioggia di cenere che, col tempo, solidificandosi ne ha preso la forma e, dopo la loro naturale decomposizione, ha creato nel terreno una cavità con la loro impronta. 

Ecco quello che è emerso dal riempimento di calchi, fatti con il gesso. Possiamo scorgere la tremenda tragedia che si è consumata e di come la grande eruzione abbia sterminato e ucciso. Crudele ma allo stesso tempo affascinante, sembra di rivivere quelle sensazioni di paura e di orrore. Dalla posizione dei calchi, possiamo dedurre che la morte sia venuta ad opera dei gas nocivi che l'eruzione ha disperso nell'aria, successivamente tutto è stato coperto da cenere e lapilli incandescenti. Una delle foto ci raffigura anche un cane, ancora legato al guinzaglio e poi donne e bambini rannicchiati, come a volersi quasi addormentare prima del disastro per non vedere nulla. Di questi reperti ne sono stati trovati tantissimi e ciò fa pensare che gli antichi non abbiano nemmeno avuto il tempo di scappare, senza quasi rendersene conto. E' stato possibile ricostruire anche cosa stessero facendo in quel momento. 

Storia del cinema

I celti

antica Efeso

buchi enormi in tutto il mondo

My Lady D'Arbanville - Cat Stevens

Siamo come candele accese


Siamo come candele accese. Il rosso della fiamma non è l’unico colore, ma solo il più esterno e visibile. Ci sono anche il giallo e il blu: alla base, intorno allo stoppino. Allo stesso modo in noi convivono tre livelli di “combustione”: il rosso delle passioni all’esterno, il giallo delle emozioni e, alla base, il blu dello spirito. Chi passa la vita a inseguire passioni per provare emozioni fa u...na cosa molto vitale, ma insufficiente ed è per questo che rischia di rimanere sempre inappagato. Per trarre dai sensi tutto ciò che possono darti, occorre lavorare sullo strato più profondo e nascosto. Imparare a cercare risposte all’interno e non all’infuori di te. Altrimenti sarai sempre vittima delle circostanze e degli ondeggiamenti emotivi altrui.

Caravaggio, Michelangelo Merisi

The Age of Aquarius

Donna


Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe, i capelli diventano bianchi, i giorni si trasformano in anni…. Però ciò che è importante non cambia;la tua forza e la tua convinzione non hanno età. Il tuo spirito è a colla di qualsiasi tela di ragno. Dietro ogni linea di arrivo c`e` una linea di partenza. Dietro ogni successo c`e` un'altra delusione. Fino a quando sei viva, sentiti viva. Se ti manca ciò che facevi, torna a farlo. Non vivere di foto ingiallite… insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni. Non lasciare che si arrugginisca il ferro che c`e` in te. Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto. Quando a causa degli anni non potrai correre, cammina veloce. Quando non potrai camminare veloce, cammina. Quando non potrai camminare, usa il bastone. Però non trattenerti mai!!!

-Madre Teresa di Calcutta-

La reggia di Caserta

Poi se ne pentono...


Le persone raramente fanno quello in cui credono.
Fanno ciò che conviene e poi se ne pentono

Bob Dylan
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...