lunedì 13 maggio 2019

Splendidi sarcofagi egizi antichi trovati in un cimitero di 4.500 anni


Una serie di sepolture è stata scoperta nel cimitero, che fu costruito per la prima volta durante la V dinastia del Vecchio Regno tra il 2465 e il 2323 a.C., secondo un annuncio del Supremo Consiglio delle Antichità d’Egitto. 

Sebbene il cimitero iniziò ad essere utilizzato in quell’epoca, fu spesso oggetto di sepolture durante il Periodo Tardo (664-332 AC). Una delle tombe del Vecchio Regno apparteneva a una persona chiamata Behnui-Ka, che aveva il titolo piuttosto particolare di “Il prete, il giudice, il purificatore dei re, (Khafre, Userkaf e Niuserre) il sacerdote della dea Maat, e il maggiore giuridico nella corte. “Un’altra tomba conteneva i resti di una persona conosciuta come Nwi Who, che aveva l’altrettanto impressionante titolo di” capo del grande stato; il sovrintendente dei nuovi insediamenti e il purificatore del re Khafre. ” La figura” Khafre “a cui si riferiscono è un antico faraone egiziano della IV dinastia durante l’Antico Regno che ordinò la costruzione della seconda più grande piramide di Giza.




Accanto alle sepolture, gli archeologi hanno anche portato alla luce una serie di reperti , il più impressionante dei quali è una bella statua in calcare del proprietario della tomba, sua moglie e suo figlio.

 Le sepolture del periodo più tardo non erano altrettanto elaborate, ma erano probabilmente più abbaglianti. 
Lo scavo nel sito rivelò la presenza di numerosi sarcofagi in legno decorati con pitture colorate che sorprendentemente vibravano anche dopo tutti questi secoli.













Nonostante tutti questi grandiosi titoli e sontuose sepolture, la posizione del sito è vicina alle tombe dei lavoratori . 

In questa parte del complesso, è possibile trovare i resti di dozzine di muratori, artigiani, falegnami e altri operai specializzati che hanno contribuito a costruire le piramidi. 


Il ministero delle antichità egiziano ha osservato che la scoperta non solo ha “valore scientifico e archeologico, ma è una buona promozione per l’Egitto”. 
La ricca storia della zona è una componente chiave del turismo egiziano, una delle principali fonti di reddito per il paese, che a subito l’influenza di rivoluzioni fallite, una serie di disastri aerei, e la continua instabilità politica nella regione, con anche l’industria che ha sofferto molto e viste queste difficoltà, il governo si sta impegnando molto per promuovere le recenti scoperte archeologiche. 

Tratto da www.iflscience.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...