lunedì 17 settembre 2012

Un veliero sotto il ponte di Londra

100 ANNI DI VELE storia attraverso il Tower Bridge

Il 26 luglio, il tre alberi veliero francese Belem navigato attraverso il famoso Tower Bridge di Londra. Questo è il ponte stesso con gli anelli olimpici sospesi da, e se si guarda attentamente si può vederli Belem era in origine una nave da carico, trasporto dello zucchero dalle Indie Occidentali, e il cacao e caffè dal Brasile e Guinea francese a Nantes, Francia. È stata lanciata il 10 giugno 1896. Dopo essere diventato di proprietà di vari proprietari nel corso dei primi anni del 1900 (compresa la birra Guiness barone Sir Arthur Ernest), finalmente tornata al suo porto come Belem nel 1979. Dopo aver subito un restauro completo al suo stato originale ha navigato come nave scuola e ambasciatore francese

Skyline di NewYork



EVOLUZIONE DEL Foto skyline di New York In questa immagine composita affascinante vediamo l'evoluzione della skyline di New York City 1879-2013 quando sarà completata

la tragedia dell'11 settembre visto dallo spazio

Foto dallo spazio della tragedia dell'11 settembre 2001


Foto dalla NASA DA NASA: visibile dallo spazio, un pennacchio di fumo sale dalla zona di Manhattan dopo due aerei si sono schiantati contro le torri del World Trade Center.

Progetto Eden la più grande serra del mondo

La più grande serra del mondo

Il progetto è stato ideato da Sir Tim Smit e disegnato dall'architetto Nicholas Grimshaw e società di ingegneria Anthony Hunt and Associates (ora parte di Sinclair Cavaliere Merz). Davis Langdon effettuata la gestione del progetto, Sir Robert McAlpine e Alfred McAlpine ha fatto la costruzione e MERO progettato e costruito i biomi. Consulenti Land Use ha portato il masterplan e progettazione del paesaggio. Il progetto ha preso 2,5 anni per costruire e aperto al pubblico il 17 marzo 2001. Il bioma tropicale , si estende su 1,56 ettari (3,9 ettari) e misura 55 metri (180 ft) di altezza, a 100 metri (328 ft) di larghezza e 200 metri (656 piedi) di lunghezza. Viene utilizzato per piante tropicali, come banani fruttificazione, caffè, gomma e bambù gigante, ed è mantenuta ad una temperatura tropicale e livello di umidità. Il bioma mediterraneo copre 0,654 ettari (1,6 ettari) e misura 35 metri (115 ft) di altezza, 65 metri (213 ft) di larghezza e 135 metri (443 ft) di lunghezza. Ospita familiare temperato caldo e piante aride come le olive e vigneti e sculture varie. La Biome all'aperto (che non è coperto) rappresenta le regioni temperate del mondo, con piante come il tè, lavanda, luppolo, canapa e girasoli.

Nel dicembre del 2010, Eden Project ha ricevuto il via libera per un impianto geotermico. Eden ricevuto il permesso in programma di costruire una centrale geotermica a Eden in collaborazione con Energy EGS. Assunzione di energia rinnovabile dal profondo all'interno del granito della Cornovaglia, il piano è quello di riscaldare i biomi e nutrire di energia elettrica nella rete nazionale. Fa parte del loro obiettivo di ridurre drasticamente Eden di emissioni di carbonio dell'80% entro il 2020

L'isola di Santorini (Grecia)

Santorini, isola delle Cicladi, si presenta come un'alta scogliera a forma di mezzaluna che abbraccia la caldera dell'antico vulcano, riempita da un profondo mare blu. Molto ricca di storia, oggi è una delle mete turistiche più ambite, principalmente per gli straordinari colori dell'isola: il bianco e il turchese delle tipiche case, il nero della sabbia vulcanica, il rosso e il viola della scogliera, il blu delle acque. E che dire dei romantici tramonti di Santorini, considerati tra i più suggestivi e celebri al mondo? Nessuna descrizione ne fa onore: occorre vivere l'esperienza! Suggestiva è anche la storia geologica di Santorini: quello che oggi ammiriamo increduli per la bellezza stupefacente è ciò che rimane di una vasta isola circolare sprofondata intorno al 1450 a.C. a seguito della drammatica esplosione del suo grande vulcano e dei successivi eventi. In particolare, una grande eruzione ed il conseguente maremoto potrebbero essere stati le cause della distruzione di Creta e della civiltà Minoica. E forse il mito di Atlantide, scomparsa sott'acqua in un giorno e in una notte, potrebbe essere stato proprio il collasso della caldera di Santorini

Quadri fatti con foglie di tè

Paesaggi spettacolari a base di foglie di tè secche

Con sede a Mosca artista e designer Andrew Gorkovenko creato questi splendidi paesaggi su foglie di tè secche. Gli stessi paesaggi riflettono l'origine del tè usato per creare ogni opera d'arte. Ad esempio, la Grande Muraglia cinese è raffigurato con foglie di tè verde, mentre una pagoda è stata creata usando il tè nero.

Splendide biblioteche nel mondo

LE PIU'BELLE BIBLIOTECHE DEL MONDO
 University Club Biblioteca - New York City, Stati Uniti
Prenota Beinecke Rare Yale University e Manuscript Library - New Haven, Connecticut
Iowa State Capital Law Library - Stati Uniti d'America
Admont Abbey Library - Austria
Biblioteca di El Real Monasterio de El Escorial - Madrid, Spagna
José Vasconcelos Library - Città del Messico, Messico
Strahov teologica Hall - Praga, Repubblica Ceca

Le grotte di Ellora


Situata nello stato indiano del Maharashtra, le grotte di Ellora sono 34 magnifiche strutture scavate dalla superficie verticale delle colline Charanandri. Un funzionario patrimonio mondiale dell'UNESCO, le grotte di Ellora si compone di 12 buddista, 17 indù e 5 templi Jain e monasteri costruiti tra il 6 ° secolo e 10 °. Si levano in piedi come un testamento per l'armonia religiosa prevalente in questo periodo della storia indiana. Le Grotte di Ellora sono il monumento più visitato antica nello stato

delle caverne buddhiste di Ellora - Le grotte buddiste (chiamato anche grotte Vishvakarma) sono la prima delle Grotte di Ellora, risalente 500-750 dC. Tutti tranne uno sono viharas (monasteri), che sono stati utilizzati per lo studio, la meditazione, i rituali comuni, mangiare e dormire - Le grotte di diventare sempre più grandi e più riccamente decorate nei loro progressi a nord, che gli studiosi hanno spiegato con la necessità crescente di competere con l'induismo di patrocinio - Le prime grotte indù alla data di Ellora da 600 dC, proprio nel bel mezzo del periodo buddista

Ciò che è fuori è anche dentro


Ciò che è fuori è anche dentro; e ciò che non è dentro non è da nessuna parte.  Per questo viaggiare non serve. Se uno non ha niente dentro, non troverà mai niente fuori. E’ inutile andare a cercare nel mondo quel che non si riesce a trovare dentro di sé.


Tiziano Terzani

Kennedy prima di essere ucciso ci aveva avvisati sulle societa' segrete e sulle banche

L'abitudine


L'abitudine è la più infame delle malattie, perché ci fa accettare qualsiasi disgrazia, qualsiasi dolore, qualsiasi morte.
Per abitudine si vive accanto a persone odiose, si impara a portare le catene a subire ingiustizie, a soffrire, ci si rassegna al dolore, alla solitudine, a tutto. L'abitudine è il più spietato dei veleni perché entra in noi lentamente, silenziosamente e cresce a poco a poco nutrendosi della nostra inconsapevolezza, e quando scopriamo d'averla addosso ogni gesto s'è condizionato, non esiste più medicina che possa guarirci.
 Oriana Fallaci 

Gli Anasazi


Gli Anasazi (dalla lingua navajo antichi), furono un popolo nativo del Nord America, vissuto tra il VII secolo e la fine del XIV. Oggi si preferisce chiamarli Popoli Ancestrali o Pueblo Ancestrali. Secondo gli studi condotti dall'astro-archeologo italiano Giulio Magli, "Gli Anasazi sono gli antenati degli odierni nativi americani Hopi/Zuni, tribù che vivono oggi lungo il Rio Grande, nel Nuovo Messico e l'Arizona". Tracce archeologiche di questa cultura si ritrovano già nel 1500 a.C., ma la civiltà fiorì nel X secolo d.C., in tutta la zona che corrisponde oggi al confine incrociato di Utah, Colorado, Arizona e Nuovo Messico. Riuscirono a costruire un'economia florida basata sulla caccia e su un'efficiente pianificazione agricola. Vivevano in villaggi caratterizzati spesso dall'architettura monumentale. Nel 1250 d.C molti villaggi vengono abbandonati e altri vengono costruiti in posizioni più difficilmente raggiungibili. Erano privi della scrittura. Le cronache ci consegnano grandi edifici, come il sito archeologico di Sand Canyon, con una struttura di 420 stanze, e che fu realizzato, abitato e abbandonato nell'arco di soli cinquant'anni intorno al 1200 Un altro sito che racconta la storia di violenza di questo popolo è quello di Castle Rock, nel Colorado, che fu abbandonato intorno al 1274 con i segni di un massacro. Centinaia di corpi furono ritrovati negli scavi del 1925, che mostravano chiari segni di ferite e di cannibalismo. La loro popolazione si estinse o emigrò in circostanze misteriose Secondo un recente studio, però, questa popolazione, come quella dei Maya, fu sterminata dalla siccità causata dall'riscaldamento globale. Infatti, dopo essere migrata verso terre migliori, la siccità dovuta al caldo eccessivo gli ha impedito di rifornirsi di acque e di fare lunghi tragitti. Questa "scoperta" è stata confermata dallo studio dei tronchi d'albero: infatti gli studiosi hanno analizzato gli anelli dei tronchi di quella zona e hanno notato che il periodo piovoso, umido, era quello degli anelli spessi, mentre quelli più fini "indicavano" un'annata secca; nel periodo dell'estinzione di questa civiltà gli scienziati hanno notato un susseguirsi di molti anelli sottili. Il ritrovamento di coproliti umani contenenti mioglobina, oltre a femori e altre ossa lunghe umane spaccate per estrarne il midollo, fanno supporre che, nella fase finale di decadimento della civiltà, i problemi relativi alla sopravvivenza fossero tali da rendere obbligatorie pratiche di cannibalismo. Il nome "Anasazi" fu dato alle rovine ritrovate da pastori Navajo verso il 1800. Chaco Canyon Nuovo Messico, Stati Uniti. Nel 1888, due cowboy scoprono i resti di una delle civiltà più enigmatiche del pianeta. Chaco Canyon è una valle lunga 19 chilometri e larga circa un chilometro e mezzo. Pueblo Bonito è un grande complesso a forma di ferro di cavallo, edificato nel 1100 d.C. e composto da 700 stanze. Degli Anasazi non si sa praticamente nulla, nemmeno se erano a conoscenza della scrittura. Nel 2006, una spedizione archeologica guidata dall'archeologo dilettante Hanson, scopri una serie di petroglifi che raffiguravano scene di caccia e di raccolto che dimostrano che questo antico popolo conosceva l'arte rupestre. Le immagini rappresentano scene di una civiltà sviluppata e costruzione di edifici, che fino alla comparsa dei grattacieli, furono le più alte costruzioni del Nordamerica. Quello che si sa è che erano esperti contadini ed erano ossessionati dal cielo e dalle energie della Terra. Il mistero dei Kiva I Kiva sono delle stanze perfettamente circolari, presenti in tutti gli insediamenti Anasazi. Il più grande Kiva è quello denominato "Casa Rinconada", che ha un diametro di 20 metri e una profondità di cinque metri. L'ipotesi più accreditata è che fossero utilizzati per le cerimonie sacre. Coperti da tetti in legno, avevano tutti un foro al centro. Sembra che gli Anasazi credessero che, proprio grazie a questo foro, ci si potesse mettere in contatto con gli spiriti degli antenati e con le forze della Terra. Astronomia Pitture rupestri nel Chaco Canyon Gli Anasazi avevano una conoscenza dell'astronomia. Una delle caratteristiche delle loro costruzioni è che sono sempre allineate secondo determinati fenomeni astronomici. Chi erano e che cosa facevano Molte delle ipotesi formulate su questo popolo, col tempo, si sono rivelate inesatte. Una delle prime teorie si basava su un errore di traduzione di una parola Navajo. Questo popolo, nel 1800, abitava le terre che erano state degli Anasazi. E proprio il termine "anasazi" deriva da una parola Navajo che significa "antichi" e non "nemici", come si credeva all'inizio. Si sono fatte risalire le loro origini a più di 6000 anni fa mentre, in realtà, non se ne hanno notizie antecedenti ai 2000 anni fa.

La strada che sembra in salita ma va in discesa


Questo è davvero un luogo anomalo, la strada vicino a Statte, frazione di Taranto, ad un certo punto, nonostante sembri andare in salita, in realtà prosegue in discesa. Esistono altre strade simili a questa in Italia, e presentano tutte lo stesso fenomeno ancora oggi inspiegabile. Molto è stato detto a proposito, giustificando il fatto con forze magnetiche attive in quel punto, piuttosto che radioattività anomala. Sono stati fatti anche numerosi esperimenti e fotografie. La ragione più accettabile del fenomeno è che nel complesso si tratti di illusione ottica. Ma se provate a recarvi su posto e spegnere la macchina nel punto in cui la strada sembra concludere il rettilineo in salita, resterete sorpresi nel constatare che il mezzo si muoverà da solo... in salita!

Parco dei mostri di Bomarzo -Vt

La romantica fuga dallo "jus primae noctis



MONTALTO LIGURE (IM) LA ROMANTICA FUGA DALLO JUS PRIMAE NOCTIS Esiste una leggenda molto diffusa sulla nascita di questa città. Un tempo il temibile conte Oberto di Ventimiglia aveva imposto sui suoi territori lo "jus primae noctis", ossia l'obbligo delle giovani spose di passare la prima notte di nozze non con l'amato marito, ma con il conte! Era una legge molto crudele a cui tutte le giovani coppie dovevano sottostare. Ma pare che nel XIII secolo due innamorati di Badalucco riuscirono a fuggire in tempo, subito dopo le nozze rifugiandosi sui monti vicini e vivendo nascosti per sempre. Non del tutto, dato che furono raggiunti da molti amici e parenti che, per la bellezza del luogo, decisero di trasferirsi anch'essi. Nacque così apoco a poco il borgo di Montalto Ligure, che significa "Mons Altus", sempre sotto il dominio dei conti di Ventimiglia fino al 1200 quando divenne Repubblica Genovese, vivendo le infinite e innumerevoli lotte tra Guelfi e Ghibellini, tra Bianchi e Neri, tra Papa e Imperatore. Fu conquistato da Napoleone nel 1805, ma in seguito ritornò a far parte del Regno d'Italia.

Cerchi nel grano - Crop Circles

Il 13 agosto del 2000, nei pressi del radiotelescopio militare di Chilbolton, compare un bellissimo cerchio nel grano che non si riesce a decifrare. La sua vicinanza ad una struttura militare sorvegliata 24 ore su 24, rende difficile, se non impossibile, pensare ad una sua origine umana.
La spiegazione arriverà, inaspettatamente, l’anno seguente. Nello stesso campo, il 14 agosto 2001, compare un nuovo pittogramma. Questa volta, però, non è il solito simbolo, si tratta infatti di un volto dai tratti chiaramente umanoidi, disegnato con la stessa tecnica usata per le vecchie foto in bianco e nero dei quotidiani: un insieme di punti la cui dimensione e distanza crea l’immagine. Questa è una tecnica mai vista prima nei Crop Circles. Applicando un filtro grafico sulla foto (filtro Gaussian 5 pixel), sono evidenti maggiori dettagli. Si vede come vengano evidenziati la luce e l’ombra, dimostrando che quell’essere era vivo nel momento in cui è stata scattata la foto o nel momento in cui hanno impresso questa immagine nel campo di grano.
Appena cinque giorni dopo, cioè il 19 agosto, a poche decine di metri dal volto alieno, compare un’altra figura ancora più sconvolgente.
Sembra la risposta al messaggio in codice binario trasmesso dal radiotelescopio di Arecibo nel 1974. Fu proprio in quell’anno, infatti, che Frank Drake, scienziato e direttore di Arecibo, assieme al famoso astronomo Carl Sagan, tentò di comunicare con un gruppo di stelle identificato come M13. Fu inviato un messaggio di presentazione dell’uomo ad un’ipotetica civiltà aliena, indicando dati relativi al nostro sistema numerico, agli atomi base della vita terrestre, alla struttura del DNA umano, e a quella del nostro sistema solare, con la relativa posizione della terra. Furono inseriti anche i dati relativi al radiotelescopio di Arecibo. Secondo i calcoli, il messaggio avrebbe impiegato 25.000 anni per giungere a destinazione e altrettanti ne sarebbero passati per ricevere una risposta. Un vero abisso di tempo, senza neanche sapere se in quel gruppo di stelle esistesse realmente un’ipotetica civiltà aliena. Tali premesse, rendono ancora più sconvolgente la comparsa del pittogramma di Chilbolton. È possibile che qualcuno abbia ricevuto il nostro messaggio e ci abbia risposto molto prima del previsto?

Le piramide di Montevecchia

Cose strane dal mondo

QUANDO LA NATURA SI METTE A DISEGNARE

La danza delle farfalle

la dolcezza e la leggiadrìa di questa coloratissima mistica creaturina

Best of Momix

Wolf song

MANGIARE CARNE FA MALE A TE ......A NOI (MONDO) .......A LORO (ANIMALI


A seconda dei bisogni dei governi, delle multinazionali, delle lobby ci hanno fatto credere che: "dobbiamo mangiare carni bianche perché sono le migliori", "mangiare carne rossa perché è magra e da forza", "lo zucchero è vita"Ci hanno fatto credere che l'uomo sia carnivoro e ci hanno fatto abituare ai sapori della carne così da non potervi rinunciare.In realtà, per diverse ragioni l'uomo non è carnivoro. 1. Osservate i denti di un carnivoro e osservate i nostri. notiamo una grande differenza nella dentatura.che è adatta ad un frugivoro ovvero atta a nutrirsi di semi, frutta, verdura. 2. La saliva di un carnivoro è molto più acida di quella umana o di un animale vegetariano e manca completamente dell'enzima ptialina che serve a digerire i cereali. 3. Lo stomaco dei carnivori è molto più corto di quello umano: questo per permettere una rapida evacuazione di carne putrefatta e marcia nell'intestino. Per la precisione l'intestino dell'animale carnivoro è lungo circa tre volte il corpo, mentre quello umano 9 - 12 volte la lunghezza del corpo. (S. Ildegarda di Bingen vedeva nell'intestino un gas verde derivante da putrefazione, ora la scienza a dimostrato che le sue visioni erano esatte). 4. Lo stomaco umano contiene una quantità di acido cloridrico circa 20 volte inferiore a quella prodotta dallo stomaco di un animale carnivoro. L'acido cloridrico serve a sciogliere i tessuti della carne e a scomporla per digerirla. L'essere umano che mangia carne può essere indotto istintivamente a bere alcolici per creare nello stomaco un ambiente acido. Il problema è che le pareti dell'intestino umano non tollerano forti succhi gastrici e ne rimane danneggiato. Tutto ciò comporta problemi di ulcere e gastriti tanto diffuse nei tempi moderni. 5. I vegetariani risultano essere soggetti all'80% in meno di malattie rispetto ai mangiatori di carne. Una dieta vegetariana può prevenire il 97% delle occlusioni coronariche (The Journal of the American Medical Association). 6. La carne stimola l'aggressività a causa degli ormoni e delle proteine presenti al suo interno. E' stato osservato che le popolazioni vegetariane sono tendenzialmente pacifiche e pacifiste.L'essere umano sarebbe diventato carnivoro per necessità ambientali e/o storiche. 8. L'istinto dell'uomo non è quello del predatore Il cervello, naturalmente, dirige i suoi impulsi altrove. 9. Non è vero che l'uomo è un essere carnivoro per natura: gli antropologi e gli etnologi hanno dimostrato che esistono popolazioni esclusivamente vegetariane e sono le più longeve. Quelle con una vita media più breve sembrano essere quelle carnivore come gli eschimesi (vita media di 25 - 30 anni). 10. Il vegetarismo aumenta la quantità di serotonina, producendo un piacevole stato di benessere, mentre un pasto ricco di carne riduce la presenza di triptofano determinando ansia e aggressività. 11. In linea generale, in condizioni di vita naturale gli animali carnivori sono feroci ed aggressivi mentre quelli non carnivori sono pacifici e socievoli. Gli animali più forti sono vegetariani: l'elefante, il rinoceronte, l'ippopotamo, il cavallo, l'asino ecc. 12. Per produrre la carne necessaria alle cucine dei paesi industrializzati, vengono impiegate l'80% delle risorse disponibili dell'intero pianeta con la conseguenza che il principale responsabile della fame nel mondo è proprio il consumo di carne. 13. Gli escrementi prodotti in grandi quantità dagli animali d'allevamento producono un eccesso di ammoniaca e metano, cause, tra l'altro, dell'effetto serra. 14. Per produrre i cereali per gli animali si disboscano grandi aree (Amazzonia, ecc.) contribuendo a peggiorare la situazione ambientale del pianeta e, quel che è peggio, indirizzando la produzione agli animali all'industria anziché a chi muore di fame. 15. Mucche e pecore (animali vegetariani) vengono allevati con farine derivate dagli scarti della macellazione (e quindi in modo carnivoro) per aumentare la produzione, ciò ha prodotto il "morbo della mucca pazza".
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...