giovedì 20 dicembre 2012

The Final Countdown

Progammino niente male


Una preghierina a S.Pietro
Caro S.Pietro lo so che ci sarà ressa
Ma per favore...... Non far entrare i nostri politici in paradiso non c'è il clima adatto ne per le ostriche ne per lo champagne. 

Un consiglio a Caronte

Traghetta tutta la classe politica e annessi e connessi su Mercurio
Li si che c'è il clima adatto per le libagioni che preferiscono

L'astrologia


L'astrologia è un arte divinatoria tanto antica quanto controversa. Le prime testimonianze risalgono a molti millenni fa, in Mesopotamia. Secoli di progressi scientifici, però, non ne hanno intaccato il fascino e diminuito l'interesse: milioni di persone ci credono ancora e si affidano - in modo più o meno abituale e profondo - alle sue presunte capacità profetiche.
 Tra questi non mancano nemmeno personaggi illustri come, per esempio, Ronald Reagan. L'ex presidente americano, quando era alla Casa Bianca, non prendeva mai un appuntamento senza aver consultato la sua astrologa di fiducia, proprio come una volta facevano re e imperatori che, prima di intraprendere qualsiasi azione di governo, dovevano conoscere il parere delle stelle. 
Cosa ben più strana, anche oggi molte aziende si affidano ai profili personali astrologici per scegliere i propri candidati. 
Qualche anno fa, per esempio, una giovane neo laureata ha denunciato un'azienda di Torino che l'aveva scartata a un colloquio dopo aver saputo il suo segno zodiacale e calcolato l'ascendente. 

 Ma perché tanto interesse per previsioni e profili caratteriali anche se si sa che sono privi di ogni fondamento scientifico? E chi li legge poi ci crede davvero? La risposta potrebbe essere nel bisogno di definire la nostra personalità e quella degli altri e nel modo in cui percepiamo la realtà, modellando su di essa parte delle nostre aspettative: parola di psicologo.


Prima un po' di storia

 I babilonesi furono i primi a credere che tra il moto del cielo eterno e gli avvenimenti terreni temporali vi fosse una corrispondenza. 

La prima testimonianza di questa opinione è il libro “Enuma Anu Enlil”, dove si trovano i primi tentativi di interpretazione degli eventi celesti suddivisi in quattro grandi categorie, ognuna legata a una divinità.
 Nei tempi antichi l'universo era un mistero assoluto e ogni sua manifestazione - come le comete o le eclissi - erano temute quali testimonianze di una volontà superiore, segni di accadimenti positivi o negativi. 

Nel giro di qualche secolo l'astrologia si diffuse nel Mediterraneo e nel terzo secolo a.C. i Greci cominciarono a predire non solo il corso degli eventi, ma anche il destino di ogni individuo in base in base alle posizioni dei pianeti (oroscopo). Nonostante sia passato molto tempo da allora, ancora oggi per l'astrologia la conformazione del cielo (posizione di stelle e pianeti) al momento della nascita può influenzare la vita del singolo individuo. 



 Che i pianeti influenzino il carattere e la personalità è una credenza molto più accettata del fatto che nelle stelle si possa leggere una qualche forma di futuro.

 Secondo un'indagine condotta dalla Doxa nel 1998, infatti, non sono molti gli italiani che si sono rivolti a un astrologo per conoscere il proprio futuro (circa il 13%) e tra questi più della metà lo ha fatto una volta sola. 

Sugli oroscopi invece il dato è più curioso: mentre il 44% degli intervistati dichiara di non credere per niente nei fondamenti dell'astrologia, sorprendentemente la percentuale di coloro che dichiarano di non leggere mai un oroscopo scende al 24%. Buona parte quindi dei “clienti” di oroscopi è costituita da curiosi occasionali e finti cultori.


 Ma qual è il segreto del successo dell'astrologia anche fra coloro che in realtà non ci credono? E perché anche se non ci si crede non si disdegna mai un'occhiatina all'oroscopo?


Per gli psicologi che studiano il fenomeno, la possibilità di "conoscere" una persona attraverso le caratteristiche attribuite genericamente al suo segno, comuni a molte altre persone, è molto rassicurante. In poche parole, perché fare tanta fatica per analizzare e capire l'altro, quando basta un semplice profilo zodiacale per sapere chi ci sta di fronte?
 L'effetto "rassicurante" è anche presente quando leggiamo il nostro carattere secondo gli astri. Merito forse di una certa genericità. Una personalità per poter essere "indossata" da diverse persone deve necessariamente essere raccontata con un linguaggio vago, ma non troppo generico in modo da avere le sembianze di un profilo personale, nel quale ciascuno di noi si possa identificare.

 Diverso è il caso in cui il nostro carattere viene descritto da un amico o un conoscente. Succede, spesso, che non ci ritroviamo, anzi talvolta ci irritiamo… Forse perché un amico può essere molto più preciso e puntuale di un astrologo. E meno rassicurante.


 La fiducia cieca che normalmente viene accordata agli oroscopi e ai piani astrali è spiegata dagli psicologi proprio con il bisogno di definire la propria personalità e quella degli altri, in modo rassicurante, utilizzando però criteri diversi da quelli abituali: i profili dei segni zodiacali o le carte astrali non hanno niente o a che fare con la ragione. E se a volte ci sembra che gli oroscopi ci indovinino è dovuto, secondo gli psicologi, al fatto che qualche volta la nostra mente ci "inganna".


 Alcuni studi sulla percezione hanno messo per esempio come la nostra mente interpreti e adatti alla nostra situazione ogni informazione che raccoglie. 

Nelle parole di un astrologo o di un oroscopo si tenderà a cogliere inconsapevolmente tutte quelle affermazioni che meglio si possono adattare alla nostra situazione, ricordando in seguito solo quelle.

 La stessa cosa avviene per le profezie sul futuro dell'umanità: se si pensa a alcuni "grandi" astrologi, di loro si ricorda solo quello che hanno azzeccato, dimenticando tutto il resto, secondo un meccanismo di selezione dei ricordi. Per esempio l'astrologa Jeanne Dixon, è ricordata negli Stati Uniti per la sua previsione azzeccata: la morte del presidente John F. Kennedy durante il suo mandato.

 Pochi ricordano invece i suoi altrettanto clamorosi errori: la previsione che i primi uomini ad andare sulla Luna sarebbero stati i russi e la cura risolutiva per tutte le forme di tumori attesa per il 1967, ma non ancora arrivata. 

Secondo alcuni studi la percentuale di volte in cui un astrologo può azzeccarci è molto vicina a quella che si raggiungerebbe tirando a indovinare. Ma c'è anche un altro motivo per cui a volte sembra che gli oroscopi funzionino. Dipende dal fatto che chi ci crede inconsciamente si comporterà in modo da farli avverare. 

La predisposizione psicologica infatti, influenza a tal punto il nostro modo di vivere le situazioni da, talvolta, riuscire modificare la realtà.
 È il meccanismo con cui lo psicologo Richard Wiseman spiega anche la fortuna.
 Coloro che si sentono sfortunati si aspettano di essere trattati male dagli altri; ne risulterà quindi un atteggiamento difeso e scontroso che di conseguenza si attirerà l'antipatia. Al contrario di quello che succede per i "fortunati".

 Nell'astrologia avviene qualcosa di simile: per fare avverare una predizione basta crederci. Se una ragazza legge sull'oroscopo che il suo uomo ideale appartiene al segno dell'acquario, quando ne incontrerà uno si sentirà più forte, rassicurata dall'inevitabilità della conquista e saprà utilizzare al meglio le sue doti di seduzione e di simpatia, aumentando le probabilità di successo.

OH HAPPY DAY

Ballate come se nessuno vi guardasse


Siamo convinti che la nostra vita sarà migliore quando saremo sposati, quando avremo un primo figlio o un secondo.
Poi ci sentiamo frustrati perché i nostri figli sono troppo piccoli per questo o quello, e pensiamo che le cose andranno meglio quando saranno cresciuti.
In seguito siamo esasperati per il loro comportamento da adolescenti.
Siamo convinti che saremo più felici quando avranno superato questa età.
Pensiamo di sentirci meglio quando il nostro partner avrà risolto i suoi problemi, quando cambieremo l'auto, quando faremo delle vacanze meravigliose, quando non saremo più costretti a lavorare.
Ma se non conduciamo una vita piena e felice ora, quando lo faremo?
Dovrete sempre affrontare delle difficoltà di qualsiasi genere.
Tanto vale accettare questa realtà e decidere di essere felici, qualunque cosa accada.

Una delle mie citazioni preferite ha per autore Alfred Souza: "Per tanto tempo ho avuto la sensazione che la vita sarebbe presto cominciata, la vera vita! Ma c'erano sempre ostacoli da superare strada facendo, qualcosa di irrisolto, un affare che richiedeva ancora del tempo, dei debiti che non erano stati ancora regolati, in seguito la vita sarebbe cominciata. Finalmente ho capito che questi ostacoli erano la mia vita."

Questo modo di percepire le cose mi ha aiutato a capire che non c'è un mezzo per essere felici, ma che la felicità è il mezzo.
Di conseguenza, gustate ogni istante della vostra vita, e gustatelo ancora di più perché lo potete dividere con una persona cara, una persona molto cara per passare insieme dei momenti preziosi della vita, e ricordatevi che il tempo non aspetta nessuno.
E allora smettete di pensare di finire la scuola, di tornare a scuola, di perdere 5 kg, di prendere 5 kg, di avere dei figli, di vederli andare via di casa.
Smettete di aspettare di cominciare a lavorare, di andare in pensione, di sposarvi, di divorziare. Smettete di aspettare il venerdì sera, la domenica mattina, di avere una nuova macchina o una casa nuova.
Smettete di aspettare la primavera, l'estate, l'autunno o l'inverno.
Smettete di aspettare di lasciare questa vita, di rinascere nuovamente, e decidete che non c'è momento migliore per essere felici che il momento presente.

La felicità e le gioie della vita non sono delle mete, ma un viaggio.
Lavorate come se non aveste bisogno di soldi.
Amate come se non doveste mai soffrire.
Ballate come se nessuno vi guardasse.

-Daisaku Ikeda-

Una diga costruita dai castori visibile dallo spazio


Sappiamo tutti che i castori sono in grado di costruire dighe, opere di ingegneria animale spesso pregevoli ed elaborate. Ma la diga del Wood Buffalo National Park ad Alberta, Canada, è la più grande diga costruita da castori mai scoperta, addirittura visibile dallo spazio.

 La diga è lunga 850 metri, una vera opera mastodontica, soprattutto se consideriamo che a costruirla è stato un roditore.

 E' stata realizzata con tronchi d'albero, fango e pietre, allo scopo di costruire una fossa attraverso la quale i castori possano trovare rifugio dai loro predatori. 
Le famiglie di castori che hanno costruito questa diga vivono in tane disseminate lungo gli oltre 800 metri della costruzione. Questi roditori le usano principalmente durante la notte, mentre di giorno si dedicano ad ampliare e a riparare l'enorme diga, aggiungendo o sostituendo legna e massi.

Sebbene le dighe di castori possano raggiungere dimensioni considerevoli, anche 500 metri in lunghezza, quest'opera fluviale è un vero e proprio record, e ha sorpreso i biologi che stavano esplorando l'area per monitorare la diffusione dei castori nel Nord America.

 La costruzione di questa diga sarebbe stata impossibile se non avessero collaborato molte famiglie di castori. 

Si contano migliaia di alberi e di pietre, ed la sua realizzazione ha richiesto sicuramente diversi mesi di duro lavoro. 

I castori sono roditori della famiglia dei castoridi, ben noti per la loro capacità di tagliare alberi e muovere pietre per costruire dighe.

 Pesano in media 15-16 kg, anche se sono stati scoperti esemplari da oltre 40 kg di peso, e raggiungono la lunghezza di oltre 75 centimetri.

 L'abitudine a costruire dighe è un meccanismo principalmente difensivo, che consente di ampliare lo spazio coperto d'acqua attorno alle loro tane per tenere lontani i predatori. Oltre al fatto che questo genere di bacino artificiale aiuta a creare una sorta di "acquacoltura", uno stagno in cui si riuniscono naturalmente pesci ed altri animali acquatici. 


"I castori costruiscono dighe per realizzare un habitat ideale. Sono molto agili in acqua, ma sono lenti sulla terraferma. Creano un habitat pieno d'acqua attorno alle loro tane, in modo tale che possano nuotare e mantenersi avvantaggiati rispetto ai predatori come coyote e orsi. Usano l'acqua anche per spostare gli alberi, dato che è più facile far galleggiare i tronchi invece di trascinarli sulla terra" afferma Sharon Brown, biologa dell'organizzazione "Beavers: Wetland and Wildlife".

Miss Universo 2012



 Miss Universo 2012: vince Olivia Culpo, americana di 20 anni E' americana, ha 20 e si chiama Olivia Culpo Miss Universo 2012. La mora di Rhode Island ha sbaragliato le 88 concorrenti arrivate da tutto il mondo al concorso di Las Vegas, battendo in finale la filippina Janine Tugonon arrivata seconda. Era dal 1997 che un'americana non vinceva il concorso.

Dipende da che tutti!!!!

Spazio, scoperto un pianeta "abitabile"

E' simile alla Terra e si trova a 12 anni luce da noi, visibile ad occhio nudo nella costellazione della Balena.
La caratteristica più importante per la vita è la distanza ideale dalla sua stella.
Tra gli 800 pianeti scoperti all'esterno del nostro sistema solare (esopianeti), uno si è rivelato potenzialmente il più simile alla Terra finora scoperto.
Si trova a 12 anni luce da noi ed orbita, insieme ad altri 4 fratelli, intorno alla stella Tau Ceti, gemella del nostro Sole, visibile ad occhio nudo nella costellazione della Balena.
I particolari saranno pubblicati sulla rivista Astronomy and Astrophysics dagli autori della scoperta.
L'indiziato è sì grande cinque volte la Terra ma, elemento decisivo per gli astronomi, sorge alla distanza ideale dalla sua stella.
Si tratta della cosiddetta "Goldilocks zone", l'area abitabile (né troppo vicino per incenerire qualsiasi forma di vita, né troppo distante per congelarla) in cui si trovano le condizioni ideali per sostenere forme di vita.
A compiere la scoperta è stato un team multinazionale composto da ricercatori americani, britannici, australiani e cileni.

da MONDO ORA PER ORA

AVVISO IMPORTANTE .....chi vuole condivida

ATTENZIONE A QUESTO MESSAGGIO
Avviso “Facebook Security” attenzione e un vero e proprio tentativo di phishing, che violerà automaticamente il vostro Account.
Attenzione: stiamo ricevendo numerose segnalazioni riguardo un avviso denominato “Facebook Security”, che viene recapitato all’interno della nostra casella di posta con l’obiettivo di violare automaticamente il nostro Account. Su Facebook attualmente c’è un vero e proprio tentativo di phishing, riguarda un messaggio che sembra provenire direttamente dal centro sicurezza Facebook. Si tratta purtroppo di una vera e propria imitazione ben studiata, infatti molti utenti effettuano la procedura indicata all’interno del “falso messaggio”, purtroppo successivamente si troveranno i propri Account letteralmente BLOCCATI.
Ma cosa chiede il tentativo di phishing Facebook Security ? ° Nome cognome del proprietario del Profilo Facebook. ° Indirizzo E-mail/Password del profilo Facebook. ° Data di nascita
Questi dati vengono chiesti all’utente facendo credere che il proprio Account, sta per essere disattivato entro poche ore per ragioni di sicurezza.
Molti di questi utenti eseguono la procedura automaticamente, proprio perché credono che l’avviso provenga direttamente dagli operatori di Facebook, così cadendo in vero e proprio tentativo di phishing.
Ignorate questi messaggi e ricordatevi che Facebook non manda mai avvisi all’interno della casella di posta elettronica, ma direttamente sulla home page del vostro profilo.
A cura di Lorenzo Ave (My Facebook Page)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...