mercoledì 26 giugno 2013

Decreto lavoro 2013: Iva bloccata. Il governo aumenta l'anticipo dell'acconto Irpef. E l'acconto Ires sale al 101%

 

La carte sono finalmente scoperte.
Il governo ha trovato le coperture per bloccare di tre mesi l'aumento dell'Iva, e lo farà con un aumento dell'acconto Irpef al 100%.
A novembre, quindi, al momento del versamento dell'anticipo del'acconto sull'imposta sulle persone fisiche, i contribuenti non dovranno più versare il 96% delle tasse dovute per l'anno successivo, ma l'intero ammontare (la restante parte oggi si versa a giugno).
Una piccola beffa, da un lato perché la riduzione di imposta (Iva) viene così coperta con piccolo aumento, seppur virtuale, di un'altra tassa (Irpef).
Dall'altro perché l'ultimo che nel 2011 aveva ridotto l'acconto Irpef dal 99% al 82% (poi passato al 96%) era stato il premier "rigorista" Mario Monti, che aveva abbassato l'acconto proprio per fare respirare le famiglie in vista del Natale, periodo in cui peraltro aumentano significativamente i consumi.
Ma non è finita. Tra le coperture spunta un'inaspettata novità. Si legge nel decreto: "Per il periodo d'imposta in corso al 31 dicembre 2013, la misura dell'acconto dell'imposta sul reddito delle società è aumentata dal 100 al 101 per cento".
Non si tratta quindi più soltanto di un anticipo totale delle tasse da versare, ma una sorta di anticipo già delle imposte riferite all'anno ancora successivo.
Tra le coperture aggiuntive il governo poi prevede un aumento al 110% dell'acconto dei versamenti di acconto che spettano a aziende e istituti di credito secondo quanto previsto dal decreto legge 18 marzo 2976 n. 46 convertito dalla legge 10 maggio 1976. Si punterà, probabilmente, su un mix di risorse.
Un aumento delle accise, probabilmente quelle su tabacco e alcolici, dopo che con il decreto del Fare il governo Letta ha già aumentato per 75 milioni di euro quelle sulla benzina.
Arriva poi una nuova stretta sulle sigarette elettroniche, che saranno ora soggette a un'imposta del 58,5% sul prezzo della vendita al pubblico.
Agli esercizi viene poi richiesta - sulla scorta di quanto previsto dalla legge 10 giugno 2982, n. 348, una cauzione a garanzia delle imposte da versare.
Il resto delle risorse potrebbero essere trovate in quello che sta diventando un altro Bancomat del governo a caccia di risorse: il trattato di amicizia con la Libia.
Il governo Letta ha già prelevato 350 milioni dallo stanziamento di 3,5 miliardi destinato alla costruzione dell'autostrada libica

Il mistero dell’antica rete di tunnel sotterranei che collega la Scozia alla Turchia


Gli archeologi hanno scoperto in Baviera migliaia di tunnel sotterranei dell’Età della Pietra che si estendono in tutta Europa, dalla Scozia alla Turchia, lasciando i ricercatori perplessi sulla loro funzione originaria. Furono utilizzati come tombe, come spazi rituali o come nascondigli per difendersi dai predoni? 
Gli archeologi stanno iniziando a esplorare le volte sotterranee per svelare i segreti degli enigmatici tunnel.
 Il ricercatore tedesco Heinrich Kusch sostiene che la vasta rete di gallerie scavata dagli uomini della pietra congiunge centinaia di insediamenti neolitici sparsi in tutta Europa e il fatto che così tanti tunnel sono sopravvissuti 12 mila anni, indica che la rete originaria deve essere stata immensa. “Solo in Germania abbiamo trovato 700 metri di questa rete di tunnel sotterranei”, spiega Kusch al Daily Mail. “In Austria abbiamo trovati altri 350 metri.
 I tunnel di tutta Europa potrebbero essere migliaia. Si tratta di cavità ampie solo 70 centimetri, appena sufficienti a permettere il passaggio di una persona. I tunnel sono intervallati da piccole camere di stoccaggio e posti a sedere”.

La scoperta del dedalo di gallerie è avvenuta grazie ad una mucca! Beate Greithanner, una produttrice di latte di Glonn, una cittadina vicino Monaco, si trovava a pascolare i suoi bovini sui prati rigogliosi della Doblerg, una collina in Baviera circondata da altissime cime montuose innevate. Improvvisamente, un cratere si aprì sotto una delle sue mucche, inghiottendo l’animale fino ai fianchi. 
 Il giorno dopo l’incidente, il marito di Beate esaminò il buco. Era strano, così infilo la testa dentro per scrutarne l’interno. L’uomo pensava di aver trovato il nascondiglio per una sorta di tesoro. Mentre si calava nel buco per indagare ulteriormente, si rese conto di trovarsi in un tunnel stretto e umido che scendeva verso il basso. Da quel momento, i Greithanner si sono resi conto che la loro proprietà insiste su un labirinto di tunnel, conosciuto come ‘Erdstall’, termine che nella tradizione popolare indicava la dimora dei ‘goblin’. 
 Di lì a poco, numerosi geologi si sono presentati nella proprietà dei Greithanner, determinati ad andare a fondo del mistero. Tre membri di un team denominato ‘Gruppo di lavoro per la Erdstall Research’ hanno trovato all’interno del tunnel un pezzo di legno, reperto utilissimo per determinare l’età del tunnel. Un altro gruppo proveniente dall’Ufficio di Stato per la Conservazione Storica della Germania ha delimitato il sito con il nastro colorato. Poi ha effettuato una scansione con un radar di terra scoprendo che la galleria è crollata sul retro, cercando di capire le sue dimensioni reali. 
Secondo quanto riportato dallo Spiegel, è la prima volta che un ente archeologico tedesco mostra interesse per un fenomeno antico estremamente insolito.

Labirinti sotterranei simili a quelli trovati in Germania sono stati rinvenuti in tutta Europa, dall’Ungheria alla Spagna, ma nessuno è in grado di spiegare il motivo per cui sono stati costruiti. Molte gallerie sono collegate ad antichi siti neolitici. 
Gli imbocchi dei tunnel a volte si trovano nelle cucine di antiche case coloniche, nei pressi di chiese o cimiteri, o nel bel mezzo delle foresta.
 L’atmosfera al loro interno è buia e opprimente, tanto quanto lo sarebbe la tana di un animale. 
 I tunnel certamente non potevano avere uno scopo pratico, come abitazioni o per conservare i cibi, se non altro per quanto siano stretti in alcuni punti. Inoltre, la mancanza di escrementi animali fa escludere che possano essere stati utilizzati come ricovero per il bestiame. 
 Fino a poco tempo fa, le cavità sono state esplorate solo da archeologi dilettanti. Il pioniere delle esplorazioni di Erstall è Lambert Karner (1841-1909), un sacerdote. Secondo i suoi diari, si trascinò all'interno dei tunnel 400 volte, illuminando i luoghi solo con la tremolante luce di una candela, annotando ‘strani passaggi tortuosi’ attraverso i quali è possibile passare solo strisciando come un verme.
Alcuni esperti ritengono che la rete di gallerie era un modo escogitato dagli antichi per proteggersi dai predoni, altri invece credono che i tunnel venissero usati come le autostrade moderne, in modo che le persone potessero viaggiare in maniera sicura, indipendentemente da guerre o epidemie. 
In alcuni casi, i ricercatori credono che la rete di gallerie sia l’accesso ad un mondo sotterraneo più vasto ancora da scoprire. 
 Ad ogni modo, stupisce che uomini dell’età della pietra possano aver scavato una rete così vasta di tunnel sotto l’Europa. 
Sebbene l’archeologia lascia credere che gli uomini di quell’epoca fossero estremamente primitivi, incredibili scoperte, come il tempio di Gobekli Tepe antico di 12 mila anni, le Piramidi di Egitto e altre strutture come Stonehenge, mostrano che i nostri antenati era in possesso di conoscenze astronomiche e tecnologiche molto più avanzate di quanto si sia creduto fino ad oggi.
La scoperta della vasta rete di cunicoli sotterranei mostra che l’uomo dell’Età della Pietra non passava le sue giornate solo cacciando animali e raccogliendo bacche, ma si dedicava ad opere di ingegneria che richiedevano ingenti risorse intellettuali e progettuali. Tuttavia, il vero scopo dei tunnel rimane un mistero.

Il lungimirante Cicerone


Rinunciare è folle


Il volersi bene si costruisce.
Ma l’amore quello vero, no.
L’amore lo senti immediato, non ha tempo.
É dire “ti sento”. Un contatto di pelle, un abbraccio, un bacio. Mantenersi, il mio verbo preferito, tenersi per mano.
Ti può bastare per la vita intera, un attimo, un incontro.
Rinunciarvi è folle, sempre e comunque.

Erri De Luca

Un Hotel sotto l'oceano

009 Sound System - con spirito

Un mondo di fiori

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...