mercoledì 19 dicembre 2018

La più antica piramide del mondo sarebbe nascosta a Gunung Padang, in una montagna indonesiana


Quando i coloni olandesi. scoprirono come primi europei Gunung (Mount) Padang nei primi anni del 20° secolo, dovettero rimasero impressionati dalla vastità delle loro antiche mura. 

Sparsi su una vasta collina di questa provincia indonesiana, giacciono i resti di un enorme complesso di strutture e monumenti rocciosi, una meraviglia archeologica descritta come il più grande sito megalitico di tutta l’Asia sud-orientale.
 Ma quei primi coloni non potevano immaginare che la più grande meraviglia di tutti potesse giacere nascosta, sepolta nel terreno sotto i loro piedi.


Nella controversa nuova ricerca presentata alla AGU 2018 Fall Meeting a Washington, DC, la scorsa settimana, un team di scienziati indonesiani ha presentato i dati per dimostrare che Gunung Padang è in realtà il sito della più antica struttura piramidale conosciuta al mondo.
 La loro ricerca, condotta nel corso di diversi anni, suggerisce che Gunung Padang non è la collina che pensiamo che sia, ma in realtà è una serie stratificata di antiche strutture con fondazioni risalenti a circa 10.000 anni fa (o addirittura anche più antiche).

 “I nostri studi dimostrano che la struttura non copre solo la parte superiore, ma avvolge anche le zone che coprono almeno un’area di circa 15 ettari”, Hanno scritto gli autori in un abstract nel loro nuovo paper .”Le strutture non sono solo superficiali ma radicate in profondità”.

 Usando una combinazione di metodi di rilevamento, tra cui il radar di penetrazione del terreno (GPR), la tomografia sismica e gli scavi archeologici, il team dice che Gunung Padang non è solo una struttura artificiale, ma una serie di diversi strati costruiti in periodi preistorici consecutivi.
 Lo strato più alto, megalitico, costituito da colonne di roccia, muri, percorsi e spazi, si trova sopra un secondo strato a circa 1-3 metri sotto la superficie.


 I ricercatori suggeriscono che questo secondo strato sarebbe stato precedentemente scambiato per una formazione rocciosa naturale, ma in realtà è un’altra serie di rocce colonnari organizzata in una struttura a matrice. 
Al di sotto di questo, un terzo strato di rocce contenenti grandi cavità sotterranee, si estende fino a 15 metri di profondità, e si trova sul più basso (quarto) strato, fatto di roccia basaltica, in qualche modo modificata o intagliata da mani umane.
 Secondo i ricercatori, la datazione preliminare al radiocarbonio suggerisce che il primo strato potrebbe arrivare a circa 3.500 anni fa, il secondo strato approssimativamente intorno agli 8000 anni fa e il terzo strato tra 9.500 e addirittuta 28.000 anni fa. 

Per quanto riguarda lo scopo di queste antiche e vaste strutture, i ricercatori, guidati dal geofisico Danny Hilman Natawidjaja dell’Istituto di scienze indonesiano, suggeriscono che l’antica piramide avrebbe potuto avere un utilizzo religioso. “È un tempio unico”, ha detto Natawidjaja a Live Science . 

 Per ora, è soltanto una speculazione, ma se le altre affermazioni dei ricercatori sulle strutture risulteranno giuste, sarebbe una scoperta importante che potrebbe sfidare le nozioni di ciò di cui le società preistoriche erano capaci. 
“È enorme”, ha detto Natawidjaja al Sydney Morning Herald nel 2013. “La gente ritiene che l’era preistorica sia primitiva, ma questo monumento dimostra che quello che pensiamo è sbagliato.”


Tuttavia, non tutti sono convinti di queste dichiarazioni. 

La ricerca di Natawidjaja è stata oggetto di molte polemiche in Indonesia e altrove, con un gran numero di archeologi e scettici che criticavano i metodi e le scoperte della squadra.

 Le ultime presentazioni della ricerca, che, per ora, restano non sottoposte a revisione paritetica, probabilmente scateneranno polemiche, ma danno anche al mondo uno sguardo più da vicino su quella che potrebbe essere una delle strutture più antiche e misteriose del pianeta.

 Per quanto riguarda ciò che è realmente questa struttura, solo il tempo ce lo dirà. 

I risultati sono stati presentati alla riunione annuale della American Geophysical Union a Washington DC la scorsa settimana.

 Fonte: blueplanetheart
 Tratto da www.sciencealert.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...