lunedì 15 ottobre 2018

Scoperta, nell’ambra, una lumaca incredibilmente conservata per 99 milioni di anni!


Di tutte le creature preistoriche trovate intrappolate nell’ambra, mai ci saremmo aspettati una lumaca.

 Questo è esattamente ciò che i paleontologi hanno trovato, così perfettamente conservato che il suo delicatissimo guscio è intatto, e per la prima volta sono stati osservati tessuti preistorici di lumache morbide.

 Un secondo guscio di lumaca, meno ben conservato, si trova nella stessa porzione di ambra. 

Racchiuse nell’ambra di 99 milioni di anni fa proveniente dal Myanmar, le lumache vivevano quindi nel Cretaceo, quando alcuni dei dinosauri più amati del mondo, come il T. rex , il velociraptor e il triceratopo calpestavano la Terra. 
La loro morfologia suggerisce che essi siano antenati della famiglia dei Cicloforidi, famiglia delle lumache terrestri.
 Questo le rende non solo le più antiche lumache mai trovate nell’ambra, ma li collocherà anche tra i cicloforoidi più antichi trovati in Asia. 

Le lumache, come probabilmente sapete, sono straordinariamente fragili e i loro corpi sono morbidi e soffici, e i loro esoscheletri; noti anche come i loro gusci, sono assai fragili.
 Alcuni sono stati conservati nella documentazione sui fossili, ma le lumache conservate nell’ambra sono eccezionalmente rare.


Questo pezzo, acquistato da un collezionista di fossili privato nel 2016, è 70 milioni di anni più vecchio di qualsiasi altro tessuto molle di lumaca che sia stato identificato fino ad oggi. 

“La resina di un albero antico ha un eccezionale potenziale di conservazione, catturando i minimi dettagli di organismi fossili vecchi di milioni di anni in perfetto spazio tridimensionale, tanto da apparire come se fossero rimasti intrappolati nella resina giusto un giorno fa”, ha dichiarato il paleontologo Jeffrey Stilwell di La Monash University in Australia a John Pickrell di National Geographic .
 Siccome la chiocciola è molto giovane, è difficile identificarla in modo certo, sebbene abbia diverse caratteristiche morfologiche comparabili a quelle osservate su specie di Cyclophoridae fossili e viventi, come un opercolo , una sorta di “coperchio” che la lumaca usa per sigillare il suo conchiglia.

 Ciò che forse è ancora più interessante è che la lumaca era probabilmente viva quando è stata racchiusa nell’ambra, e il suo corpo era teso e deformato. 
“Le parti molli della lumaca sono molto tese, e questo potrebbe rappresentare un ultimo tentativo di fuga senza successo”, hanno scritto i ricercatori nel loro articolo . “Dato che la lumaca era rimasta apparentemente sepolta nella resina degli alberi mentre era in vita, ciò potrebbe spiegare la pronunciata distorsione dei tessuti molli preservati.”


La probabile sequenza di eventi, ipotizzano che la minuscola lumaca strisciasse con il suo occhio peduncolato quando la resina ha cominciato a inghiottirla.
 Si allungò nel tentativo di fuggire, e questo avvenne quando la resina iniziò a scorrere intorno al suo corpo.
 Una volta intrappolata, la lumaca trasudava aria, probabilmente da un polmone dentro il suo guscio, che ribolliva verso l’esterno e oscurava la sua testa.

 Anche se questo non aiuta l’identificazione, il fatto dell’esistenza della lumaca è una straordinaria aggiunta agli incredibili reperti trovati negli ultimi anni nell’ambra di Myanmar risalente a circa 99 milioni di anni fa, che rivelano un livello senza precedenti di dettagli sulla regione durante il Cretaceo.

 Fonte: www.sciencealert.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...