domenica 28 aprile 2013

Le piante da appartamento utili per l'inquinqmento

La vita sulla Terra dipende da piante, direttamente o indirettamente. Non possiamo ignorare il fatto che le piante mantengono l'aria pulita e l'inquinamento-free e assorbono l'eccesso di anidride carbonica nell'atmosfera. "Riteniamo che i risultati futuri forniranno un argomento ancora più forte e possono essere una parte molto efficace di un sistema utilizzato per fornire case libere di inquinamento e luoghi di lavoro,sani" dice il Dott. Bill Wolverton, ex ricercatore senior presso Giovanni della NASA C. Stennis Space Center.

Spider Plant (Chlorophytum comosum) 
Una bella pianta d'appartamento con lunghe foglie verdi, la pianta ragno cresce anche rapidamente. Questa elegante pianta è in grado  di rimuovere i gas velenosi nonché altre impurità come formaldeide e xilene. Per un migliore effetto, va tenuto in cucina o vicino al camino, in quanto questi sono i luoghi in cui il monossido di carbonio si accumuli un sacco.

Boston felce (Nephrolepsis exaltata bostoniensis)
Una pianta esotica che ha garbo inarcando fronde e foglie frilly, la felce di Boston agisce anche come umidificatore naturale. Boston felci crescono meglio in luce del sole filtrata e in condizioni di umidità. Rilasciando l'umidità nell'aria, rimuovono gli inquinanti atmosferici come benzene, formaldeide e xilene, fornendo aria pulita all'interno della casa.

Inglese Edera (Hedera helix)
Nonostante le sue foglie velenose, l'edera è una pianta d'appartamento molto popolare ed è più adatto per le persone con asma e allergie. Facile da coltivare in pieno sole, questa pianta ha la sorprendente capacità di rimuovere il benzene e formaldeide e di off-gas a varie sostanze chimiche rilasciate dai materiali sintetici. Pertanto, mantiene l'aria all'interno non tossico.
Con la sua qualità di terreno di copertura, l'edera inglese anche spesso serve bene nel paesaggio.

Areca Palm (Chrysalidocarpus lutescens)
Questa pianta molto sensibile con fronde piumate è meglio conosciuto come un umidificatore. Anche se la pianta cresce lentamente e ha bisogno di cure per tutto l'anno, può essere tenuto in qualsiasi punto della casa, soprattutto accanto ai mobili di nuova verniciati o in zone coperte. La Palma Areca aiuta a rimuovere le tossine mortali come la formaldeide e xilene.

Oro Pothos (Epipremnum aureum)
Conosciuto anche come diavolo edera o d'argento della vite, le Pothos d'oro può essere una pianta altamente invasiva. Con foglie sempreverdi e steli progressive, questa pianta resistente supera facilmente la zona circostante. Ma è anche molto efficiente quando si tratta di rimozione di inquinanti indoor come la formaldeide, il benzene e lo xilene. Detto questo,  la pianta è tossica per piccoli animali come cani e gatti, e anche per i bambini.

Aloe Vera (Aloe barbadensis)
Sappiamo tutti che l'aloe vera è presente in molti prodotti per la cura della pelle. Non solo aiuta con ustioni della pelle, ma anche con il filtraggio diverse emissioni di gas dai materiali pericolosamente tossici. Ha affermato di possedere tonnellate di proprietà medicinali, questo incredibile succulento può anche essere coltivata come pianta ornamentale.

Cinese Evergreen (Aglaonema modestum)
Un ottimo impianto di aria purificatore,  sempreverde è una pianta erbacea perenne. Una pianta d'appartamento molto comune con lucide, foglie verdi che hanno marcature interessanti , cresce ancora meglio con poca  acqua e  luce minima. filtra le tossine nell'aria come il benzene e la formaldeide.

Pianta del serpente (Sansevieria trifasciata)
Ampiamente usato come pianta ornamentale, la pianta del serpente è una specie perenne sempreverde 
Scienziati della NASA hanno scoperto che questa pianta ha la sorprendente capacità di assorbire la formaldeide, ossidi di azoto, e una varietà di altri prodotti chimici presenti nell'aria.

Marginata (Dracaena marginata)
Non si può ignorare la bellezza di marginata, una pianta che ha foglie sottili lucido con bordi rossi.
Si tratta di una pianta d'appartamento notoriamente lenta crescita e fioritura con pochissime esigenze. Inoltre non solo rimuove formaldeide e benzene dall'aria, ma è anche in grado di filtrare altre tossine presenti.
Tuttavia, la cura dovrebbe essere presa mentre si posiziona la pianta all'interno, in quanto potrebbe essere velenoso per i cani.

Peace Lily (Spathiphyllum)
La nostra top pianta d'appartamento è il giglio di pace, che è noto per ridurre le tossine interne nocive che possono causare il cancro. Un facile-cura-per pianta d'appartamento, il giglio di pace è un grande combattente e l'inquinamento di aria purificatore.
Aiuta a rimuovere il benzene e la formaldeide presente nella casa. La vita sulla Terra dipende da piante, direttamente o indirettamente. Non possiamo ignorare il fatto che le piante mantengono l'aria pulita e l'inquinamento-free e assorbono l'eccesso di anidride carbonica nell'atmosfera. Per saperne di più sulla lista degli impianti di filtraggio, preparati dagli scienziati della NASA, clicca qui. "Riteniamo che i risultati futuri forniranno un argomento ancora più forte che terreno le piante comuni interni possono essere una parte molto efficace di un sistema utilizzato per fornire case libere di inquinamento e luoghi di lavoro," dice il Dott. Bill Wolverton, ex ricercatore senior presso Giovanni della NASA C. Stennis Space Center.

Il disastro di chernobyl



26 aprile 1986, il giorno del disastro. Da pochi secondi sono scoccate le 1.23 di mattina quando il fragore devastatorio di una terribile esplosione abbaglia i cieli nei pressi della cittadina di Chernobyl, in Ucraina, a quel tempo raccolta sotto la bandiera falce e martello dell’Unione Sovietica.

 Di acqua sotto i ponti ne è passata, ormai, da quella tragica notte, ma il ricordo è ancora vivo e probabilmente il genere umano ancora ne sta pagando le conseguenze.
 La centrale nucleare “Lenin” era in funzione dal 1977, anno in cui era stato consegnato il reattore numero 1, e si trovava ad un centinaio di chilometri dalla città di Kiev, non lontano dal confine con l’attuale Bielorussia. 
Disponeva di quattro reattori utilizzati per la produzione di energia elettrica civile e nel corso dei suoi primi anni di vita aveva subìto alcune modifiche che ne avevano ridotto la sicurezza a vantaggio dell’efficienza, tra tutte l’accoppiamento, come moderatore, del grafite con l’acqua, che fungeva da refrigerante. 
La notte del disastro erano in atto alcuni test sperimentali che, nel corso degli accertamenti e delle indagini condotte nel tentativo di definire la cause del disastro, rilevarono tutta una serie di errori commessi sia dagli operatori, sia dai progettisti. Si cercò infatti di provocare un’avaria per verificare se alternatore e turbina fossero in grado di produrre energia elettrica in caso di arresto del sistema di raffreddamento. Il tentativo, già operato con successo per il reattore numero 3, stavolta fallì e produsse l’incontrollato aumento della potenza del nocciolo del reattore. L’acqua di refrigerazione si scisse in idrogeno e ossigeno, la pressione produsse la rottura delle tubazioni di raffreddamento, l’idrogeno e la grafite entrarono in contatto con l’aria generando l’esplosione che scoperchiò il reattore e la fuoriuscita di una nube di materiali radioattivi che contaminò la zona circostante, si propagò per l’Urss e con la complicità del vento raggiunse zone della Finlandia e della Svezia. Si calcola che nell’atmosfera vennero lanciate 20 milioni di scorie di materiale radioattivo, una quantità enorme. Le aree vicine furono prontamente evacuate e più di 330.000 persone furono costrette a trasferirsi altrove.

Gli errori e le responsabilità si assommarono, la notte del 26 aprile. Dall’inadeguatezza del personale non qualificato, all’imperizia di chi prese le decisioni più azzardate, ai difetti dell’impianto stesso che già nel 1982 aveva conosciuto un incidente di minor entità senza per questo convincere i progettisti ad apportare le necessarie correzioni, alle carenze tecniche del reattore RBMK, in particolare le barre di controllo.
 Il livello delle radiazioni sprigionate dall’incendio del reattore fu talmente importante da superare di gran lunga quello delle esplosioni nucleari di Hiroshima e Nagasaki, e nel corso degli anni le agenzie ONU hanno redatto un rapporto ufficiale che calcola in 65 i decessi collegati al disastro e stima in 4.000 i morti riconducibili alla catastrofe per tumori e leucemie nell’arco degli 80 anni successivi. Numeri questi messi in discussione da associazioni antinucleariste come Greenpeace il cui conteggio è decisamente superiore sul lungo periodo. Nel corso dei mesi e degli anni gli abitanti delle zone circostanti hanno visto alzarsi drasticamente la percentuale di decessi per tumori alla tiroide, conseguenza diretta dell’esposizione allo iodio-131, un isotopo radioattivo sprigionato al momento dell’esplosione.

Nei giorni immediatamente successivi all’incidente il governo sovietico tentò di tener nascosta la notizia, tanto che le forze che intervennero in soccorso non erano a conoscenza della pericolosità e delle mortali conseguenze dei fumi fuoriusciti dal reattore esploso. I primi allarmi arrivarono da Stoccolma ed Helsinki dove fu registrato un aumento inquietante dei livelli di radioattività; in Italia le voci iniziarono a circolare la sera del 28 aprile, quando si venne a conoscenza che Mosca aveva istituito una speciale commissione d’inchiesta. 
Fu così che il Corriere della Sera, martedì 29 aprile, tre giorni dopo l’accaduto, andò in rotative con l’annuncio di una catastrofe nucleare in Unione Sovietica. 

 Vorrei risparmiarmi la fatica di scivolare nell’inutile demagogia, ma la domanda sorge spontanea: cosa rimane di quel maledetto 26 aprile 1986? Probabilmente il timore, amplificato dalla recente catastrofe del 2011 a Fukushima, anch’essa di livello 7, il più alto, della Scala INES – International Nuclear and radiological Event Scale – che queste centrali nucleari incutono nell’opinione pubblica, comunque sempre divisa tra favorevoli e contrari; soprattutto la consapevolezza che l’uomo, nell’inseguire il progresso, ha commesso, commette, continuerà a commettere errori sottoponendo a pericolo costante la sua stessa esistenza.
 E’ questo il dazio da pagare nel volgere lo sguardo a ciò che sarà: allora, mi vien da pensare, maneggiare con attenzione il futuro e mai farsi troppo forti delle proprie sicurezze. Solo così l’uomo potrà contenere i rischi nei limiti dell’accettabile.

Alcune nazioni piccolissime quasi sconosciute



1. Nagorno-Karabakh è una repubblica indipendente situata tra l'Armenia e l'Azerbaigian. Nagorno Karabakh è una delle regioni più minate dell'ex Unione Sovietica a causa della guerra del 1991-1994 Nagorno-Karabakh non è ancora riconosciuti da nessuno stato, tra cui l'Armenia. Il 95% della popolazione è armena, e il resto sono greci e curdi. Il loro turismo è fondamentalmente indirizzato ad armeni che vivono nei paesi occidentali.

2. Isole Pitcairn, ufficialmente chiamate , isole Henderson, Ducie e Oeno Pitcairn , sono un gruppo di quattro isole vulcaniche  ex colonia britannica, l'ultimo rimasto nel Pacifico. Lingua della popolazione è un mix di inglese e di Tahiti. Negli ultimi anni la chiesa è stata chiusa perché solo 8 isolani l'hanno visitata regolarmente. C'è solo un bar caffetteria sull'isola, e il negozio di governo è la vendita di alcol e sigarette. Hanno leggi severe morali che vietavano la danza, il fumo e la consumazione di alcol.

3. Isole Cook, sono una democrazia parlamentare autonoma. Con oltre 90 000 turisti all'anno, il turismo è la loro migliore industria  e  l' elemento trainante dell'economia dell'isola, molto più avanti di offshore banking, marino, le perle e le esportazioni di frutta. Isole Cook ebbero il nome dal navigatore inglese James Cook quando arrivò sulle isole nel 1773.

4. Tokelau, è un territorio non autonomo della Nuova Zelanda che si compone di tre isole. Il nome Tokelau è una parola polinesiana che significa "vento del nord". L'isola ha la più piccola economia di ogni paese del mondo che li rende quasi completamente dipendenti dai sussidi provenienti dalla Nuova Zelanda. 96% della popolazione è cristiano e il 57% di questi sono donne.

5. Isola di Man, noto anche come Mann, è autogoverno  a dipendenza della Corona britannica, con una posizione nel Mare d'Irlanda tra le isole di Gran Bretagna e Irlanda. Essi non sono una parte del l'Unione europea . Isola di Man l'economia si basa su banche offshore e  turismo.
L'isola è stata abitata fin prima di 65oo a C. AA

7. Comore  nazione africana è un  isola nell'Oceano Indiano fra il Mozambico e il Madagascar. L'isola è una vecchia colonia francese, e oggi ci sono circa 300 000 abitanti delle Comore che vivono in Francia. 98% della popolazione è islamica.

8. Tuvalu, è una monarchia costituzionale con la Regina Elisabetta  come capo di stato. Non hanno forze militari regolari, 
Tuvalu è il 4 ° paese più piccolo del mondo. I primi abitanti del paese erano polinesiani.

9. Nauru, un ex impero colonia tedesca è conosciuta anche come piacevole isola del Sud Pacifico. Il popolo di Nauru stanno raccogliendo l'acqua piovana durante le piogge monsoniche tra novembre e febbraio,l'acqua fresca naturale è molto limitata . Lo sport più popolare in questo paese è football australiano , e hanno Football League con sette squadre.

Museo sottomarino



Che cosa si ottiene quando si combinano immersioni subacquee e sculture ?
Risposta: un enorme museo sottomarino.
Scultore Jason de Caires Taylor ha trasformato una parte del Parco Nazionale Marino di Cancun in Messico in una bella attrazione del mare. La sua creazione è  il più grande museo di scultura subacquea al mondo, con circa 400 sculture in  cemento .

Non è solo uno spettacolo: il museo svolge un ruolo molto importante nel favorire l'ambiente. I coralli che crescono sulle sculture aiutano la vita marina. Taylor dice che cambierà il contenuto del museo su una base costante.

Ore di lavoro straordinario, dice Taylor, i coralli porteranno colore per le sculture , e il pesce aiuterà a impostare la giusta atmosfera.


Straordinaria

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...