lunedì 5 novembre 2018

Scoperta una rampa in Egitto che avrebbe potuto aiutare a costruire le grandi piramidi egiziane


Le piramidi dell’antico Egitto sono una delle meraviglie architettoniche più affascinanti del mondo. 
Eppure, rimane un mistero come gli antichi egizi siano stati in grado di erigerle con quei blocchi che hanno una media di peso di 2,3 tonnellate.
 Una nuova scoperta archeologica potrebbe, tuttavia, far luce su come almeno alcuni dei blocchi di pietra sono stati spostati.


Presso la cava di alabastro di Hatnub, a nord della moderna Luxor, è stata scoperta una rampa risalente a 4500 anni fa che serviva probabilmente per spostare le pietre fuori dalla cava in modo che potessero essere portate al cantiere. 

Mentre il materiale di costruzione principale per le piramidi era calcareo, un po’ di alabastro era usato per pavimentazioni, nonché statue e bare. Ma il sistema utilizzato per spostare l’alabastro estratto, che risale al regno di Re Khufu nella IV dinastia, sarebbe probabilmente stato utilizzato anche in altre cave.

 È una scoperta importante, la prima prova che mostra come i blocchi pesanti sono stati sollevati e spostati dalle cave, secondo Mustafa Waziri , Segretario Generale del Ministero delle Antichità egiziano. 
E mentre resta un mistero su come i pesanti blocchi di calcare siano stati trasportati poi sui lati delle piramidi, il sistema di rampe potrebbe contenere alcuni indizi vitali.


“Il sistema mobile è costituito dalla rampa centrale, circondata da due scale che contengono buchi di appoggio”, ha spiegato l’archeologo Yannis Gourdon dell’Institut Français d’Archéologie Orientale al Luxor Times. 
Questi buchi avrebbero tenuto robusti pali di legno. I blocchi di alabastro sarebbero stati collocati su slitte di legno e un sistema che utilizzava corde avrebbe avvolto i poli, agendo come una puleggia per moltiplicare la forza esercitata in modo da aiutare a trasportare le massicce pietre su pendii di 20 gradi o più.

 Oltre alla rampa, gli archeologi hanno anche trovato almeno 100 iscrizioni che commemorano le visite dei faraoni alle cave di alabastro di Hatnub, nonché abitazioni in pietra per i lavoratori delle cave.


“Il team ha portato alla luce 4 stele di pietra: una delle stele raffigura il disegno di una persona in piedi e le altre tre hanno invece iscrizioni ieratiche poco chiare a causa del cattivo stato di conservazione”, ha affermato l’archeologo Roland Enmarch dell’Università di Liverpool .
 “Il team di restauro sta lavorando alla conservazione delle iscrizioni, così come il rilievo epigrafico delle strutture residenziali intorno alle cave.” 

 Da: www.sciencealert.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...