giovedì 18 dicembre 2014

L'incredibile trasformazione di un cane malato e abbandonato


E' stata lasciata a morire in mezzo a un mucchio di spazzatura. L'abbandono e la sofferenza l'avevano lasciata fisicamente ed emotivamente provata.
 Ma solo un anno più tardi, dopo essere stata salvata e amata, Miley ha vissuto una trasformazione meravigliosa: oggi è sorprendentemente felice e in buona salute.


Era il novembre 2013 quando Eldad Hagar di Hope for Paws incontra per la prima volta il cane abbandonato tra cumuli di immondizia, nella periferia di Los Angeles.
 Coperta di rogna e di infezioni, Miley stava malissimo. 
Era "uno dei peggiori casi di malattia fisica che avesse mai visto. "Quando sono arrivato, quasi non riuscivo a credere a quello che stavo vedendo. Era quasi come se quel posto fosse stato colpito da uno tsunami ", ha detto Hagar al The Huffington Post.
 Miley è stata soccorsa e portata subito in ospedale, dove ha iniziato la sua strada lenta ma costante verso la ripresa.

 L'incredibile trasformazione viene raccontata in un nuovo e dolcissimo video che ci ricorda quanto il non voltarsi dall'altra parte possa fare la differenza per la vita di un animale.

 

Roberta Ragni

Perline danesi dell'Età del bronzo riconducibili all'Egitto

Una collaborazione internazionale tra il Moesgaard Museum di Aarhus, il Museo Nazionale di Danimarca a Copenhagen, e l'Institut de Recherche sur les Archéomatériaux (IRAMAT) a Orléans, in Francia, ha portato ad una scoperta sensazionale sulle rotte commerciali tra la Danimarca e le antiche civiltà in Egitto e Mesopotamia nell'età del bronzo 3400 anni fa.
 La scoperta ci dà anche nuove conoscenze sul culto del sole nell'Età del bronzo scandinava.



Gli archeologi Jeanette Varberg del Moesgaard Museum e Flemming Kaul del Museo Nazionale, e Bernard Gratuze, direttore di IRAMAT, hanno analizzato la composizione di alcune perle di vetro blu trovate su donne sepolte dell'Età del bronzo in Danimarca. Le analisi hanno rivelato che il vetro proviene dagli stessi laboratori del vetro in Egitto che produssero il vetro che il faraone egiziano Tutankhamon portò con sé nella tomba nel 1323 a.C. 
Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista danese SKALK. 
Ventitre perle di vetro provenienti dalla Danimarca sono state analizzate utilizzando la spettrometria al plasma. Senza distruggere le fragili perline, questa tecnica permette di confrontare la composizione chimica degli elementi in traccia nelle perline con materiale di riferimento di Amarna in Egitto e Nippur in Mesopotamia, a circa 50 km a sud est di Baghdad in Iraq. 
Dal confronto è emerso che la composizione chimica dei due insiemi di elementi in tracce corrisponde. 
 Primo oggetto dei ricercatori per il confronto è stata una perlina dalla tomba di una donna ricca a Olby, a circa 40 km a sud di Copenhagen.
 La donna era stata sepolta in un modo molto stravagante, giaceva in un tronco di quercia scavata e indossava un bellissimo disco da cintura, una gonna con una stringa intelligente con tintinnanti e brillanti tubetti di bronzo, e un bracciale di perle di ambra con una singola perla di vetro blu.

La perla di vetro si è rivelata essere egiziana. Questa è la prima volta che il vetro cobalto tipico egiziano è stato scoperto fuori dell'area mediterranea.
 Gli archeologi possono ora confermare che esiste una connessione tra le perle d'ambra e le perle di vetro.

 E' noto da tempo che l'ambra è stata esportata nell'Età del bronzo da latitudini nordiche e verso sud.
 Tutankhamun e altri faraoni egiziani avevano grandi collane d'ambra nelle loro camere sepolcrali. 
Ora i ricercatori stanno collegando l'ambra e il vetro insieme in modo inaspettato.

Una proprietà che hanno sia vetro che ambra è che la luce solare penetra la loro superficie. 
Sembra che perline di vetro e ambra siano state trovate insieme in siti del Medio Oriente, della Turchia, della Grecia, dell'Italia, e della Germania per le latitudini nordiche.
 Gli archeologi ritengono che questa potrebbe essere la prova di un legame tra il culto del sole egizio e il culto del sole nordico.


Poggiatesta trovato nella tomba di Tutankhamon in vetro blu con foglia d'oro intorno al bordo 

 Quando una donna danese nell'Età del Bronzo veniva sepolta con dei gioielli in ambra e vetro blu, questo costituiva una preghiera al sole per garantire che sarebbe stata riunita con esso e condividere il suo destino con il sole nel suo viaggio eterno. 
L'antico percorso dell'ambra verso i paesi del Mediterraneo ha quindi ora una controparte: il percorso del vetro al Nord. 
Finora i ricercatori hanno dimostrato che c'era un collegamento commerciale in Egitto e Mesopotamia negli anni dal 1400 al 1100 a.C.
 Scoprire se il percorso prosegue nella successiva età del bronzo è un futuro compito per il team di ricerca franco-danese. 

 Fonti : archaeologynewsnetwork
            http://sciencenordic.com/
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...