giovedì 7 febbraio 2013

Povero fantasmino

La libertà


Mi dicono:  -Se trovi uno schiavo addormentato, non svegliarlo, forse sta sognando la  libertà. -Ed io rispondo:-Se trovi uno schiavo addormentato, sveglialo, sveglialo e parlagli della libertà! 


K.Gibran

Il notturlabio

Il notturlabio (o notturnale, oppure orologio notturno) è uno strumento simile all'astrolabio, utilizzato in passato dai naviganti per determinare l'ora durante la notte, sia pure con un grado di precisione molto modesto, qualora fosse nota la posizione di tre stelle.
Il suo impiego dipende dalla capacità di vedere la Stella Polare e l'Orsa Maggiore; questo perché le due stelle dell'Orsa maggiore chiamate i Puntatori (Dubhe e Merak), sono sempre allineate con la stella Polare, e costituiscono una specie di lancetta di un orologio, che compie un giro completo ogni giorno.

COSA STA ACCADENDO IN GRECIA?!

Il senatore monti affermava che la GRECIA e l’esempio del grande SUCCESSO dell’EURO.. Nel silenzio più totale e vergognoso dei nostri media, giungono lo stesso dalla Grecia notizie terribili. Guardate queste scene incredibili: alcuni contadini fuori dal Ministero dell’Agricoltura di Atene distribuiscono frutta e verdura gratuitamente.
Pensionati, cittadini comuni, disoccupati s’accalcano per mendicare un sacchetto di cibo. Nonostante i ripetuti inviti alla calma, la fame e la frustrazione hanno portato non solo a code molto lunghe, ma anche a disordini.
Alcuni uomini, caduti a terra nella ressa generale, sono stati calpestati… Questa è anche la nostra Europa insignita perfino del premio Nobel per la pace. Da cittadino italiano ed europeo provo vergogna ed indignazione.
Le politiche di austerità, che stanno infliggendo sofferenze enormi ai cittadini greci, stanno già producendo analoghi risultati da noi. Monti, Bersani, Casini e tutti coloro che appoggiano queste politiche si rendono responsabili della sofferenza di milioni di persone. Fate girare questi video.
Fate uno sforzo perchè alle prossime elezioni non prevalgano coloro che, passivamente, accettano queste politiche.
Ne va del nostro futuro e di quello dei nostri figli.
Pubblicato il febbraio 7, 2013 di ABATE FARIA 3 di IL CONTAGIO

Un pezzo di ingranaggio di 300 milioni di anni fa




Un oggetto che non dovrebbe proprio trovarsi dove invece è, fuori contesto, anacronistico o semplicemente inspiegabile. Questo è ciò che un acronimo anglosassone definisce OOPart, ovvero "Out Of Place artifact". L'ultimo caso è stato segnalato pochi tempo fa da un quotidiano russo e lascia davvero stupefatti.  
La Voce di Russia riferisce infatti che un uomo ha trovato un meccanismo in alluminio all'interno di un blocco di carbone. Il signore - rimasto anonimo - stava alimentando il fuoco nella sua casa di Vladivostok, nella punta estrema della Siberia, quando si è accorto che spuntava qualcosa che - spiega il giornale -  "ricorda una parte di una moderna rotella dentata". Lo strano reperto è stato consegnato ad un team di studiosi della regione di Primorye, allo scopo di accertarne la natura.
Gli esperti hanno dovuto ammettere che non è naturale, ma risulta essere un manufatto, come gli intervalli regolari e precisi da un dente all'altro fanno pensare. E per il fatto di trovarsi inglobato all'interno di un pezzo di combustibile fossile estratto in Khakasia non può che risalire all'epoca nella quale il carbone si è formato: ovvero 300 milioni di anni fa!
Ovviamente in quei tempi remoti non solo non esisteva la metallurgia, ma neppure gli esseri umani in grado di inventarla. Almeno secondo la storia ufficiale dell'evoluzione della vita sulla Terra... Nell' era paleozoica le forme viventi più evolute - dicono i nostri libri - erano insetti giganti ed anfibi mostruosi, improbabili nelle vesti di artigiani del metallo. Ecco perché la notizia del ritrovamento di questo oggetto del tutto imprevisto è sconvolgente.
Per il sito Beforeitnews.com, il frammento metallico è stato sottoposto anche ad un'analisi diffrattiva ai raggi X per studiarne le componenti chimiche. Il risultato: è formato da puro alluminio con microimpurità di magnesio pari al 2-4 per cento. Un esito confermato anche da Igor Okunev, ricercatore presso l'istituto di Fisica nucleare di San Pietroburgo.
È stato lui ad azzardare quella datazione incredibile - 300 milioni di anni - e a dare una descrizione del reperto al giornale russo. "Non è più lungo di 7 centimetri ed è composto per il 98 per cento da alluminio e per il rimanente 2 per cento da magnesio". Allo stato attuale, questo è l'elemento che più lascia interdetti gli scienziati, perché l'alluminio allo stato puro è estremamente raro in natura.
Nello stesso tempo, però, si spiega perché il frammento possa esser rimasto pressoché inalterato nel tempo: grazie a quella minima percentuale di magnesio non si ossida, può sopportare alte temperature e resiste anche a forti pressioni. Insomma, diventa quasi indistruttibile - proprio come questo straordinario reperto. Ancora da stabilire l'origine di questa lega. Si sa infatti, dallo studio delle meteoriti, che esiste l'alluminio-26 (di provenienza extraterrestre) che decade in magnesio-26. Quindi potrebbe trattarsi di metallo di origine aliena.
Gli scienziati, al momento, preferiscono non sbilanciarsi su come possa essere finito là dentro ed hanno comunicato l'intenzione di sottoporre l'oggetto metallico ad ulteriori esami per tentare di risolvere il rompicapo. Ma tra i non addetti ai lavori si diffondono già le ipotesi alternative. La più quotata sostiene che quella rotella era parte di un qualche strumento di precisione a bordo divelivolo alieno arrivato sul nostro pianeta in quell'epoche remote. Oppure, a dimenticare sul suolo terrestre quell'ingranaggio potrebbero essere stati dei viaggiatori del tempo. Insomma, uomini del futuro.Spiegazioni fantasiose se non fantascientifiche, ma anche quel ritrovamento lo è, tanto da apparire praticamente impossibile.
Eppure non è un unicum, un caso isolato, anzi: sono ormai decine i reperti a dir poco anomali di cui si sente parlare da decenni. Solo per citare due esempi: alla fine del 1800, in Illinois, una signora avrebbe trovato una catenina d'oro all'interno di un blocco di carbone, mentre nel 1912 si racconta che in Oklahoma un minatore avrebbe estratto una tazza di ferro da una vena carbonifera.
Scoperte giudicate dalla scienza ufficiale del tutto infondate, perché frutto di pura immaginazione, manipolazione, propaganda e spesso non più verificabili. Molti di questi OOPart , infatti, sono andati perduti: non restano altro che ritagli di giornali sbiaditi o foto sgualcite che- in effetti- non costituiscono una prova. Ma il caso di Vladivostok è diverso: qui si possono effettuare tutti i test più approfonditi ed accurati. Da questo oggetto fuori dal tempo e fuori luogo potrebbero arrivare risposte sorprendenti che potrebbero anche riscrivere la nozioni fondamentali della nostra storia.

Miriam Makeba

Cantante sudafricana nata a Johannesburg nel 1032, lasciò il suo paese nel 1960 quando invitata a presenziare alla Biennale del cinema a Venezia alla proiezione del documentario contro l'apartheid "Come back Africa", decise di non farvi ritorno. Possibilità che per altro gli venne poi tolta dallo stesso governo di Pretoria nel 1963 che dopo il suo intervento davanti alla commissione contro l'apartheid delle Nazioni Unite le tolse la cittadinanza.
 Inizia a cantare negli anni Cinquanta con il gruppo del Manhattan Brothers e poi con i Skyrllaks, mischiando jazz e musica tradizionale sudafricana. Nel 1956 scrive la sua canzone più celebre, Pata Pata che la porterà al successo internazionale. Nel 1966 vince il Grammy Award con l'album An Evening con Harry Belafonte.
 Raggiunse il successo negli Stati Uniti che però lasciò dopo le difficoltà incontrate a seguito di un matrimonio con l'attivista per i diritti civili e leader delle Pantere Nere, Stokely Carmichael. Si spostò quindi in Guinea per la quale svolse l'incarico di rappresentante presso l'Onu dal 1964 al 1975. 
Nel 1990 su sollecitazione di Nelson Mandela rientrò in Sudafrica. Il 16 ottobre 1999, Miriam Makeba è stata nominata Ambasciatrice di buona volontà dell'Organizzazione per l'Alimentazione e l'Agricoltura delle Nazioni Unite (FAO). 

Miriam Makeba è morta nella notte fra il 9 e il 10 novembre 2008 per un attacco cardiaco a Castel Volturno dove, qualche ora prima, nonostante forti dolori al petto, si era esibita in un concerto contro la camorra dedicato allo scrittore Roberto Saviano. In molti , tra i quali lo stesso Saviano, hanno denunciato un grave ritardo nei soccorsi.

Là dove si arresta il potere delle parole, comincia la musica.


Italia..... anche l'impossibile diventa realtà

Alcune nostre autostrade sono utilissime per la pastorizia
E i lungimiranti ingegneri hanno anche previsto il Guard rail per impedire che durante il tragitto le mandrie si mischino

Il Paradiso Boemo


Già il nome lascia immaginare lo spettacolo unico e irripetibile che si presenterà ai nostri occhi: “Paradiso Boemo” (Ceský ráj), un area protetta nel cuore della Repubblica Ceca, dichiarato dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità. 
Non sorprende che l'area in cui si trova il Geoparco Boemo, compresa tra le cittadine di Turnov, Mnichovo Hradište e Jicín, sia stata scelta come soggetto da numerosi artisti praghesi. Nel corso di milioni di anni, il sole, la pioggia e il vento hanno scolpito le rocce di arenaria, creando delle strutture stupefacenti, guglie slanciate e pilastri che sembrano canne di un colossale organo. Ma all'occhio umano che si avventura nell'esplorazione di questo luogo incredibile, non manca di riconoscere nelle rocce modellate dal tempo volti umani, animali e, addirittura, una coppia di sposi che, secondo la leggenda, furono trasformati in statue di pietra. 

 Nel corso della storia geologica della Terra, la zona del Geoparco Boemo è stata più volte sommersa dalle acque del mare. I sedimenti depositati dal mare mesozoico hanno creato la base delle attuali colonne di arenaria del Paradiso Boemo.

La regione, che copre una superficie di circa 92 chilometri quadrati, è altamente sismica e si trova su una caldera vulcanica molto vivace. 
Negli ultimi anni, gli scienziati hanno notato un aumento nel movimento del magma verso la superficie, con un relativo aumento della sismicità sul confine ceco-tedesco.

Dal 1955, la zona è conosciuta come “Paradiso Boemo”, la più antica riserva naturale della Repubblica Ceca. Si trova a 100 chilometri a Nord-Est di Praga ed è situata ad un'altitudine che varia dagli 800 ai 1600 metri sul livello del mare. 
Le strutture sono di varia natura e rappresentano stati diversi di sviluppo e tutta una serie di misteri geologici, paleontologici e mineralogici che i ricercatori sperano di risolvere. Alcune delle formazioni, soprattutto al buio, sembrano sagome umane, tanto che si ipotizza che in un remoto passato, questo luogo fosse ritenuto sacro e utilizzato come tempio a cielo aperto per funzioni religiose. La montagna simboleggia il luogo di incontro tra il cielo e la terra, tra la divinità e l'uomo, tra l'eternità e il tempo, e qui il paesaggio sembra davvero eterno e senza tempo.

La più grande falda acquifera del mondo



L'immenso deposito di acqua dolce, che secondo gli studiosi potrebbe essere ancora più grande di quelli nel sottosuolo della Russia e dell'Australia finora considerati i più grandi conosciuti, si estenderebbe sotto gli stati brasiliani di Parà, Amazonas e Amapà', lungo quindi il corso del Rio delle Amazzoni e i suoi affluenti, su una superficie di circa 440 mila chilometri quadrati per uno spessore medio di 545 metri.
''I dati raccolti in trent'anni di ricerche e studi, spesso in luoghi di difficilissimo accesso, ci permettono oggi di affermare che si tratta della scoperta della più grande riserva di acqua dolce del mondo'', ha detto il geologo dell'Ufpa Milton Matta, che ha guidato la ricerca, al quotidiano Estado de S.Paulo.


 Matta afferma che la porosita' e la permerabilita' della roccia della falda acquifera sono pressoche' uniformi nonostante l'estensione di centinaia di chilometri nel sottosuolo dell'Amazzonia, e permettono un rinnovamento costante del livello dell'acqua. ''Ovunque abbiamo scavato a quella profondita' abbiamo avuto un flusso d'acqua abbondantissimo e costante, indicando condizioni analoghe su tutta l'estensione'', ha specificato Matta. Trattandosi inoltre di una regione in gran parte disabitata e comunque poco sfruttata, la qualita' dell'acqua nella riserva e' anche di altissima qualita'.
Nel sottosuolo del Brasile si trova gia' gran parte del cosiddetto 'Acquifero Guarani''', terza riserva mondiale di acqua dolce dopo quelle russe e australiane. Quella nel sottosuolo degli Stati Uniti, che si estende dall'Arizona al Texas su un'estensione pari a quella del Mar Mediterraneo, e' ormai ridotta ad un quinto della sua portata iniziale, per eccesso di sfruttamento, e potrebbe esaurirsi già nel giro di alcuni decenni, come hanno denunciato numerose organizzazioni ambientali come Conservation Intenational, con gravi conseguenze per il fabbisogno idrico americano.
Con la scoperta annunciata nel Para', il Brasile detiene così le maggiori riserve mondiali di acqua dolce, l'ennesimo primato per quello che si conferma sempre più come il ''gigante del futuro''.

L'ennesima beffa

Anna Maria Tarantola,(presidente della RAI) ha annunciato una nuova stagione della Rai fondata sulla sobrietá dei comportamenti!!!. Un proposito lodevole ...
PER VOSTRA INFORMAZIONE 

Un’indagata è al verti­ce della Rai dei tecnici eticamente su­periori.
Non so se Monti ne fosse al corrente, ma Anna Maria Tarantola, da lui designata alla presidenza della tv di Sta­to, è sotto inchiesta per non aver impedito, nel­la sua qualità di vicedirettore di Bankitalia, l’immissione sul mercato bancario dei titoli tossici che hanno messo sul lastrico migliaia di risparmiatori e imprenditori.
Ma a monti tutto è permesso, anche fregarsene, giustamente, dei  curriculum macchiati da avvisi di garanzia.

Vita segreta delle piante




Potrà sembrare assurdo, ma piante ed esseri umani si somigliano più di quanto potessimo immaginare. Diversi studi eseguiti nel corso degli ultimi anni hanno dimostrato che le piante possiedono una serie di caratteristiche sorprendenti e che, per certi aspetti alcuni loro “comportamenti! sono simili ai nostri.
Le piante sono capaci di percepire il pericolo e di sapere esattamente cosa “fare” per evitare i predatori. Non molto tempo fa, un gruppo di scienziati ha scoperto che le piante sono in grado di ascoltare, di vedere, annusare e di possedere la capacità di apprendere, ricordare, e comunicare. Inoltre, non solo a loro non piace il frastuono prodotto dalle attività umane, ma fatto ancor più sorprendente, le piante sono anche in grado di fare musica e di cantare!

In un esperimento condotto da alcuni ricercatori dell'Università del Colorado, si è dimostrato che le piante, tra le numerose caratteristiche, sono anche anche altruiste. Gli studiosi hanno esaminato dei semi di mais fecondato, ognuno dei quali conteneva due “fratelli” (un embrione e un po' di tessuto cellulare noto come “endosperma”, che alimenta l'embrione durante la sua crescita).

Nello studio sono state messe a confronto la crescita e il comportamento di embrioni e di endosperma di semi che condividono gli stessi genitori, e il comportamento di embrioni e di endosperma che avevano la stessa madre, ma padri geneticamente differenti.
“I risultati hanno indicato che il gruppo di embrioni con gli stessi genitori presentavano una maggiore quantità di endosperma, rispetto agli embrioni con la stessa madre, ma con un padre diverso”, spiega la professoressa Pamela Diggle del dipartimento di biologia evolutiva. “Abbiamo scoperto che l'endosperma del gruppo di embrioni che non condivide lo stesso sembra essere meno cooperativo, presentandosi in quantità minore rispetto all'altro gruppo”.
A quanto pare, l'endosperma è più propenso a sacrificarsi per gli individui di una stessa famiglia. “Una delle leggi fondamentali della natura è che se per essere altruisti, bisogna rinunciare ai vostri parenti più stretti. L'altruismo si evolve solo se il benefattore è un parente stretto del beneficiario. Quando l'endosperma dà tutto il suo cibo per l'embrione e poi muore, esprime la più alta forma di altruismo”, conclude la Diggle.
Un esperimento simile fu pubblicato già due anni fa sull'American Journal of Botany, riportato in un resoconto del blog Biosproject: Earth. Guillermo Murphy e Susan Dudley hanno scoperto che la pianta Impatiens pallida, conosciuta con il nome comune di gamba di vetro, vegetale erbaceo delle foreste orientali del Nord America, riconosce i suoi simili e modifica il suo comportamento in relazione al grado di parentela delle piante che gli crescono accanto. 
Dudley e Murphy hanno selezionato semi di Impatiens pallida e li hanno piantati in vasi diversi, ognuno dei quali poteva accogliere semi delle piante della  stessa famiglia o di piante geneticamente lontane, in seguito hanno manipolato la radiazione luminosa e la sua intensità per vedere se la strategia per catturare più luce dipendesse dal grado di parentela degli individui vicini. 
I ricercatori hanno constatato differenti risposte da parte dell'Impatiens a seconda che la pianta era cresciuta con i parenti o con  piante estranee. Per la precisione i due biologi hanno scoperto che le piante “consanguinee” che si venivano a trovare insieme nei vasi, modificavano la loro morfologia modellando la crescita dei rami in modo da non fare ombra alle piante vicine.


Mostruoso è dire poco

ANIMALI. IN SPAGNA ASINO TORTURATO E UCCISO PER FESTEGGIARE IL CARNEVALE. L'ENPA ALL'AMBASCIATORE DEL PAESE IBERICO IN ITALIA: «NO A QUESTA ATROCITA'»
Spintonato, percosso, frastornato con urla e petardi e, infine, torturato e ucciso.
E' l'agghiacciante trattamento riservato a un povero asinello nel corso della festa di Pero Palo che si svolge in occasione del martedì grasso a Villanueva de la Vera, in Estremadura (Spagna meridionale).
Tutto ciò nonostante l'espresso divieto della legge spagnola n.5/2002, relativa ai maltrattamenti agli animali.
Per questo, l'Ente Nazionale Protezione Animali ha scritto all'ambasciatore della Spagna in Italia chiedendogli di intervenire per porre fine alla barbarie di questa "fiesta".
«Si tratta di un'usanza che ripugna alla coscienza dei cittadini europei e che non può essere giustificata da nessuna motivazione», si legge nella missiva dell'Enpa, che prosegue:
«Signor Ambasciatore, le chiediamo a questo proposito un incontro urgentissimo e, soprattutto, di voler compiere i passi necessari per impedire che ancora una volta Villanueva de la Vera sia teatro di una simile atrocità». Secondo l'Enpa, che dal 1871 persegue la tutela dei diritti degli animali non solo in Italia ma anche in Europa e nel mondo, è necessario che la cultura biocentrica diventi patrimonio comune.
Il rispetto della vita e la difesa degli altri viventi non dovrebbero conoscere confini geografici.
«E cio', in particolar modo, dovrebbe essere per i Paesi membri dell'Unione Europea – si legge ancora nella lettera della Protezione Animali -: essere cittadini d'Europa deve significare anche condividere valori e sensibilità che non riguardino soltanto la nostra specie.
Naturalmente, sosteniamo appieno la mobilitazione che già da tempo le Associazioni spagnole stanno svolgendo in modo encomiabile, per assicurare la cancellazione di barbarie che la Spagna di oggi non merita».
[Enpa] Mattia tratto da Help! La Terra Chiede Aiuto

Piatto ricco mi ci ficco......loro fanno benissimo a festeggiare

Chi conosce le clausole di questo (PATTO) non ha nulla da festeggiare Lo può fare solo chi dal suddetto ha tutto da guadagnare non certo l'Italia laica Solo costi in cambia di preghiere
Patti lateranensi, il Vaticano festeggia.
E l'Italia?
Il presidente della Repubblica offre un concerto al papa per commemorare la firma degli storici accordi.
Entourage italiano al gran completo, politici compresi.
A partire dai Patti lateranensi dell'11 febbraio 1929, non si può nemmeno quantificare la somma esatta che lo Stato della Città del Vaticano ha incassato dal nostro Stato, se ad oggi l'esborso italiano annuo si aggira intorno ai sei miliardi di euro.
E, come se non bastasse, l'enclave più ricca del mondo riesce anche ad accumulare ingenti debiti (vedi Acea) mentre varie sue aziende ospedaliere (vedi Idi, San Raffaele, Gemelli, etc.) sono in profondo rosso.
Quella dei Patti del '29, firmati "quando c'era lui", è quindi, senz'altro, una ricorrenza che il papa e i suoi devono ben celebrare, visto che da allora hanno anche imposto all'Italia la loro religione come religione di Stato, il nostro. Meno chiaro è che cosa avessero da festeggiare le istituzioni italiane al Vatican Party che si è tenuto in anticipo lunedì 4 febbraio, tra musica e conciliaboli pre-elettorali.
Una domanda sorge spontanea, per esempio: insieme al teocrate Joseph Ratzinger e all'ex comunista presidente Giorgio Napolitano, che cosa ci faceva quell'altro pontefice della Sinistra, nickname Papa Giovanni, al secolo conosciuto come Pier Luigi Bersani, uno che sa scherzare coi fanti, ma lascia troppo stare i santi?
Al posto del motto "non c'è più religione" ci è almeno concesso di esclamare che non c'è più laicità?

Paolo Izzo da Informazione Libera

Madre Natura

Il carnevale veneziano



Il Carnevale veneziano è uno dei più antichi e affascinanti d'Europa.
     Non sappiamo con esattezza quando i veneziani abbiano cominciato ad indossare maschere, anche se sappiamo che nel corso del XVIII° secolo il travestimento e i giochi in incognito con utilizzo di maschere erano parte integrante della vita quotidiana veneziana. A quell'epoca il Carnevale iniziava ufficialmente il 26 dicembre e raggiungeva il suo apice il martedì grasso, prima del mercoledì delle ceneri..
 Quindi durante l'antica Repubblica, il Carnevale sembrava durare tutto l'anno, o per lo meno così appariva la città ai visitatori. La moda veneziana di indossare delle maschere comportava una serie di vantaggi e libertà, che dovevano far sembrare Venezia un vero e proprio paradiso ai molti visitatori stranieri.

Inoltre anche i cittadini ordinari che indossavano i tradizionali costumi di carnevale si sentivano esattamente allo stesso livello dei ricchi patrizi. Ricchi e poveri festeggiavano insieme in città e anche l'astuto Senato, che riconosceva in questo una perfetta valvola di sfogo per tutti i tumulti sociali, decretò che nessuno di coloro che indossava una maschera era inferiore ad un altro. Persino i giocatori d'azzardo utilizzavano la maschera per rimanere in incognito e pure le donne, protette dalla maschera si sentivano libere di organizzare i loro incontri segreti.
La maschera quindi divenne condizione necessaria per sfuggire dalla vita di tutti i giorni e inventare una nuova personalità, permettendo di agire in totale libertà.

Durante il Carnevale la Piazza S. Marco diveniva il centro dei festeggiamenti, ma anche i campi minori e le strade principali erano invase da persone che danzavano, cantavano e facevano scherzi.

     La Piazza S. Marco, definita da molti come "il salotto più bello del mondo, si trasformava in un'immenso salone da ballo e in prossimità della piazza apparivano nella nebbia fantastici palcoscenici galleggianti. L'ultimo giorno, il martedì grasso, il Carnevale raggiungeva il suo apice e una processione di maschere attraversava il Canal Grande, centinaia di lanterne si riflettevano nell'acqua dei canali e Venezia stessa si trasformava in un unico grande teatro.

     Con la caduta della Repubblica alla fine del XVIII° secolo, l'utilizzo della maschera ebbe un repentino declino, fino a scomparire completamente.

Nel 1979, un gruppo di giovani veneziani amanti del teatro e della cultura hanno pensato di far rinascere l'antico Carnevale.

Adesso i visitatori che ogni anno affollano Venezia l'ultimo week-end prima dell'inizio della Quaresima sono più di 500.000.

L'identità delle persone si fa di nuovo confusa e riemerge inevitabilmente la difficoltà di distinguere fra realtà e illusione e fra passato e presente. 


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...