mercoledì 30 settembre 2015

Poesia di Jorge Luis Borges










Ci son momenti in cui si deve vivere la propria vita per capire se stessi.
Perché si cambia, il nostro mondo cambia, cambiano le cose senza che te ne accorgi, un mattino è come se ti svegliassi dopo i cento anni della Bella Addormentata.
E ti chiedi cos'è successo a te, nel frattempo: se tutto è cambiato così, dov'eri tu che non te ne accorgevi.
Chiedi, ma nessuno risponde.
Ci sono momenti in cui si deve vivere la vita attraverso la vita degli altri.
Altri che soffrono, altri che ti hanno aspettata a lungo, altri che dopo anni di silenzio finalmente parlano.
Altri che hanno bisogno di un compagno nell'attesa delle loro attese.
E altri per i quali il tempo che passa nell'aspettare è già un dono. Non sai bene se la vita è viaggio, se è sogno, se è attesa, se è un piano che si svolge giorno dopo giorno e non te ne accorgi se non guardando all'indietro.
Non sai se ha senso.
In certi momenti il senso non conta.
Contano i legami.

Jorge Luis Borges

La chiocciola più piccola del mondo


Nella cruna di un ago ce ne starebbero una decina, l'una accanto all'altra: la lumaca di terra più piccola del mondo è stata scoperta in un campione di suolo raccolto nella provincia di Guangxi, Cina meridionale.
 La chiocciola, il cui guscio raggiunge appena gli 0,86 mm di altezza, è stata chiamata dagli scopritori, un team di ricercatori giapponesi e ungheresi, Angustopila dominikae. 
Tra le sette specie di micro-chiocciole rinvenute nel terreno, questa è la più minuta: milioni di volte più piccola, in volume, del suo parente più ingombrante, la chiocciola africana gigante (30 cm di lunghezza). 
 Può darsi che le piccole dimensioni proteggano l'animale dagli artropodi delle latitudini tropicali: per proteggersi, altre chiocciole hanno evoluto sistemi di chiusura del guscio, questa invece preferisce il "basso profilo". 
Probabilmente rimane nascosta nelle minuscole fenditure della pietra arenaria, nutrendosi delle alghe associate all'umidità. 
 Il formato "tascabile" non sarebbe dovuto però a un adattamento all'ambiente favorito dall'evoluzione: i comuni antenati delle sette piccole specie di lumache, vissuti attorno a 60 milioni di anni fa, dovevano già essere altrettanto minuti.
 Difficile che esista, in natura, una chiocciola più piccola dell'Angustopila: le dimensioni di organi e cellule sono già ridotte al minimo. 

Fonte: focus.it

Il monastero Phuktal



Il monastero Phuktal o Phuktal Gompa è uno dei monasteri più isolati nella regione sud-orientale dello Zanskar, nel distretto di Ladakh di Jammu e Kashmir, nel nord dell’India. Il monastero è una costruzione unica di fango e legno costruita all’ingresso di una grotta naturale sulle rive di una gola laterale di un importante affluente del fiume Lungnak (Lingti – Tsarap).
Da lontano il monastero sembra quasi che sia un nido d’ape gigante. Phuktal Gompa fu fondato nei primi anni del 12° secolo da Gangsem Sherap Sampo, un discepolo di Gelug Tsongkhapa. Anche se il monastero fu costruito nel 12° secolo, il luogo era praticamente sconosciuto sino a che l’esploratore ungherese Alexander Cosmo de Koros non lo visitò, nel 1826-1827.



La progettazione e la posizione isolata ha un significato spirituale, perché gli antichi monaci che viaggiavano cercavano riparo e meditazione nelle grotte della zona.
Il monastero dispone di quattro sale di preghiera, una biblioteca, una serie di strutture dedicate alla didattica, una cucina e camere e alloggi per i circa 70 monaci che vi risiedono. Il soffitto è decorato con affreschi a soffitto e decorano la cappella popolata dai turisti. Il Phuktal Gompa è uno dei pochi monasteri buddisti del Ladakh che può essere raggiunto solo a piedi, trovandosi a circa 7 chilometri dalla città di Purne.

Struttura di Richat, l’Occhio del Sahara


Nel nord Africa situato a Ouadane nella Mauritania nel deserto del Sahara si trova la struttura circolare di Richat un fenomeno geologico che assomiglia a un vero e proprio “occhio” posizionato quasi al centro delle sabbie del Sahara, per questo motivo viene chiamato Occhio del Sahara o l’occhio d’Africa ed è visibile solo dallo spazio.
 Ci si potrebbe anche ritrovare in mezzo senza accorgersene.
 E’ una struttura circolare gigantesca di 50 chilometri di diametro e osservando dal cielo appare, posizionato in un mare dorato di sabbia, come un enorme occhio




Fu scoperta nel 1965 durante un volo spaziale americano e date le sue dimensioni e il suo particolare aspetto per molto tempo è stato un punto di riferimento degli astronauti.
 All’inizio si pensava fosse il cratere nato dall’impatto di un meteorite, ma questa teoria non riusciva a chiarire la sua forma la cui pendenza può raggiungere i 40 metri. 
Oggi si ritiene che la struttura possa essere il risultato dell’innalzamento geologico, venuto fuori dall’azione erosiva di acqua e vento. 
I tempi di erosione dei diversi tipi di roccia ha creato nei secoli vari anelli concentrici: le rocce che erano più resistenti ai processi di erosione hanno modellato le creste più alte che sono di colore blu e porpora, invece le rocce più fragili hanno creato le valli che sono di colore giallo.
 La parte nord della struttura è circondata da una parte scura che è un altopiano di roccia sedimentaria che si espande per circa 200 metri al di sopra delle vicine sabbie del deserto, raggiungendo così i 485 metri sul livello del mare nel bordo più esterno. 
La parte meridionale invece è occupato dalla sabbia.
 A nord ovest della struttura di Richat si vede il monte Kédia d’Idjil, la cima più alta della Mauritania e il principale elemento che lo compone e che gli conferisce un colore bluastro è la magnetite, che è un minerale ferroso con proprietà magnetiche, rendendo la montagna un grande magnete naturale, in grado di creare interferenze alle bussole nelle aree vicine. 

Si ritiene che si tratti di una cupola vulcanica che è precipitata su se stessa nel corso di milioni di anni e nel corso delle erosioni subite. Le varie ipotesi sulla sua origine non sono ancora state dimostrate e confermate quindi al momento rimane un rebus da risolvere. 

 Fonte: maiuri.net

India, gli antichi pozzi a gradini che stanno scomparendo


Da semplici barili per raccogliere l'acqua piovana alla costruzione di veri e propri acquedotti, nel corso dei secoli gli uomini si sono dovuti ingegnare per raccogliere e poter utilizzare una delle fonti più preziose del Pianeta: l'acqua. 

 Esempi affascinanti di come si possa unire alla funzionalità, un'estetica mozzafiato sono gli stepwell indiani, ovvero pozzi sotterranei a gradini, nascosti dal trambusto turistico delle città del paese asiatico. 
La maggior parte di questi pozzi si trova, infatti, in regioni dell'India nord occidentale come Gujarat e Rajasthan, luoghi che per metà dell'anno sono caldi e secchi, mentre per i rimanenti mesi hanno un clima monsonico, accompagnato da cicloni e tifoni.


I primi pozzi furono costruiti tra il secondo e il quarto secolo dopo Cristo, l'idea dalla quale partì la popolazione indiana fu quella di creare da un lato, una struttura che potesse mantenere costante il rifornimento di acqua nei lunghi mesi di siccità dall'altro, un luogo da utilizzare per altre attività.
 E' per questo che con il passare del tempo, i pozzi a gradini sono diventati capolavori architettonici per i turisti e luoghi di socializzazione per gli abitanti delle zone circostanti. Insomma una sorta di agorà in cui rifugiarsi per meditare o per pregare gli Dei protettori, per ristorarsi o abbeverare il proprio bestiame.










Con l'ammodernamento delle infrastrutture i pozzi sono stati abbandonati o addirittura distrutti. 
Ultimamente però a causa delle crisi idriche, alcuni di questi monumenti a cielo aperto sono tornati ad assolvere alla loro funzione originaria ma per la maggior parte, il rischio rimane quello che i pozzi siano l'ennesima vittima dell'industrializzazione.

 Dominella Trunfio

Omelette dietetiche



Gli ingredienti possono essere a piacimento

L'energia pulita

Ci sarebbe quindi il modo di usufruire di energia pulita che non inquina acqua, aria, cibo.
Salvare il nostro pianeta ci viene fornito dalla stessa Terra. Purtroppo questa è abitata dai (signori del petrolio e altri trafficoni) che hanno come unico scopo arricchirsi a discapito di vite umane e natura.
A noi non rimane altro che soccombere.



L'energia geotermica costituisce oggi meno dell'1% della produzione mondiale di energia. Tuttavia, uno studio condotto dal Massachusetts Institute of Technology afferma che la potenziale energia geotermica contenuta sul nostro pianeta si aggira attorno ai 12.600.000 ZJ e che con le attuali tecnologie sarebbe possibile utilizzarne "solo" 2000 ZJ.
Tuttavia, poiché il consumo mondiale di energia ammonta a un totale di 0,5 ZJ all'anno, con il solo geotermico, secondo lo studio del MIT, si potrebbe soddisfare il fabbisogno energico planetario con sola energia pulita per i prossimi 4000 anni rendendo quindi inutile qualsiasi altra fonte non rinnovabile attualmente utilizzata. Le sorgenti calde sono state utilizzate per la balneazione almeno fin dal Paleolitico.
Il centro termale più antico conosciuto è una piscina in pietra in Cina sulla montagna Lisan costruita durante la dinastia Qin nel III secolo a.C.



Nel primo secolo d.C., i Romani conquistarono Aquae Sulis, ora Bath, nel Somerset in Inghilterra e utilizzarono le sue sorgenti calde per alimentare i bagni pubblici e il riscaldamento a pavimento. I costi di ammissione per questi bagni rappresentano probabilmente il primo utilizzo commerciale dell'energia geotermica.
Il sistema più antico di riscaldamento geotermico per un quartiere è stato installato a Chaudes-Aigues, Francia ed è divenuto operativo nel XIV secolo. Nel 1892, il primo sistema di teleriscaldamento statunitense a Boise, Idaho fu alimentato direttamente da energia geotermica ed è stato copiato a Klamath Falls, Oregon nel 1900.
Un profondo pozzo geotermico è stato usato per riscaldare le serre in Boise nel 1926 e geyser sono stati utilizzati per riscaldare le serre in Islanda e in Toscana circa nello stesso periodo.
Charlie Lieb sviluppò il primo scambiatore di calore in fondo ad un pozzo nel 1930 per riscaldare la propria casa. Il vapore e l'acqua calda dal geyser iniziarono ad essere utilizzati per il riscaldamento domestico in Islanda a partire dal 1943.



Capacità elettrica geotermica mondiale. La linea rossa superiore è la capacità installata, la linea verde inferiore misura la produzione. Nel XX secolo, la domanda di energia elettrica ha portato a considerare la geotermia come fonte di generazione Il principe Piero Ginori Conti sperimentò il primo generatore geotermico il 4 luglio 1904, presso lo stesso campo di Larderello dove era iniziata l'estrazione degli acidi da geotermia. Questo esperimento portò all'accensione di quattro lampadine.
Più tardi, nel 1911, in quel posto il primo impianto geotermico commerciale del mondo è stato costruito. Fino al 1958 questo è stato il primo impianto di produzione industriale al mondo di energia elettrica geotermica, fino a quando la Nuova Zelanda ne costruì uno nel 1958. Nel 2012 essa ha prodotto circa 594 megawatt.
Lord Kelvin inventò la pompa di calore nel 1852 e Heinrich Zoelly brevettò, nel 1912, l'idea di usarla per estrarre calore dalla terra. Ma ciò non è stato realizzato fino alla fine del 1940 quando la pompa di calore geotermica è stata prodotta con successo.
La prima era probabilmente di 2,2 kW sistema di scambio diretto fatto in casa di Robert C. Webber, ma le fonti non concordano timeline esatta della sua invenzione. J. Donald Kroeker progettò la prima pompa di calore geotermica commerciale per riscaldare l'edificio del Commonwealth (Portland, Oregon).
Il professor Carl Nielsen, dell'Ohio State University, ha realizzato la prima versione ad anello aperto residenziale nella sua casa nel 1948.
La tecnologia è diventato popolare in Svezia, a seguito della crisi petrolifera del 1973, ed è cresciuta lentamente in tutto il mondo da allora. Lo sviluppo del tubo di polibutilene, avvenuto nel 1979, aumentò notevolmente la redditività della pompa di calore.
Nel 1960, la Pacific Gas and Electric mise in funzione la prima centrale geotermica elettrica di successo negli Stati Uniti, presso The Geysers in California. La turbina originale è durata per più di 30 anni e ha prodotto 11 MW di potenza netta.
Dal punto di vista della generazione di energia elettrica, la geotermia consente di trarre dalle forze naturali una grande quantità di energia rinnovabile e pulita. Queste centrali inoltre non comportano un danno all'ambiente, poiché considerate non inquinanti.
Un ulteriore vantaggio è il possibile riciclaggio degli scarti, favorendo il risparmio. La trivellazione è il costo maggiore; nel 2005 l'energia geotermica costava fra i 50 e i 150 euro per MWh, ma pare che tale costo sia sceso a 50-100 euro per MWh nel 2010 e si prevede che scenderà a 40-80 euro per MWh nel 2020.
Anche per quanto riguarda la generazione di energia termica la geotermia (a bassa entalpia) presenta numerosi vantaggi: economia, ambiente, sicurezza, disponibilità e architettura. La geotermia è la fortuna energetica dell'Islanda, dove l'85% delle case è riscaldato con questa fonte energetica.
La grande isola del nord Atlantico basa l'intera sua esistenza sul naturale equilibrio tra la presenza di acqua calda in profondità e l'atmosfera esterna sotto zero.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...