lunedì 29 ottobre 2018

La mummia di una donna egizia stranamente tatuata, potrebbe essere di una maga molto potente?


Quattro anni dopo che un torso mummificato di donna, decorato con tatuaggi unici, è stato scoperto in una tomba di Luxor, le autorità egiziane hanno ufficialmente confermato che i resti appartenevano a una figura religiosa molto rispettata che morì in un periodo della sua vita compreso trai 25 e i 35 anni 

I resti insoliti sono caratterizzati dal primo esempio di complessi tatuaggi religiosi nell’antico Egitto, aggiungendo prove dell’ipotesi che una tale forma dettagliata di alterazione del corpo avrebbe potuto trasformare le donne in oggetti di rito divino o magico. 

“Studi scientifici e archeologici rivelano che è la mummia di una donna che probabilmente visse tra il 1300 e il 1070 a.C. e morì quando la sua età era compresa tra i 25 e i 35 anni”, ha annunciato il segretario generale del Consiglio Supremo delle Antichità, Mustafa el Waziri . 

L’annuncio è recente, ma il tronco di mummia è stato scoperto nel 2014 nel sito archeologico del villagio di Deir El-Madina, sulla riva occidentale di Luxor dall’Istituto Francese di Archeologia Orientale, all’interno di una tomba che mostrava chiari segni di saccheggio.
 Senza le mani, le gambe, la testa e il bacino, non era facile stabilire l’età del corpo. 
La tomba saccheggiata ha anche fornito pochi indizi sulla sua storia, lasciando i ricercatori desiderosi di capire di più sul suo background con un compito molto arduo.

 Quello che hanno trovato era un corpo adornato con più di 30 intricati disegni tatuati nella sua pelle ancora conservata su spalle, collo, schiena e braccia. 
Alcuni erano disegni di fiori di loto e babbuini seduti, che indicavano proprietà magiche di guarigione o protezione contro la malattia.
 La maggior parte era chiaramente destinata a essere visibile.


Ma era la moltitudine di occhi semi-chiusi bordati di linee serpeggianti che spiccavano davvero. 
“Da qualsiasi angolazione guardi questa donna, puoi vedere un paio di occhi divini che ti osservano”, ha spiegato la bioarcheologa Anne Austin della Stanford University durante un incontro di antropologi nel 2016.
 I numerosi “wadjet” o occhi di Horus che decoravano il suo corpo non sarebbero sembrati fuori posto sulle pareti del tempi dove veniva adorata la dea Hathor. 
Il che ha spinto i ricercatori a chiedersi: era questo il corpo di una specie di sacerdotessa?

 I tatuaggi figurati nell’antico Egitto risalgono ad almeno 5.000 anni fa . 
Prima di questo periodo, la body art consisteva principalmente di punti e linee semplici.
 Antichi esempi di tatuaggi più complessi si distinguono perché sono così incredibilmente rari, rendendo difficile fare molto di più che speculare sul loro significato.
 Gli archeologi possono fare congetture sulla base di schemi che trovano su figure, ma è un passo avanti affermare che queste immagini rappresentino accuratamente i tatuaggi così come erano nella realtà.


Nel 1891, un egittologo francese di nome Eugène Grébaut scoprì una specie di stele di Rosetta per tatuaggi in una vecchia bara di legno, con i resti mummificati di una donna dell’XI e XII dinastia (circa 4000 anni fa).
 Grazie ai suoi meravigliosi motivi a inchiostro che assomigliavano a quelli trovati su minuscole statue e sculture religiose, venne riconosciuta come Amunet, Sacerdotessa della Dea Hathor.

 C’è solo un problema in quanto c’è un dibattito sul fatto che alle donne sarebbe stato permesso di agire come figure religiose in molte delle sette egiziane.
 Solo avere simboli sacri non ha reso Amunet stessa una donna santa. 

Con questa scoperta più recente, la discussione è tornata di nuovo sul fatto che la donna con immagini divine e magiche tatuate sulla sua pelle potesse essere stata una figura religiosa, o se i tatuaggi avessero un altro scopo, forse per guarirla dalla malattia.

 I ricercatori hanno avuto comunicato la loro opinione in merito due anni fa, pubblicando uno studio che riduceva la sua età al momento della morte in base alla crescita e alla densità ossea.
 Sostenevano anche che questa figura fosse davvero qualcuno di qualche significato religioso.
 Quei tatuaggi, suggeriscono, potrebbero averla trasformata in un oggetto di un rituale divino.


Citano la prova che le donne potrebbero essere effettivamente condotte del potere divino e fare riferimento ad esempi di “donne sagge” dello stesso periodo. 

“Questo ci porta ad affermare che la nostra donna tatuata era forse anche una di queste donne sagge o, almeno, una specie di maga” , suggeriscono nella loro relazione . 

Ci è voluto del tempo prima che il concetto venisse accettato dai funzionari egiziani.
 Il Supremo Consiglio delle Antichità ora riconosce che i resti rappresentano in realtà una figura che ha avuto un ruolo di qualche significato religioso nella storia dell’Egitto.

 Dopo circa 3.000 anni, è meraviglioso vedere il suo corpo decorato che può essere ancora una volta apprezzato come un’opera d’arte. 


 Da: www.sciencealert.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...