venerdì 21 giugno 2013

La polvere di farina sospesa in aria è più esplosiva della polvere di carbone.

Il potere tremendamente esplosivo della farina
La maggior parte di noi sa che la farina è un ingrediente essenziale nella pasta della pizza e ciambelle, il nostro interesse spesso non va molto più in là.
Ma cosa succede se vi dicessimo che la farina potrebbe esplodere? stiamo parlando di forza letale - il tipo che è in grado di distruggere interi edifici.
La farina quando è sul piano della cucina non potremmo essere in grado di darle fuoco con facilità, ma non è assolutamente esplosiva. Tuttavia, tutto questo cambia quando le particelle di farina prendono il volo.
Ogni tipo di farina contiene amido, amido ed è costituita da catene di molecole di glucosio. Cosa c'è di più, il glucosio può essere estremamente infiammabile.

Quando la farina è stipata in sacchetti, o è sul bancone della cucina,  l'ambiente è troppo stretto perchè il glucosio si unisca all'ossigeno di cui ha bisogno per bruciare.
Le particelle di farina sospese nell'aria  hanno un sacco di ossigeno che li circonda e sono quindi in grado di incendiarsi se esposte ad una fiamma o una scintilla. Inoltre, poiché le particelle sono ancora relativamente vicine tra loro, possono configurare rapidamente un'accensione dopo l'altro, con conseguente esplosione.

CV Technology, una società di consulenza di esplosione da polveri, afferma che, per un'esplosione di polvere che si verifichi, deve soddisfare tutti i componenti di quello che hanno chiamato la sostanza, quello che vi serve è "esplosione pentagono.": Una nuvola di polvere sospeso in aria in uno spazio chiuso in cui vi è una sorta di accensione.
E tutti questi requisiti possono essere soddisfatti in frantoi e impianti di stoccaggio.
Anche il trasporto di farina è un rischio, perché la più piccola fiamma o scintilla può innescare l'esplosione.
Più di 130 anni fa, un mulino a Washburn, Minnesota esplose, causando la morte di 18 persone. Dal momento di questa tragedia, l'industria ha lavorato duramente per cercare di ridurre i rischi. Eppure, nel periodo di nove anni tra il 1994 e il 2003, ci sono stati 115 esplosioni di polveri nelle industrie di trasformazione alimentare

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...