mercoledì 24 luglio 2019

Scoperto, vicino a Gerusalemme, il più grande insediamento neolitico mai trovato in Israele


L’insediamento si estende per circa mezzo chilometro e al culmine del suo splendore avrebbe ospitato tra 2.000-3.000 abitanti della nuova età della pietra. 

Eppure, incredibilmente, gli archeologi non si aspettavano di trovare niente in quel posto 
Si credeva che questa parte di Israele fosse stata disabitata e che gli insediamenti di queste dimensioni esistessero solo dall’altra parte del fiume Giordano o del Levante settentrionale, hanno spiegato in una dichiarazione i ricercatori dell’Israel Antiquities Authority (IAA) . 
Invece, grazie agli scavi condotti nell’ambito di un progetto per costruire una nuova autostrada a Gerusalemme, hanno scoperto la città a molti centimetri sotto terra


“Questa è la prima volta che viene scoperto un insediamento su larga scala del periodo neolitico, 9.000 anni fa, in Israele,” come hanno riferito i direttori dello scavo per l’IAA, il dottor Hamoudi Khalaily e il dottor Jacob Vardi. 
“Almeno 2.000-3.000 residenti viveano qui, un ordine di grandezza che è paragonabile alle città di oggi!” 

Scoperto a soli 5 chilometri da Gerusalemme, l’insediamento ha rivelato grandi edifici, case e stanze che evidentemente erano usate come strutture pubbliche e luoghi di rito.
 Tra gli edifici, i vicoli hanno rivelato un sito complesso che suggerisce un’urbanistica avanzata.


Anche le tombe sepolcrali hanno rivelato un’affascinante intuizione non solo delle relazioni e delle visioni dei popoli antichi con i morti, che avvenivano attraverso offerte e doni, ma anche della comunicazione e dello stato commerciale della città con altri luoghi lontani. 

“In un luogo dove vivono le persone, ci sono anche i cimiteri: i luoghi di sepoltura sono stati posti tra le case, dove sono state collocate varie offerte di sepoltura, oggetti utili o preziosi, che si ritiene servissero ai defunti nel prossimo mondo.
 Questi doni testimoniano il fatto che già durante questo periodo antico, i residenti di questo sito hanno condotto rapporti di scambio con altre città anche distanti”. 

Gli oggetti trovati includono figurine scolpite nella pietra, un bue di argilla, ossidiana vulcanica o oggetti di vetro originari dell’Anatolia, conchiglie che provenivano dal Mar Rosso e dal Mediterraneo, braccialetti di pietra, perle di alabastro e braccialetti e medaglioni fatti di madreperla.








In tutto l’insediamento, gli archeologi hanno trovato gli strumenti che pensano siano stati prodotti, tra cui punte di freccia in selce, asce per abbattere alberi, falci e coltelli. 

Le ossa di animali trovate in loco hanno anche rivelato che i residenti degli insediamenti facevano sempre più affidamento sull’allevamento delle pecore, mentre la caccia diminuiva. 

Incredibilmente, hanno anche trovato capanne di cereali che contenevano ancora grandi quantità di legumi, in particolare lenticchie, che erano sorprendentemente conservati. 


Il periodo neolitico, che iniziò circa 12.000 anni fa, fu caratterizzato dallo sviluppo dell’agricoltura. 
I ricercatori dicono che la rivoluzione neolitica avrebbe raggiunto la sua vetta nel periodo in cui questa città stava raggiungendo il suo picco. 

 La scoperta di questa città e dei suoi beni materiali per questo periodo in questa regione non ha precedenti, ha detto il dott. Vardin al Times of Israel .
 “È un punto di svolta, un sito che cambierà drasticamente ciò che sappiamo sull’era neolitica”.


 Fonte: iflscience.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...