venerdì 25 gennaio 2013

Una patata orso o un orso patata ?


Patate: proprietà e benefici


Il tubero delle patate, nome scientifico Solanum Tuberosum, è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Solanacee ed i suoi tuberi sono l'alimento più consumato ed allo stesso tempo più coltivato al mondo; le sue origini si fanno risalire a circa 3.000 anni prima dell'avvento di Cristo presso la popolazione Incas dove veniva chiamata col nome "papa".

 In Europa le patate giunsero solamente nel XVI secolo ad opera del conquistatore spagnolo Francisco Pizzarro. Le patate, già dai tempi più remoti, godevano di una certa considerazione grazie alle loro proprietà sia curative che nutrizionali; in Italia, lo stesso Papa Pio IV, era un grande sostenitore delle proprietà curative delle patate grazie al fatto che venne guarito da una grave malattia proprio grazie ad una cura a base di patate
. Attualmente al mondo si contano circa duemila varietà di patate che possono essere divise per comodità in due grandi gruppi: patate a pasta bianca, piuttosto farinose e quindi adatte alla preparazione di purè ed alla frantumazione in generale, e patate a pasta gialla con polpa compatta ed adatte quindi ad essere cucinate intere o fritte.
Le patate contengono circa il 79% di acqua, il 15% di amido e la restante percentuale si divide tra ceneri, zuccheri, grassi, proteine e fibre alimentari; molto buona la percentuale di potassio presente nelle patate a cui si aggiungono il fosforo, il calcio, il sodio, il magnesio, il ferro, lo zinco, il rame ed il manganese. 
 Queste le vitamine presenti nella patata: B3, B5, B6, vitamina C, K e J. Gli zuccheri invece si dividono tra saccarosio, destrosio e fruttosio. Tra gli aminoacidi, quelli presenti in maggior percentuale sono: acido aspartico e glutammico, leucina, lisina, valina, arginina e serina. 

 La patata è un alimento molto ricco di sostanze con proprietà in grado di apportare benefici al nostro organismo; l'abbondanza di potassio in essa contenuto si rivela molto utile in caso di ipertensione. Nella medicina naturale la patata è molto apprezzata oltre che per i suoi benefici effetti sulla salute umana anche per la sua versatilità di impiego

. Il succo della patata, poiché riesce a neutralizzare i succhi gastrici, risulta essere utile in caso di dolori allo stomaco e gastrite; la patata ha anche effetto depurativo e l'acqua delle patate è in grado di purificare l'intestino ed eliminare le tossine dall'organismo.
 Per ottenere un'acqua di patate con proprietà depurative è sufficiente procurarsi una patata, lavarla, tagliarla accuratamente in piccoli cubetti ( avendo cura di non togliere la pelle ) e metterli a bagno per una notte intera in un quarto di litro di acqua salata. Dopo aver filtrato il tutto bisogna berne un bicchiere ogni mattina a stomaco vuoto

. La patata combatte anche la ritenzione idrica; infatti, l'alto contenuto di potassio, aiuta l'organismo ad eliminare l'acqua in eccesso. Molte sostanze con proprietà curative sono contenute nella buccia, per cui l'ideale sarebbe cuocerla intera, al forno o al vapore, e mangiarla insieme alla buccia.
 Le patate possono essere consumate anche dai diabetici e recentemente, grazie a recenti studi, pare che sempre nella buccia siano contenute sostanze in grado di contrastare l'attivita tumurale delle cellule. Le sostanze alcaloidi caconina e solanina presenti nelle patate, hanno la proprietà di bloccare la crescita di cellule tumurali, soprattutto a livello di colon, stomaco e fegato.

Pur avendo un aspetto decisamente invitante ed un gusto molto appetitoso le patate fritte non sono sicuramente il modo migliore per consumare le patate; infatti, durante questa trasformazione, a causa dell'aggiunta di grassi saturi dovuti alla frittura, le patate perdono gran parte delle loro proprietà benefiche.

 Le patate contengono solanina, una sostanza tossica che, se assunta in grandi quantità, può provocare seri danni; questa sostanza è particolarmente abbondante nelle patate germogliate e in quelle verdi o con macchie verdi che sono quindi da evitare.

Dream Theater - Anna Lee

Non si dovrebbe richiedere la dignità è un diritto inalienabile

Migliaia di donne si sono radunate a New Delhi e hanno sfilato mostrando cartelli con slogan per chiedere dignità.
Dopo la morte violenta di una ragazza 23enne su un autobus in tutto il Paese si sono moltiplicate le iniziative volte a sensibilizzare il governo e l’opinione pubblica sul tema dei diritti delle donne.

Tratto da La Stampa .it

I polder




Un polder è una invenzione olandese che ha cambiato per sempre la fisionomia dell'Olanda e che è stata usata in altre varie parti del mondo successivamente. 
Il polder è un tratto di mare asciugato artificialmente attraverso dighe e sistemi di drenaggio dell'acqua.  I Paesi Bassi sono chiamati così poiché una vasta parte del loro territorio è al di sotto del livello del mare.
Per aumentare le terre necessarie all'agricoltura, e a una crescente popolazione, gli olandesi hanno costruito dighe e canali via via più grandi e ingegnosi. Le opere di ingegneria idraulica necessarie a domare il mare vennero avviate nel Medioevo, con la costruzione delle prime dighe di legno, terra e sassi a protezione dei terreni dalle inondazioni.
 I primi esperimenti di prosciugamento di tratti di paludi costiere o di mare aperto furono realizzati nel XII secolo intorno alla città di Bruges. La tecnica fu perfezionata soprattutto ad opera degli Olandesi nei secoli successivi. 
Oggi oltre la metà della superficie di terreno ottenuto con la tecnica dei polder nel mondo si trova in Olanda. Con questo sistema, tuttora in atto, i Paesi Bassi hanno aumentato il loro territorio di circa 7000 km2 (tutta la superficie dell'Umbria è per esempio 8500km2).
Uno dei più significativi esempi di polder è quello di Beemster, oggi patrimonio dell'UNESCO, creato nel 1612 in Olanda Settentrionale. Deve la sua fama alla sua accurata pianificazione secondo criteri di stampo rinascimentale e alla sua quasi integrale conservazione dello stato originario. 
Nel XVII secolo il perfezionamento delle tecniche portò all'introduzione dei mulini a vento, che sfruttavano la forza del vento per risucchiare l'acqua e, rigettare poi in mare quella rimasta all'interno delle dighe. Oggi il compito viene svolto da grandi pompe che funzionano elettricamente, le idrovore, in grado di evacuare centinaia di migliaia di litri d' acqua al minuto.
 Fra le opere che nel XX secolo hanno "rubato" al mare ampie superfici, la Diga del Nord (lunga 30 km) ha trasformato il golfo dello Zuiderzee In un lago d'acqua dolce, l'ljsselmeer.

Mai viste carote così...tenere


Lite sulle pendenze

Il campanile di una chiesetta di Bedum pende più della Torre di Pisa.
A lanciare la “sfida”, neanche troppo velatamente in cerca di notorietà per la cittadina del nord-est dell’Olanda, è un geometra in pensione del posto. Infatti il campanile della chiesa di Walfridus, risalente al 12° secolo, è inclinato di 2,61 metri all’altezza di 35,7 metri.
La Torre di Pisa si “sporge”di 4 metri, ma è più alta (55,86 metri), per cui l’angolo di inclinazione è minore: se anche il campanile di Bedum fosse della stessa altezza penderebbe di almeno 5-6 centimetri in più.

ABC News

Le tigri e la neve

Un video girato in uno zoo inglese cattura il lato più giocoso del carattere di alcune tigri siberiane alle prese con un pupazzo di neve. In uno dei fantocci è stata nascosta una telecamera per filmare la reazione delle tigri. I felini si sono mostrati particolarmente attratti dai pupazzi (che hanno fatto una brutta fine) e anche dalla telecamera che ha immortalato un primo piano delle loro fauci. Distrutti i pupazzi, gli animali hanno giocato con la neve caduta sugli alberi e si sono rotolati a terra tra i fiocchi.

E’ giunta l’ora di preparare l’Umanità alla rivelazione finale sulla vita extraterrestre


La foto sopra è simile a molte altre immagini che sono trapelate dalla NASA attraverso un insider.
Foto sopra: foto trapelate attraverso i canali ufficiali del Centro Spaziale cinese, dove si osservano alcuni edifici facenti parte di una struttura o complesso militare-industriale extraterrestre. Sotto un cratere da impatto nucleare fotografato dall’Orbiter Chang’e 2
Dopo le ultime dichiarazioni di Medvedev rilasciate “fuori onda” in cui si sostiene che non solo i russi sanno dell’esistenza di alieni con basi sulla terra, ma che addirittura nella valigetta, che contiene i codici di lancio dei missili nucleari, vi siano due cartelle con documenti Cosmic Top Secret, che descrivono dettagliatamente dove sono collocate le basi Aliene nel territorio russo, allora significa che qualcosa sta nuovamente bollendo in pentola.. Queste cartellette vengono passate ovviamente da un presidente all’altro. Sappiamo altresì che la Russia, sempre attraverso il suo primo ministro Medvedev, che è ora presente nel Forum Economico Mondiale che si terrà di questa settimana, dichiarerà ufficialmente che la Russia ha già avvertito il presidente Obama che “è giunto il momento” per il mondo di conoscere la verità sugli Alieni, e se gli Stati Uniti non parteciperanno a questo annuncio , il Cremlino lo farà da solo.
All’interno delle cartelle Top Secret che vengono passate dalle mani di un presidente all’altro, vi sono dei documenti che si riferiscono al piano di “acclimatazione” dei “Controllers” (gli alieni) entro il 2013.
La notizia è stata emanata in luglio del 2010 ma pare che risalga al febbraio del 2008, quando il Prof. Michael Salla dell’American University di Washington, noto politologo ed esponente dell’Esopolitica, ricevette una email dai due colleghi fidati – Clay e Shaw Pickering – in cui affermarono di aver partecipato ad una riunione segretissima presso un ufficio di New York, delle Nazioni Unite, riguardante l’ondata copiosa di avvistamenti UFO che si era susseguita negli ultimi mesi e giorni in tutto il Mondo.
I Pichering confermarono al Prof. Salla che alcuni degli stati facenti parte dell’ONU si stavano preoccupando per l’impatto sociale e mediatico dei continui avvistamenti di oggetti volanti non identificati e che intendevano essere costantemente informati sull’evolversi della situazione.
I governi in questione erano stati precedentemente informati da fonte attendibile, che esiste un gruppo di lavoro segreto che monitorizza il fenomeno UFO in ogni suo aspetto e che ha proprietà di decidere se rilasciare o meno informazioni al pubblico.
In pratica il lavoro di questo gruppo segreto consiste nel centellinare le notizie verso il popolo terrestre, quindi si occupano di rilasciarne via via una certa quantità affinché diventino non solo di dominio pubblico ma anche di una tale consuetudine che non ci si farà nemmeno più di tanto caso.
Ciò in effetti dal 2008 ad oggi sta inequivocabilmente avvenendo. Il gruppo segreto si sta inoltre già occupando di mostrare ai terrestri quelli che secondo loro sono gli alieni più eticamente simili al genere umano e che quindi non rappresentano una minaccia militare.
Ciò fa ripensare alle dichiarazioni rilasciate lo scorso anno al parlamento giapponese, del Ministro della Difesa nipponica che all’interno di una seduta improntò un dibattito su come il Giappone potrebbe rispondere alla presenza di extraterrestri che possano presentarsi all’interno dello spazio aereo del Sol Levante, almeno rispetto a quelli che si mostrano con intenti pacifici.
Da altre informazioni che stanno trapelando in questi ultimi anni, sembrerebbe che gli stati facenti parte delle Nazioni Unite, stiano sviluppando delle vere e proprie politiche sul modo per rispondere ad una eventuale imminente apparizione di alieni sulla terra e pare anche che alcuni parlamentari dei Paesi interessati stiano ricevendo un ‘briefing’ dall’ONU, che consentirà loro di sviluppare proprio questo tipo di politica.
I briefing in questione quasi sicuramente si estenderanno ai mass media i quali a quel punto potranno avere una maggiore capacità di divulgazione sul fenomeno UFO con una probabile ulteriore informazione sui segreti delle tecnologie antigravitazionali, tenute fino ad oggi nascoste da oltre un cinquantennio e che verosimilmente potrebbero fungere da preludio di una rivelazione che tutto sommato l’umanità già conosce da decenni, ossia, l’esistenza reale di UFO ed alieni e tale rivelazione stando al parere delle fonti chiamate in causa, dovrebbe avvenire entro il 2013.
A livello scientifico se questa notizia dovesse essere effettivamente divulgata da fonti governative dei vari stati. Sarebbe un colpo al cuore per l’attuale scienza ufficiale e andrebbe contro molte teorie sulle quali diversi studiosi stanno basando le loro ricerche in svariati campi, dalla fisica, alla chimica, alla matematica, all’ingegneria meccanica, ecc… In pratica la scienza si troverebbe di nuovo impreparata a ciò che invece i popoli conoscono da decenni, forse, da millenni, come in una sorta di coscienza atavica che si trasmette nei geni di tutta l’umanità.
Del resto i nostri scienziati moderni dovrebbero rammentare che la scienza è innanzitutto derivata dalla scintilla illuminata dell’intuizione umana e poi, solo in seguito diviene nozione, calcolo e probabilità.
Il genere umano conosce molti più segreti di quanti se ne possano ricordare a mente, poiché la conoscenza si tramanda non solo a parole, con gli scritti e con i pensieri, bensì anche con quella forma di energia di cui siamo costituiti e che i nostri antenati sapevano ben riconoscere e in taluni casi anche manipolare.
Cosa che la scienza moderna ancora non riesce a fare.

FONTE http://www.mondoraro.org/?p=21290

A quanto pare, ciò che si evince dagli incontri del 2008 alle Nazioni Unite e quello che sta accadendo ora al Fourm Economico Mondiale, con l’annuncio della Russia di rivelare all’umanità la presenza aliena, di dire al presidente Obama che sarebbe ora di dirlo, traspare sempre di più la possibilità che il 2013 sia l’anno giusto, a meno di ripensamenti e rimandare il tutto a data da destinarsi, forse il 2017?
Sappiamo bene che la nostra Umanità è su un punto di non ritorno irreversibile e il nostro pianeta è in agonia.
Lo stiamo distruggendo, stiamo sfruttando tutte le ultime risorse naturali e tra qualche anno non rimarrà altro che mangiare i soldi e bere il petrolio.

Effetto domino


Chiunque si cimentasse nella riproduzione della Notte stellata di Van Gogh, il celebre olio su tela dipinto nel 1889 a Saint-Rémy-de-Provence in Francia, non otterrebbe che una semplice imitazione. Per rivisitare in modo originale il capolavoro impressionista serviva una tecnica nuova, come quella che ha trovato l'artista FlippyCat Per realizzare il mosaico di pezzi ci sono volute 7 mila tessere colorate e 11 ore di lavoro. L'intero procedimento è stato documentato in questo video, in cui si vede l'artista sistemare i tasselli in diversi settori e compiere delle prove di "crollo" pilotato per vedere se tutto segue il giusto ordine. Quello che vedete è il secondo tentativo: il primo non è andato a buon fine (come si vede in fondo al filmato) perché una delle viti servite per montare la telecamera sopra l'opera è caduta innescando una serie di cadute a catena di alcune parti del quadro. L'effetto finale si gusta pienamente solo quando tutte le tessere sono cadute. L'artista non è nuovo a questo genere di esperimenti. Già nel 2007 si era cimentato con la riproduzione di un'altra celebre tela: la Gioconda (4519 tessere)

Gabbiano Jonathan Livingston

Al vero Gabbiano Jonathan Livingston che vive in ognuno di noi



Questa è la dedica che puoi leggere nella prima pagina del libro.
Chi è questo gabbiano, così famoso in tutto il mondo?...
.. Jonathan Livingston è un gabbiano che per imparare ad attuare il volo come atto di perizia e intelligenza, fonte di perfezione e di gioia, abbandona la massa dei comuni gabbiani per i quali il volo è un semplice modo di procurarsi il cibo.
Diventa così un simbolo, la guida ideale di chi ubbidisce alla propria legge interiore, quando sa di essere nel giusto, nonostante i pregiudizi degli altri; di chi prova un piacere particolare nel far bene le cose a cui si dedica ..
E con Jonathan tu, affascinato dall’insolito clima della narrazione, sarai trascinato in una entusiasmante avventura di volo, di aria pura, di libertà. ecco chi è Jonathan ....
.. Jonathan è quel vivido fuoco che arde in ognuno di noi, nei momenti in cui raggiungiamo la perfezione..

Il cavallo selvaggio e il cavallo domestico



Un cavallo selvaggio incontrò un cavallo domestico e cominciò a rimproverano per la sua condizione di schiavitù. La bestia domata replicò sostenendo di essere libera come il vento.
"E allora", disse l'altro, "spiegami un po' a cosa serve quell'arnese che hai in bocca".
"E' ferro", fu la risposta, "uno dei tonificanti più efficaci".
"Sì, ma cosa vogliono dire quelle redini che ci sono attaccate?".
"Servono a impedire che mi caschi dalla bocca quando sono troppo pigro per tenerlo stretto".
"E che mi dici della sella?".
"Mi risparmia molta fatica: quando sono stanco ci monto sopra e vado a cavallo".

Non c'è nessuno peggiore dello schiavo che bacia le proprie catene e dell'uomo che scusa le cattive abitudini che lo tengono prigioniero. Nessuno è libero se non è padrone di se stesso.

Afferma Isaiah Berlin:
«L'essenza della libertà è sempre consistita nella capacità di scegliere come si vuole scegliere e perché così si vuole, senza costrizioni o intimidazioni, senza che un sistema immenso ci inghiotta; e nel diritto di resistere, di essere impopolare, di schierarti per le tue convinzioni per il solo fatto che sono tue. La vera libertà è questa, e senza di essa non c'è mai libertà, di nessun genere, e nemmeno l'illusione di averla»

Calamity Jane


Martha Jane Canary-Burke,conosciuta come Calamity Jane,è passata alla storia per essere stata la prima donna del west a diventare una pistolera.
 Il suo soprannome,Calamity,ovvero sciagura,pare derivasse dalla curiosa abitudine di sentenziare sciagure a tutti coloro che le mancavano di rispetto;una figura,anche in questo,assolutamente anticonvenzionale.

 Martha nacque a Princetown nel Missouri il primo di maggio del 1852. Sin da bambina si trovò a suo agio più con i pantaloni da cow boy e con le pistole che con le gonne e gli attrezzi da cucina;cosa che la portò,durante l’adolescenza,ad esercitarsi nel tiro e nel difficile mestiere di addomesticatrice di cavalli.
 La sua bravura diventò proverbiale,tanto da suscitare invidie e gelosie in un mondo,il selvaggio West,a fortissima connotazione maschile.
 Divenne anche una delle primissime Pony riders;consegnava la posta in lungo e largo,attraverso le sconfinate pianure del Texas,sempre armata del suo fido fucile.

Le foto che la ritraggono sono tutte in abiti maschili;Calamity non amava vestirsi da donna,probabilmente riconoscendo al suo status femminile caratteristiche di debolezza che non le appartenevano.

 La sua fama aumentò a dismisura quando si unì al leggendario Wild Bill Hickock,dal quale ebbe una figlia,Jane,che non tenne con sé. Troppo legata alla sua indipendenza,affidò la figlia ad una coppia,la famiglia O’Neill,che la riconobbe e la trattò come fosse loro. Calamity continuò la sua vita errabonda tra gli stati del West,diventando anche esploratrice per conto dell’esercito.
 Ma il rapporto con la figlia non si interruppe,anche se all’insaputa della ragazza;Calamity scrisse moltissime lettere,nelle quali mostra doti impensabili di tenerezza,lei,famosa in tutti i saloon e tra mandriani per l’abilità con il lazos e con le pistole. Fece parte anche del Wild West Show,dove era una delle attrazioni principali; il pubblico seguiva con il fiato sospeso quella donna capace di tirare al bersaglio da un cavallo in corsa,capace di catturare in corsa un vitello con la fune e di adoperare,con indifferenza,il Winchester e la Colt 

 Calamity morì nel 1903,all’età di 51 anni. Sua figlia Jane ricevette tutte le lettere che la madre le aveva scritto,e imparò a conoscere meglio quella donna eccezionale,così fuori dagli schemi,anticonformista.

nocensura.com: Latitanti e mass media: due pesi e due misure in b...

nocensura.com: Latitanti e mass media: due pesi e due misure in b...: Fabio Riva Fabio Riva, dirigente Ilva e figlio del Patron Emilio Riva, LATITANTE DA MOLTI GIORNI è stato arrestato a Londra. Ilva è ac...

Prima parte .......a domani il seguito

Le associazioni massoniche: il trait d'union tra le lobby dell'alta finanza che gestiscono le multinazionali - che hanno in mano l'economia globale - ed i governi del mondo.
La rete del potere mondiale.
Chi è Mario Monti e a quali poteri risponde.
Il golpe italiano, chi c'è dietro e quali sono i loro obiettivi.
Che il nominato premier Mario Monti sia parte integrante dei gruppi di potere che cercano di controllare - o forse, che controllano - il mondo, lo sappiamo bene.
Fa parte dell'Aspen Institute, ha preso parte a diverse riunioni del gruppo Bilderberg, in qualità di socio.
Ha ricoperto addirittura il ruolo di "Presidente europeo" della Commissione Trilaterale, estensione del super magnate Rockfeller, braccio destro della potentissima famiglia Rothschild, che ha in mano quasi tutte le banche centrali del mondo.
Monti ha ricoperto importanti incarichi (è stato advisor) per la super banca d'affari USA Goldman Sachs, definita "il miglior posto per produrre denaro che il capitalismo globale sia mai riuscito a immaginare" con una capacità d'investimento di 12.000 miliardi di euro all'anno (il debito pubblico che sta mettendo in ginocchio l'Italia ammonta a poco meno di 2.000 mld di euro) e un valore di oltre un trilione, ovvero un miliardo di miliardi. (1.000.000.000.000.000.000) una banca Goldman Sachs, responsabile di aver mandato sul lastrico svariate decine - se non centinaia - di migliaia di famiglie americane e di altre parti del mondo, in particolare nei paesi poveri che più si prestano alle speculazioni, visto che pur di ingrassare il proprio business, i dirigenti Goldman Sachs non si fanno alcuna remora a speculare sulle carestie, derrate alimentari, sulla povertà della povera gente.
Generare profitto: si occupano di questo, all'interno della "super banca", ben 30.000 dipendenti che percepiscono una media di 700.000 dollari all'anno, che grazie ai "premi" riconosciuti a chi è stato particolarmente produttivo possono superare - anche di molto - il milione di dollari.
I dirigenti di spicco, ovviamente prendono molto di più, anche oltre 10 volte tanto.
Oltre a Goldman Sachs ci sono altre banche molto influenti, legate anch'esse alle associazioni massoniche sopracitate, una di queste è Morgan Stanley, dove - guarda caso - lavora "Monti jr", il figlio di Mario Monti, alla quale il Ministero del Tesoro italiano a Gennaio 2012 ha elargito in gran silenzio, 2 miliardi e 567 milioni di euro per un affare (per la banca, non per il governo) di "derivati". Soldi che il governo - visto i tempi difficili, almeno per i cittadini - avrebbe potuto rimborsare in comode rate, e magari girare una parte agli imprenditori italiani che hanno fornito merci e servizi allo stato, a cui l'erario deve un totale di 70 miliardi di euro.
Un'altra banca d'affari molto influente è JP Morgan.
Le associazioni di stampo massonico citate sopra (Aspen Institute, ma ancor di più gruppo Bilderberg Commissione Trilaterale ma anche altre club di Roma, ilCFR) e le lobby dell'alta finanza, le "super banche" d'affari(Goldman Sachs, Morgan Stanley, JP Morgan) sono legate a doppio filo, in quanto gli uomini che ne fanno parte sono gli stessi: i dirigenti di punta delle lobby dell'alta finanza e i loro uomini di fiducia (uno di questi, evidentemente, Mario Monti) sono tutti membri delle associazioni massoniche, nel cui ambito interagiscono con i politici più importanti, e quindi i governi del mondo.
Da molti anni a questa parte tutti i presidenti degli Stati Uniti che si sono avvicendati sono stati - tutti - membri del Bilderberg, o legati a doppio filo ad esso, così come gli uomini di Goldman Sachs(ufficialmente "ex")ricoprono ruoli chiave all'interno del governo americano, come il Ministero delle finanze. Queste banche d'affari, vere e proprie lobby dell'alta finanza, sono proprietarie/azioniste legate a doppio filo alle 147 multinazionali che controllano, condizionano e gestiscono a loro uso e consumo l'economia globale: hanno in mano i mezzi d'informazione più autorevoli, mediante i quali "costruiscono" l'immagine dei politici che i cittadini di tutto il mondo eleggeranno.
Laddove sorgano organi di informazione di cui non sono direttamente proprietari, possono sempre "addomesticarli" mediante cospicui contratti pubblicitari.
Il vero editore dei giornali infatti sono le agenzie pubblicitarie, che consentono a un determinato organo di ricevere ottimi introiti ed espandersi, ma possono affondarlo se decidono di boicottarlo in quanto contrasta i loro interessi.
Le grandi campagne pubblicitarie non vengono gestite direttamente dalle aziende: queste si affidano ad agenzie, che stabiliscono come e dove investire: e la maggior parte - in termini di valore economico - dei contratti pubblicitari è gestito da poche agenzie, riconducibili in un modo o nell'altro, alle associazioni di stampo massonico e/o alle lobby dell'alta finanza sopracitate.
Nel panorama dell'alta finanza, dei mercati finanziari, dell'economia delle nazioni, dell'industria e del commercio, rivestono un ruolo importantissimo, fondamentale leagenzie di rating, deputate a stabilire, mediante una classificazione definita"rating" quanto siano "affidabili" governi e imprese. Leagenzie di rating principali sono tre, soprannominate "le tre sorelle Standard & Poor's, Moody's e Fitch Ratings.
Quando le agenzie di rating "declassano" una nazione, (o un'impresa) questa viene ritenuta meno affidabile; investire su di essa (cioè concedere credito a una determinata nazione, mediante titoli obbligazionari, o ad un'impresa) viene considerato più rischioso, pertanto aumentano i tassi di interesse che questa deve corrispondere.
Questo è un potere immenso, in quanto un abbassamento eccessivo del rating può significare tassi di interessi talmente elevati da determinare la bancarotta, sia per le imprese che per le nazioni, che sono costrette ad aumentare la pressione fiscale per pagare gli interessi necessari per avere liquidità.
Da notare come leagenzie di rating siano aziende private, e guarda caso legate a doppio filo alle lobby dell'alta finanza che le gestiscono a proprio uso e consumo, visto che in molti caso hanno favorito (inconsapevolmente?) alcune società, attribuendo loro un rating positivo anche in assenza dei presupposti per farlo: è il caso della Lehman brothers, che poco prima di dichiarare bancarotta era ritenuta assolutamente affidabile (classificata A2) fattore che ha spinto numerosi investitori a investire forti somme, mentre in altri casi, alcune società (e nazioni) hanno ricevuto un rating eccessivamente penalizzante, mettendole in difficoltà poiché per avere "accesso al credito" erano costrette a corrispondere tassi di interesse elevatissimi.
Per maggiori informazioni, leggi "agenzie di rating, ecco chi controlla le tre sorelle". Ora viene il "bello"... La procura ha accertato che una di queste agenzie di rating, Moody's, remava contro l'Italia. (Poco prima 26 banche italiane sono state declassate)E guarda caso, MONTI ERA UN COLLABORATORE DI MOODY'S, e precisamente .(membro del Senior European Advisory Consiglio di Moody) prima di essere NOMINATO premier!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...