giovedì 31 gennaio 2013

Buon appetito

INGREDIENTI
300 g farina 00 300
g zucchero
200g burro
5 uova
100 ml acqua
1 busta di lievito per dolci
1 pizzico di sale
Aroma di vaniglia
frutta mista
1 busta di tortagel
500 g di marmellata di pesche
Procedimento
Scaldare l'acqua e scioglierci in sequenza il burro, lo zucchero, il sale e la farina cuocendo a fuoco lento fino a quando il preparato non si stacca dal tegame.
Lasciar raffreddare il composto ed aggiungere una alla volta le uova e per ultimo il lievito.
Imburrare ed infarinare una teglia da forno, versare il composto e cuocere per circa 20-30 minuti a 180 gradi.
Togliere dal forno e far asciugare la base del nostro dolce su una gratella. Prima di guarnire la nostra torta sarà necessario farla raffreddare completamente.
Preparare la frutta ed iniziare la composizione del dolce.
Tagliare a metà la base della torta con la quale si possono ottenere due torte di frutta oppure una torta molto grande ideale per una festa di compleanno. Spalmare la marmellata sulla base e partendo dall'esterno della torta mettere la frutta a piacere.
Finire il dolce versando sopra la torta il tortagel preparato portandolo ad ebollizione in acqua e zucchero

Il limoncello fatto in casa

Per confezionare 2 litri di Limoncello.
- 10 limoni di media grandezza non trattati,
- 1 litro di alcol a 90°,
- 700 gr di zucchero
- 800 gr di acqua
Poi procedete in questo modo:
per prima cosa lavate accuratamente i limoni e tagliatene la scorza sottilissima, stando attenti a non tagliare la parte bianca,il pelapatate è l'attrezzo adatto.
Raccogliete le listarelle di limone in un barattolo di vetro a chiusura ermetica, versateci sopra tutto il litro di alcol, chiudete e lasciate in infusione per 15 giorni.
Al 16 giorno far bollire l'acqua con lo zucchero per alcuni minuti in modo da far sciogliere bene lo zucchero e lasciare raffreddare bene anche un intera giornata.
Unite lo sciroppo all'alcol in infusione mescolando bene.
Prendete un secondo recipiente e trasferitevi tutto il liquore filtrandolo con un imbuto rivestito da una garza o da carta filtro.
Ripetete l'operazione al contrario una seconda volta, strizzando bene le scorzette di limone.
Infine, sempre servendovi dell'imbuto filtrante, riempite le bottiglie, chiudetele e riponetele a riposare in una dispensa asciutta e al buio per circa un mesetto .

Sardegna all'asta

OLBIA - È stata depositata negli scorsi giorni la perizia che ha dato un valore all'Isola di Budelli: tre milioni di euro.
Questo sarebbe il prezzo per acquistare l'isola dell'Arcipelago de La Maddalena, che nei prossimi mesi potrebbe venir messa all'asta dal giudice delle esecuzioni immobiliari del Tribunale di Tempio Pausania.
L'Isola, infatti, si trova al centro di una vicenda fallimentare che vede da una parte una società milanese, attuale proprietaria dello squarcio di paradiso, e un immobiliarista olbiese e il vecchio custode che hanno richiesto, e ottenuto, la perizia, passaggio obbligatorio per poi mettere all'asta l'Isola di Budelli. L'asta potrebbe saltare se il Governo, e in particolare il Ministero dell'Ambiente, farà prevalere il diritto di prelazione sull'isola, visto che Budelli è inserita all'interno di un sito di interesse comunitario del Parco marino internazionale delle Bocche di Bonifacio.
L'Isola di Budelli, che ospita la Spiaggia «rosa», autentica perla del Parco nazionale dell'arcipelago della Maddalena, tutelata da vincoli di conservazione che includono anche il divieto di calpestio, è un vero paradiso naturale, ed è quindi sottoposta a vincoli paesaggistici, ambientali e idrogeologici.

Tratto da Leggo

La prima assoluta

Nella sala biliardo di un caffè italiano a Parigi tutto è pronto, ci sono un paio di file di sedie al posto dei tavoli, le persone sono in silenzio e a luci spente: lo spettacolo sta per cominciare. Dietro il proiettore ci sono Luoise e Auguste Lumière che proiettano per la prima volta davanti al pubblico un film: la ripresa dell’uscita degli operai dalla loro fabbrica (“L’uscita dalle officine Lumiere”). Uno spettatore incredulo davanti alle immagini “vere” si alza per scoprire cosa si nasconde dietro lo schermo. Nulla in confronto a quello che successe in seguito: quando i Lumière proiettarono “L’arrivo del treno alla stazione della Ciotat”, molti spettatori spaventati dal treno che correva sullo schermo e che “entrava” in sala scapparono fuori. I Lumière nella loro carriera di primi cineasti si dedicarono alle riprese di scene di vita quotidiana, il cinematografo (come chiamavano la macchina da presa) era un mezzo di riproduzione del reale. Il cinema come spettacolo venne dopo e la prima opera di finzione si ebbe nel 1902 con il film di Georges Méliès “Il viaggio sulla Luna”.

L'uomo di Cherchen

Nella regione cinese dello Xinjiang ai margini del bacino del Tarim, gli archeologi hanno portato alla luce svariate decine di cadaveri in stato di mummificazione, dovuta sia all’atmosfera arida che alle sabbie salate dove erano stati sepolti. 
Alcuni di questi resti risalgono a 4000 anni fa, altri a date forse precedenti, il loro stato di conservazione è eccellente, con carne, pelle, capelli ed organi interni intatti. I resoconti dei ricercatori parlavano di questi uomini come dei giganti per quell’epoca, e “l’UOMO DI CHERCHEN” dal nome della zona in cui era la sua sepoltura, non era da meno, la sua statura era di 2 centimetri inferiore ai due metri, mentre la sua probabile donna raggiungeva il metro e novantadue. 
I ritrovamenti non avevano avuto molto clamore, infatti il governo cinese riteneva non consona e problematica da discutere, la presenza di insediamenti marcatamente europei nella Cina preistorica.

 La Barber, era anche un’esperta di tessuti antichi, ed esaminando gli stili di tessitura degli abbigliamenti trovò ancora più conferma della loro provenienza occidentale, i cappelli soprattutto di varie tipologie, ed alcuni ricordavano quelli degli arcieri Frigi di stanza nella regione anatolica; una donna inoltre aveva ancora in testa un cappello a cono altissimo, proprio come quello attribuito alle streghe, o ai maghi.(La parola “mago” di origine persiana era propria di una popolazione i” Magi”, essi erano sacerdoti e sapienti [o Re nella tradizione Cristiana, i Magi della grotta di Betlemme] in particolare nella religione Zoroastriana, si distinguevano per i cappelli a cono ed erano esperti di astronomia, astrologia, medicina, affermavano di essere in grado di dominare gli agenti atmosferici con la potenza della magia, e di essere in contatto con l’ultranaturale ed il mondo degli spiriti.
 Nell’antico cinese il termine MAG, era il mago di corte, ed il carattere ideografico cinese corrispondente è una croce con le punte leggermente allargate, guarda caso identica a quella dei templari.)

Continuando nell’analisi della tecnica della tessitura, essa è molto sofisticata, infatti oltre ad essere in grado di fabbricare il feltro, queste persone producevano un tessuto spinato a disegni policromi ed erano abilissimi nella tessitura di arazzi, precedentemente queste tecniche era creduto fossero nate in Egitto, verso il 1500 a.C. Gli uomini e le donne di Cherchen tessevano anche una striscia con un motivo decorativo che in Giappone è conosciuta con il nome di Kumihimo, possiamo ipotizzare che questa gente fosse giunta o avesse avuto contatti anche con il Giappone.
 Un rilievo particolare per questa popolazione lo aveva il motivo della “losanga” esso era inserito nella stoffa in varie forme ed occorreva un’accuratissima progettazione della tessitura per ottenere la precisione ottimale. Una cosa stupefacente è che le stoffe in uso per vestire le mummie sia la tecnica della tessitura e sia il motivo della decorazione sono identici alle stoffe con riquadri di tipo “scozzese”, come il plaid ed il tartan, che sono presenti nella cultura di Hallstatt ed in quella celtica di La Tene, originarie dell’ Europa centrale. 

Potrebbe dunque essere cosa certa che gli uomini di Cherchen in primis per le caratteristiche somatiche e poi per l’identicità di uso, decoro e fabbricazione dei tessuti hanno avuto una relazione diretta con la popolazione celtica delle isole britanniche e magari anche dal primo popolo conosciuto come quello delle “ceramiche a solchi” (Erano forse Rossi di capelli ed Irlandesi?).

 Secondo un’analisi compiuta all’università di Nanjing su di un campione di materiale organico ricavato dalle tombe delle mummie, esso doveva risalire al 4500a.C. poi l’università di Pechino ha stabilito che un campione di carbone risaliva al 2000a.C.
 L’aria del deserto rapidamente li disidratava e poi venivano sepolti, sia da soli che in compagnia, in bare scarne e prive di decori oppure addirittura ricoperti da tronchi di legno precedentemente svuotati. Queste mummie indossavano pantaloni, stivali, calze, giacche, cappelli e tuniche colorate, e furono trasportate nel museo del capoluogo Urumchi. 

Alla loro vista, l’archeologa Elizabeth Barber, rimase colpita sia dalla perfetta conservazione dei resti, che dall’enigma che le si poneva davanti, le loro caratteristiche somatiche non erano di tipologia né cinese né mongola, ma sicuramente avevano fattezze europee. Le mummie infatti, avevano il ponte nasale alto, grandi orbite degli occhi, mascelle pronunciate, con le arcate dentarie superiori sovrapposte a quelle inferiori, i capelli erano di un colore biondo o rosso e non mancava neppure una folta barba sul volto di molti fra uomini. 

Fantasia o Realtà ?

 I vigilanti (Nella mitologia irlandese questi possono essere considerati come i Thuata de Danann la misteriosa tribù dei “figli della luce” creati da Danu la madre terra.),come narra il libro di Enoc videro che le figlie degli uomini erano belle, e le presero come spose dando origine ad una prole di giganti, che corruppero il mondo e furono da Dio destinati alla distruzione, per mezzo del diluvio universale.
 Questi giganti speravano di essere risparmiati dall’imminente disastro (la caduta di una cometa o di frammenti che causò il diluvio, il più grande dei vari che ciclicamente hanno quasi distrutto la vita sulla Terra), ed avevano bisogno di un rifugio sicuro, sapevano infatti che avrebbero avuto maggiore probabilità di salvarsi e sopravvivere in un luogo sopraelevato ed il più possibile lontano dal mare. 
Il popolo della “ceramica a solchi” dovevano quindi sapere che il luogo più sicuro in tutto il pianeta si trovava nell’Asia Centrale, e la località perfetta sarebbe stata quella odiernamente chiamata regione autonoma dello Xinjiang Uygur, nella Cina occidentale, un altopiano al centro delle colossali montagne del Tibet, e della Mongolia, al riparo dalle enormi ondate di maremoto. 
Fu questa la destinazione dei giganti e l’Uomo di Cherchen era il loro diretto erede? Fantasia sfrenata o fondo di verità, una cosa è certa, quest’uomo non appartiene al luogo ed alla popolazione che viveva e vive tuttora intorno a lui…

Le grotte di Burrows

Le grotte di Burrows, dal nome dell’ americano Russel Burrows di Olney, nell’Illinois, che nel 1982, le scoprì per puro caso .

Queste sono un sistema di cunicoli e grotte, all’interno dei quali, erano nascosti, non soltanto corpi mummificati racchiusi in sarcofagi, ma anche migliaia di incisioni su pietra, sculture, tavole e manufatti in oro massiccio. 

Naturalmente pochi scienziati hanno mostrato interesse per questi reperti, quasi subito classificati come falsi, poiché le incisioni mostrano influenze degli stili culturali più disparati, con associazioni con le culture fenicie o egizie che , in teoria non potevano avere avuto alcun contatto con il continente americano (infatti è ormai prassi comune quando viene repertato qualcosa che va contro il “paradigma”prima ignorarlo poi se proprio ciò rimane impossibile, la strada più semplice è quella di dare del falsario allo scopritore e screditarlo, un po’ come è successo al povero Fradin ed al sito di Glozel in Francia dove sono stati trovati reperti ed una forma di scrittura o simboli che richiamano per assoluta similitudine le scritte sui reperti di Burrows e quelli di padre Crespi.) 

 Su alcuni reperti di Burrows, grandi quanto un piatto, sono raffigurati motivi straordinari : esseri alati metà uomo, metà animale; uomini con elmi, rappresentazioni della volta celeste, medaglioni ed iscrizioni, impossibili da decifrare, sono presenti decine e decine di motivi che possono essere interpretati come rappresentazioni di “visitatori” provenienti da altri mondi.
Insieme ad animali di terra e di mare, e ad alcune creature, abbigliate in modo strane, sono raffigurati quelli che sembrerebbero oggetti volanti, alcuni posati a terra, altri sarebbero in volo. 

Joseph Mahan , esperto di indubbia fama in storia indiana e presidente dell’Institute for the Study of American Cultures, studiando l’enigma delle Grotte di Burrows fino a poco prima della sua morte, avvenuta nel 1995, era giunto ad una conclusione sensazionale:” I resti umani trovati nelle grotte appartengono- a mio avviso- a creature del cosmo, sepolte assieme alle proprie mogli, figli , ai loro vestiti, ai loro beni e al cibo di cui avevano bisogno per il viaggio oltre la morte. Questi semidei erano i discendenti di creature immortali provenienti da altri mondi che, nella notte dei tempi, giunsero sulla terra a bordo di veicoli spaziali “infuocati” e che vi rimasero abbastanza a lungo da portare a termine delle manipolazioni genetiche.

Hanno trasmesso alla loro progenie una parte delle loro conoscenze, da tramandare di generazione in generazione, dall’arte della navigazione all’architettura. Le hanno poi insegnato a “governare” con saggezza ed a curare le malattie. Lasciarono quindi la terra con la promessa che un giorno sarebbero ritornati”.

 Mahan sarebbe riuscito ad acquistare ben 107 reperti in pietra delle Grotte di Burrows, dopo la sua morte imballati e riposti in un magazzino. E tutto ciò a significare come la storia dell’America precolombiana sia di gran lunga più interessante ed insolita ma soprattutto diversa da quanto è raccontato dai nostri migliori storici

Perché il cane ulula ?

Il cane è un animale sociale e comunica di continuo con i propri simili, con gli appartenenti al proprio branco e con l’uomo. L'ululato è uno dei suoi modi di comunicazione che ha mantenuto in comune con il suo parente più stretto, il lupo.
Il cane utilizza essenzialmente due codici comportamentali. La postura del corpo, comprese le espressioni facciali, e le vocalizzazioni, ossia il guaito, il ringhio, l’abbaio e l’ululato. In natura l’ululato ha principalmente la funzione di segnalare la propria presenza e riunire un branco. Lo utilizzano i lupi, in particolare all’arrivo della stagione invernale, quando richiamano gli altri individui del branco per cacciare le grandi prede e meglio ispezionare l’areale di caccia. 
Alcuni cani, ad esempio i siberian husky e gli alaskan malamute, vocalizzano solamente attraverso l’ululato in quanto il loro legame genetico con i progenitori lupi è ancora forte. 


Fratello dove sei?

 In tutte le altre razze canine che pure abbaiano, invece, l’ululato non ha perso l’antico significato di trasmettere ai simili la propria presenza sul territorio. E’ più che altro una ricerca di contatto a distanza tra i membri del branco. Capita spesso che ululino di più i cani che vengono lasciati soli in case o giardini. In situazioni di isolamento, infatti, questi animali manifestano con l’ululato il naturale desiderio di comunicare con i propri simili e l’uomo, al quale è talvolta riconosciuto lo status di capo branco. 


Ululare alle sirene.


E’ spesso questo il caso dei cani che rispondono con l’ululato ad una sirena che ascoltano in lontananza. Alcune sirene difatti possono avere frequenze di emissione simili all’ululato, e cani particolarmente sensibili e desiderosi di contatto sociale possono rispondere con una simile vocalizzazione, così come appunto i lupi fanno per riunire e consolidare il branco di un grande territorio. A volte il rispondere a stimoli sonori diversi come appunto sirene, campane, suonerie di cellulari potrebbe però avere un significato da ricercarsi nell’apprendimento che i cuccioli hanno avuto nei primi mesi di vita da parte del genitore che, a tali stimoli usa abbaiare o replicare con l’ululato. 

(Piero Papa)

Il ballo degli uccelli


A bird ballet | Short Film from Neels CASTILLON on Vimeo.

A Bird Ballet, il ballo degli uccelli, è un video realizzato dal regista Neels Castillon. Durante le riprese di uno spot nelle campagne di Marsiglia (Francia) si è imbattuto un uno stormo di storni (Sturnus vulgaris) che danzava in un ipnotico balletto. Al crepuscolo, quando rientrano nei loro quartieri invernali, questi passeriformi gregari regalano spettacoli mozzafiato, disegnando nel cielo forme sempre diverse. Centinaia di uccelli si muovono come fossero un solo corpo: lo scopo di queste evoluzioni è quello di intimidire e disorientare i loro predatori, puntando sulla forza del numero e sul gioco di luci e ombre dei continui cambi di movimento.


Fratello Cane nasce

Fratello Cane si muove nella pancia di mamma.
Ecco le prime contrazioni.
Mamma comincia a respirare in maniera ritmata, si interrompe all’arrivo della contrazione e spinge, un attimo dopo ricomincia a respirare, altra interruzione, contrazione e spinta… finalmente appare un involucro bluastro.
Mamma accuratamente incide il sacchetto e comincia a leccare il piccolo salsicciotto fuoriuscito.
Sotto quei baci, a contatto con la calda e morbida lingua di Mamma, il cucciolo saluta la vita.
Fino alla nuova contrazione, causata dalla chiamata di un fratellino, Mamma si occuperà esclusivamente di lui.
Piano, piano il cucciolo, sempre più consapevole di essere al mondo, cercherà di alimentarsi.
Il calore del corpo di Mamma e l’odore forte del suo latte, gli indicheranno la via da seguire.
Mediante dei movimenti striscianti, formando dei piccoli cerchi, presto arriverà a meta. Mentre lui è alla ricerca della mammella,
Mamma mangerà il sacchettino che lo conteneva, oltre al fatto che la ‘tana’ o ‘cuccia’ deve essere sempre pulita per far si che non ci siano problemi di igiene, tale involucro è ricco di sostanze nutrienti, le farà bene.
Uno sguardo al cucciolo, un altro bacio, una sbirciata in giro per controllare se tutto è pulito ed ecco arrivare un’altra contrazione, il fratellino sta bussando, vuole uscire.
Come per il primogenito, ugualmente senza disparità e preferenze, Mamma si occuperà di lui e, appena sarà pronto per alimentarsi, dividerà le sue attenzioni fra i due fratellini.
Attenzione, eccone un altro che vuole unirsi alla compagnia. Senza sosta, senza mostrare alcun segno di stanchezza, Mamma si rimette all’opera.
I tre fratellini sono ora uno accanto all’altro.
Invece di riposare Mamma comincia a pulirli, a scaldarli, a stimolargli le pancine rosa.
Ah, quelle pance, mi ci perderei fra quelle mitiche pance… Schh… silenzio adesso, i cuccioli sazi, accoccolati nella culla di Mamma, si sono addormentati, e Mamma, tranquilla, sapendo di non aspettare più sorprese dell’ultimo momento, si lascia andare un pochino alla stanchezza.
Chiude la testa verso il grembo, copre delicatamente i suoi cuccioli, i respiri si confondono, si uniscono.
La parola famiglia ha acquistato il suo significato più vero.
di - Roberto Pino Covelli

I DIRITTI DEI BAMBINI prima e sempre al di sopra di tutto e tutti

La legge italiana è uguale per tutti, tranne che per i padri separati
A decretarlo, nero su bianco, è una sentenza della Corte di Strasburgo che condanna l’Italia per non essere riuscita, in dieci anni, a far rispettare il diritto di un genitore a vedere la propria bambina.
È la storia di Sergio Lombardo, un padre come purtroppo ce ne sono tanti, migliaia.
Dopo la separazione dalla moglie, nel 2003, l’uomo ottiene dal Tribunale di poter vedere la figlia di 2 anni per due pomeriggi a settimana, un weekend su due e per le festività.
Ma così non è stato.
Lombardo pur facendo la spola tra Roma, dove viveva, e Termoli, la città in cui si trasferì la ex moglie, riusciva ad incontrare la bimba per pochi minuti e sempre in presenza della madre e di uno zio materno.
Immediati e infiniti, dal 2003 al 2011, i ricorsi al tribunale di Roma e di Campobasso dove puntualmente vengono ribaditi i diritti del papà ma solo sulla carta.
Nel frattempo però la figlia cresce lontano dall’affetto paterno.
Fino alla sentenza di Strasburgo che ha bocciato i tribunali italiani per aver «delegato la gestione degli incontri tra padre e figlia ai servizi sociali» fondandosi su misure automatiche e stereotipate che hanno determinato una rottura del legame tra padre e figlia.
Per i giudici di Strasburgo i tribunali dovrebbero adoperarsi per far rispettare la legge e ristabilire i contatti fra genitore e figlia, prima che il tempo li allontani irrimediabilmente.
«Certi giudici non rispettano la Costituzione – denuncia Tiberio Timperi, in prima linea per i diritti dei padri separati – è una vergogna tutta italiana.
Non ce l’ho con chi non rispetta le sentenze ma con chi non le fa rispettare. Questa è una giustizia impotente».
Dello stesso avviso Maurizio Quilici, presidente dell'Istituto di studi sulla paternità.

di Lorena Loiacono

La foto che sta commuovendo il mondo...

Tutto è una conseguenza:
E' mostruoso che esista questo commercio ma se c'è un mercato è perchè i compratori esistono.
Quindi dico che se c'è richiesta c'è offerta.
Chi compra oggetti in avorio non è meno colpevole di chi fornisce la materia prima. 
TUTTO QUESTO VALE per pellicce(anche di cani e gatti) oggetti in pelle di coccodrillo e di serpente ossa di tigre,bile di orso e l'elenco sarebbe lunghissimo. 
Straziante constatare che l'animale uomo per i suoi capricci inutili UCCIDA, (anche con sistemi atroci) le altre razze animali che condividono con lui la terra.
Un giorno arriverà per noi la resa dei conti,la natura tirerà le somme sui nostri misfatti e decreterà la fine della cosiddetta razza eletta (come amiamo definirci) puerilmente.
E' già avvenuto in passato e non abbiamo ancora imparato quanto anche noi siamo fragili e indifesi nonostante la nostra tecnologia e le nostre armi.
La mamma elefante è stata uccisa da alcuni bracconieri, i quali hanno strappato e portato via le zanne d'avorio.
Per più di 56 ore, la sua cucciola non si è schiodata dalla sua mamma... Le guardie hanno dovuto sedarla, per poi portarla in un luogo protetto, affinché possa nuovamente acquistare fiducia nei confronti dell'essere umano.
Perché dovremmo considerare di minor valore la sofferenza inflitta ad altre creature, per il semplice fatto che queste appartengono ad una specie diversa dalla nostra?

di: Polizia Postale Web Site Fans

L'uomo albero

Kowara Dedé, 37 anni, è giavanese.



A seguito di un banale incidente nell'adolescenza, a quindici anni, Dede s'infortunò al ginocchio. normalità nella la vita di un bambino ma diventò l'incubo della sua vita. Una verruca piccola appare al ginocchio, seguito da una colonia comincia a invadere ogni angolo del suo corpo in maniera incontrollata. La vita di Kowara Dede diventa sempre più sgradevole. Perde il suo lavoro e la moglie e i figli lo lasciano. Un giorno attraverso i mezzi di comunicazione, più precisamente, grazie al quotidiano britannico The Telegraph e il canale documentari Discovery Channel hanno presola decisione di portare in Indonesia il dottor Anthony Gaspari, dermatologo per incontrare Dede, al fine di osservare la natura delle verruche che lo stavano trasformando in un albero con radici. Il dermatologo, (è anche un ricercatore presso l'Università del Maryland), ha concluso che Dede Kowara soffre a causa di un virus il papilloma umano che fa un'infezione abbastanza comune e che provoca focolai di verruche. Il problema Dede è in realtà a causa di una forma estremamente rara di compromissione del sistema immunitario, l'organismo non è in grado di combattere le verruche. Il virus contratto durante la lesione iniziale,ordina alle cellule di produrre in serie la sostanza che ha provocato queste escrescenze così simili alle radici degli alberi. Il numero di globuli bianchi nel sangue di Dede era così bassa che il dottor Gaspari inizialmente sospettò che l'uomo fosse colpito da AIDS. Dopo questa scoperta fondamentale, Dede fu più volte operato in Indonesia nel 2008.
I medici hanno rimosso quasi due chili di verruche, ora si possono intravvedere la forma delle sue dita. Per rafforzare il sistema immunitario, Dede viene trattato con la vitamina A sintetica. Diverse operazioni sono ancora in programma nei prossimi mesi, compreso l'innesto di tessuto cutaneo danneggiato in alcune zone del corpo, soprattutto nelle dita, per consentirgli di trovare una migliore mobilità di quest'ultime. Ma la grande novità è che, nonostante i molti effetti ancora visibili, Dede, per la prima volta dopo anni, è stato in grado di recuperare l'uso delle dita. I medici sono molto orgogliosi di annunciare che potrà socializzare più facilmente in futuro e lavorare di nuovo. E lui, nel suo letto d'ospedale, ha scoperto un nuovo hobby il sudoku. Speriamo che questa persona riesca a ritrovare la sua vita e come spera lui di trovare una nuova donna da sposare!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...