lunedì 3 settembre 2018

Trovato cavallo di 40mila anni fa: era nascosto nel permafrost siberiano


È rimasto nascosto per decine di migliaia di anni nel permafrost siberiano ma di recente un team di scienziati ha riportato alla luce un antico cavallo, il più antico esemplare meglio conservato fino a oggi. 
 Congelata nel ghiaccio per millenni, questa mummia apparteneva a un giovane puledro morto tra 30.000 e 40.000 anni fa.
 Il suo corpo è quasi intatto e i resti sono stati conservati per via del freddo e del ghiaccio: la pelle, gli zoccoli, la coda e persino i minuscoli peli delle narici dell'animale e attorno agli zoccoli sono ancora visibili.




Una squadra internazionale russo-giapponese di paleontologi ha trovato il corpo mummificato del giovane animale all'interno del cratere Batagaika, a 100 metri di profondità, durante una spedizione nella depressione di Batagai e nella zona di Yunyugen, nella Jacuzia. 

 Il puledro aveva circa due mesi quando è morto, forse annegato in una sorta di trappola naturale, secondo l'ipotesi di Grigory Savvinov, vice capo della North-Eastern Federal University di Yakutsk, in Russia, che ha partecipato alla ricerca. Sorprendentemente, il corpo è integro e misura circa 98 centimetri, secondo The Siberian Times. 
Gli scienziati hanno raccolto campioni dei peli e dei tessuti del puledro per i test e adesso sono all'opera per studiare anche il contenuto dell'intestino dell'animale e per scoprire l'alimentazione.


I cavalli selvaggi ancora oggi popolano la Jacuzia, ma il puledro apparteneva a una specie estinta vissuta nella regione da 30.000 a 40.000 anni fa. 
Nota come Lenskaya o Equus caballus lenensis, quest'antica specie era geneticamente distinta dai cavalli moderni.

 È accaduto altre volte. 
Quando il permafrost siberiano si scioglie, ormai sempre più spesso a causa dell'aumento globale delle temperature, dai ghiacci emergono i resti di specie vissute migliaia di anni fa.
 Recenti scoperte includono un bisonte di 9000 anni; un cucciolo di rinoceronte lanoso di 10.000 anni, un leone o una lince e un piccolo mammut soprannominato Lyuba morto dopo essere rimasto soffocato nel fango 40.000 anni fa. 

 Francesca Mancuso

Scoperta una rara maschera dell’antico re “Pakal Il Grande” in una città maya del VII° secolo


Una maschera in stucco a grandezza naturale raffigurante uno dei più famosi governanti del Messico è stata scoperta nel Palazzo Maya di Palenque, secondo quanto comunicato dall’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia ( INAH ). 

K’inich Janaab ‘Pakal, noto come il re “Pakal il Grande”, divenne re del Messico all’età di 12 anni e per 68 anni governò l’antica città Maya di Palenque, ordinando la costruzione di alcune delle migliori architetture della zona e di edifici molto elaborati.

 Righe di rughe intorno alla bocca e guance raggrinzite nella maschera lo rappresentano come un vecchio e, se verrà dimostrato sia lui, sarebbe il primo calco del suo genere. 

“È degno di nota, perchè a differenza di altri siti maya in cui le rappresentazioni sono generiche, a Palenque molte delle caratteristiche che vediamo nella pittura murale o nelle sculture in pietra sono fedeli riproduzioni di personaggi specifici”, ha detto in un comunicato l’ archeologo Benito Venegas Duran .

 

 La maschera è stata scoperta in un edificio chiamato “House E”. Altri oggetti rituali erano anche sepolti con la maschera, tra cui figure in ceramica, perle, frammenti di giada, ossidiana, uno specchio pirolitico lucidato, ossa e selci intagliate e scheletri di tartarughe, lucertole, uccellini e lumache. 

Palenque era uno stato della città Maya nel Messico meridionale dal 226 aC all’800 dC situato vicino al fiume Usumacinta, gli archeologi ritengono che gli antichi abitanti avessero sviluppato un rapporto speciale con il fiume e offerto oggetti per incoraggiare la sua sostenibilità ecologica. 

 Nelle vicinanze, un’altra struttura (ora chiamata “Casa C”) sarebbe stata utilizzata più o meno nello stesso periodo. 
Gli archeologi ritengono che ci fosse uno stagno all’estremità settentrionale di uno spazio tra le due case che misurava 6,5 ​​metri di lunghezza per 3,5 metri di larghezza e tra 20 e 30 centimetri di profondità.

 In questi due luoghi si hanno alcuni dei migliori esempi di pittura murale a Palenque, uno dei quali è il luogo in cui Pakal è stato incoronato quando era un giovane ragazzo, secondo una lapide ovale che lo raffigura mentre riceve un copricapo da sua madre. 

 Gli archeologi hanno anche scoperto una figura che assomiglia ad un gambero di fiume, con gigli e pesci che lo accompagnano. Insieme, credono che questi oggetti rappresentino l’importanza del mondo acquatico nell’area e la dipendenza della società dal vicino fiume.
 Il team archeologico sta lavorando con una sovvenzione per ripristinare l’area storica e per prevenire danni futuri. 
Dicono che condurranno un’analisi strutturale prima di continuare gli scavi. 

 Tratto da www.iflscience.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...