venerdì 21 febbraio 2014

25.000 anni fa, le piramidi come fonte free energy?



Una scoperta monumentale (ottobre 2012) che, dopo quattro anni di ricerca geo-archeologica globale, per qualche motivo non è riuscita a raggiungere il grande pubblico. Sono state rilasciate le prove scientifiche a sostegno della teoria che le piramidi, la cui costruzione è stata datata a 25 000 anni fa, sono state utilizzate come fonte di energia. Il recente studio rivela che, fino ad oggi, il più grande complesso di piramidi del mondo trasmette raggi di energia, segnali elettromagnetici inspiegabili dalla nostra scienza. Prove schiaccianti, sostenute dalla ricerca scientifica di tutta la comunità archeologica, dimostrano che la nostra storia registrata, riguardo le antiche culture, è sbagliata. Il dr. Osmanagich ha indagato sulle piramidi di tutto il mondo, tuttavia la sua recente scoperta delle piramidi bosniache a Visoko, è la più notevole. Le sue incredibile scoperte sono violentemente attaccate dai media e dagli scienziati e ricercatori. La prima cosa che le potenze mondiali fanno quando i loro sistemi di controllo sono minacciati (ma non possono eliminare l’idea) è di creare un sistema di disinformazione per far credere che potenti tecnologie nuove o antiche sono una bufala. Eminenti archeologi hanno tentato campagne diffamatorie sul lavoro del Dr. Osmanagich per paura dell’impatto che le sue scoperte avrebbero sul loro lavoro. E’ arrivato il momento di riscrivere i nostri libri di storia, ma ci sono così tante divisioni tra il vecchio paradigma di pensiero e il nuovo che i conflitti tra i due campi hanno continuato a causare la regressione nella comprensione della tecnologia antica, anziché il suo avanzamento... Piramidi bosniache. (Dr. Osmanagich): 



1) Queste sono le prime piramidi in Europa 2) Sono le più grandi e le più estese del pianeta 3) I lati cardinali hanno l’orientamento più preciso sul pianeta 4) Il calcestruzzo trovato è migliore di quanto di meglio si trovi disponibile oggi. 5) Sono le piramidi più antiche del pianeta 6) Sotto le piramidi c'è la più vasta rete di tunnel e camere preistorici trovati da sempre 7) In queste gallerie sono stati scoperti enormi blocchi che pesano più di £ 18.000 ( 8165 kg ) La scoperta della Valle bosniaca delle Piramidi cambia la comprensione della storia europea e mondiale per sempre. Questo vale anche per il calcestruzzo più antico e più forte datato e per la più grande rete di tunnel sotterranei e le camere.



La datazione al radiocarbonio conferma che il Complesso di piramidi bosniache risale almeno a 25.000 anni fa. Questo è stato rivelato da un team internazionale di scienziati guidati dal dottor Sam Osmanagich. Scoperto nel 2005, il sito di Piramidi bosniache del “Parco Archeologico del Sole”, che ospita la più grande piramide del mondo, ora è il sito archeologico più attivo del pianeta. I risultati del gruppo rivelano anche un raggio di energia, di diametro di 13 metri che trasmette un segnale elettromagnetico inspiegabile misurato a 28 kilohertz proveniente dal centro della Piramide del sole. Questo fenomeno è stato confermato in modo indipendente dal fisico Dr. Slobodan Mizdrak, Ph.D. dalla Croazia, il professor Paolo Debertolis, antropologo presso l’Università di Trieste in Italia, ingegnere del suono Heikki Savolainen dalla Finlandia e ingegnere GoranMarjanovic ingegnere di elettricità dalla Serbia. La teoria di Dr. Osmanagich è che quel raggio di energia fu il motivo per quale le piramidi sono state costruite, per fornire a antiche civiltà una potente fonte di energia pulita. Questa è già una teoria ampiamente supportato dal libro “The Giza Power Plant” di Christopher Dunn pubblicato nel 1998. La Piramide bosniaca del Sole è di 30% più grande della più grande piramide di Giza e recenti scavi hanno portato alla luce un vasto sistema di labirinti sotterranei preistorici, ulteriori prove a sostegno della teoria della centrale elettrica. E' possibile che il sistema energetico fondato sui combustibili fossili che oggi utilizziamo sarebbe potuto essere evitato se l’opera dell'inventore Nicola Tesla sull’energia libera non fosse stato soppresso? (1856-1943) I metodi di energia libera brevettati di Tesla sono state respinti a causa della loro incapacità di essere misurato e monetizzato. ”Abbiamo urgente bisogno di cambiare il punto di vista sbagliato che i nostri antenati erano primitivi e di accettare che avevano una conoscenza avanzata sul tessuto della natura e dell’universo, proprio come Nikola Tesla, le cui idee sono state soppresse in quanto non si adattano al modello economico imperante, “afferma Philip Coppens, autore e giornalista investigativo. “Le piramidi sono la prova che i nostri antenati sapevano e hanno lavorato con una tecnologia energetica che ora siamo finalmente in grado di misurare, ma non ancora pienamente compresa”. Coppens, insieme a Klaus Dona di Austria e decine di relatori hanno partecipato alla Conferenza Internazionale sulle Piramidi della Bosnia a Sarajevo, Bosnia-Erzegovina, che si tiene ogni anno per rilasciare i risultati al pubblico. Osmanagich ha beneficiato dell'aiuto di una serie di esperti in vari campi che sono venuti a vedere le piramidi bosniache, e anomalie di misura ad essi associati. Era anche presente il noto scienziato inglese e inventore Harry Oldfield, che ha utilizzato un sistema speciale di ripresa per fotografare la presunta onda elettromagnetica (EM) in prossimità della Collina Visocica. Le strutture piramidali che sono state costruite in Bosnia e in tutto il mondo più di 10.000 anni fa non possono essere replicate dalla scienza moderna e dalla tecnologia nel 21 ° secolo e non c’è spiegazione nella nostra storia su chi potesse averle costruite . “Ci rendiamo conto che questo posto cambia la nostra conoscenza della storia e come tale le risultanze dovranno sopportare il duro scrutinio. Il nostro team scientifico interdisciplinare utilizza con attenzione la legittima metodologia della ricerca scientifica, spesso con prove testate da due o più laboratori separati “, ha spiegato il dottor Osmanagich, PhD. ”Nonostante un certo scetticismo iniziale, ora abbiamo un team mondiale di centinaia di leader del pensiero in numerose discipline scientifiche tra cui archeologi, geofisici, ingegneri chimici, fisici, ingegneri elettrici, e matematici in grado di raccogliere prove scientifiche per trovare le risposte.” Caratteristiche geometriche delle piramidi Sulla base di numerosi sorvoli aerei e dalle immagini spaziali della Piramide bosniaca del Sole, diventa evidente che le caratteristiche geometriche presenti con tre lati presentano la forma geometrica di un triangolo. Anche se tali elementi si presentano in natura, seppur raramente, una forma precisa è raramente replicata su lati opposti di un cumulo. In questo caso, due lati sono triangoli equilateri, con i lati ben definiti. Immagini satellitari del territorio nella parte centrale della Bosnia-Erzegovina (Landsat, Radarsat, Hyperion, Ikonos, per gentile concessione del Dott. Amer Smailbegovic), hanno indicato che ci sono cinque colline che mostrano apparenti anomalie geospaziali di cui due o più parti sono triangolari. Tutte queste colline presentano i lati triangolari e alcuni hanno elementi di gradini con caratteristiche dettagliate sui lati, e terrazze piatte sulla parte superiore. Nel caso della Piramide bosniaca del Sole, tre su quattro facciate mostrano evidenti caratteristiche geometriche. Una evidenza geologica non è indicativa delle irregolarità significative o processi di glaciazione nella zona che altrimenti influenzerebbero l’esistenza, la geometria e la struttura di queste facciate. Perfetto orientamento – lati cardinali del mondo 



Le misurazioni effettuate dall’Istituto Geodetico della Bosnia-Erzegovina indicano che i lati della Piramide bosniaca del Sole (BPS) sono esattamente allineati con i punti cardinali del mondo (Nord-Sud, Est-Ovest); è una delle caratteristiche spesso notata per le piramidi esistenti in Egitto, Perù, Guatemala o in Cina. Il lato nord della BPS è orientato verso il nord stellare (come la Grande Piramide d’Egitto), in parallelo con la posizione della Stella Polare. Analisi geologico-sedimentarie 




I risultati dei carotaggi, test di affondamento e di scavo limitato effettuati in agosto e ottobre del 2005, proseguiti nel 2006 e 2007, hanno confermato le precedenti osservazioni e hanno rivelato che la superficie delle piramidi è composta da strati di arenaria e blocchi di breccia che sono stati trasformati e / o tagliati manualmente per adattarsi alle dimensioni richieste. Il legante trovato tra i blocchi di arenaria suggerisce la presenza di un “clastica breccia”, un conglomerato multicolore composta di ghiaia, pietra arenaria e scisto con una matrice connettivale o cemento composto da particelle di carbonio di sabbia di quarzo, feldspato e scaglie di mica. I lati piatti dei blocchi, la zona di contatto e il legante sono chiaramente visibili. Ulteriori informazioni dettagliate della linea di contatto tra i due blocchi di arenaria hanno rivelato che i blocchi sono stati trattati manualmente sottostante e che la superficie era piatta e liscia, con legante applicato successivamente alla superficie. Triangolo equilatero di tre piramidi principali



Le tre piramidi principali della Valle bosniaca formano un triangolo equilatero. L’Ufficio catastale dalla contea di Visoko ha eseguito delle misure GPS delle colline e ha stabilito che tutti gli angoli sono simmetrici (60 gradi). Le loro misurazioni hanno mostrato che le distanze tra i tre colli sono uguali (circa 2,2 km) con errore inferiore al 2%, verificando le strutture artificiali. La geometria, la forma, l’orientamento, i materiali di costruzione – tutto prova la pianificazione e l'esecuzione perfetta del complesso. Piramide del Sole Bosniaca



La Piramide bosniaca del Sole, con i suoi 220 metri di altezza, è la più grande del mondo. E' completamente coperta da terreno e vegetazione. Durante gli anni 1950 e 1960, il governo locale ha organizzato l'attività di piantagione i alberi. Gli alberi sono riusciti a crescere solo nella metà inferiore della piramide. Lo spessore del terreno sui lati occidentale, settentrionale e orientale della piramide varia dalla parte superiore (20 cm) a quella inferiore (1,5 metri). Ciò è dovuto all’erosione. Il lato sud, che sembra essere danneggiato, ha uno strato di terreno di 3-6 metri. Questo è il motivo per cui questo lato ha perso la sua regolarità. C'è una prova materiale fisica nelle forme e alcuni monoliti ben conservati di pietra sono stati rinvenuti durante la campagna geo-archeologica nel 2006-2008 e ancora in corso. Un radar del satellitare ha penetrato la superficie del lato settentrionale della Piramide bosniaca del Sole di quattro metri. Linee nere dritte mostrano sotterranei – sotto-strutture piramidali. Alcuni di loro si intersecano a 90 gradi. Piramide della Luna Bosniaca



Con la sua altezza di 190 metri, la Piramide bosniaca della Luna è la seconda più grande al mondo: accanto alla Piramide bosniaca del Sole (220 metri) e superiore alla Grande Piramide di Cheope di Egitto (148 metri). È una piramide a tre lati con il plateau proveniente da Est, che porta alla sommità della struttura. Le altre facciate (nord, ovest, sud) corrispondono ai punti cardinali. Per la costruzione di questa piramide, lastre di arenaria e tegole sono stati utilizzati insieme all’argilla come materiale costruttivo. Lo studio sul campo archeologico della Piramide bosniaca della Luna mostra che sotto gli strati di terra e legno esiste un enorme pietra / argilla struttura, a tre lati “a schiera” con strada lastricata proveniente da est. Una rete di tunnel sotterranei Gli esempi dei principali complessi piramidali in tutto il mondo dimostrano che sotto le piramidi, sono stati costruiti dei passaggi sotterranei e camere. E' il caso delle piramidi di Giza (gallerie collegano le piramidi, sfinge, Nilo), Teotihuacan (metropolitana allargata a 4 camere grotta con passaggi), Passo piramide a Saqqara (metropolitana “labirinto”), la Cina (tunnel sotterranei costruiti in pietra arenaria, mattoni e argilla), Tenerife (grotta-tunnel in Guimar) Numerosi reperti di campo suggeriscono che una vasta rete di tunnel esiste nella Valle bosniaca delle Piramidi. Si ipotizza (Principal investigator Semir Sam Osmanagich) che il sistema di tunnel collega tutti gli oggetti colossali, pozzi d’acqua e altre strutture importanti. Gli scavi in ​​corso hanno già evidenziato il ritrovamento di diverse forme di monoliti nei tunnel. Centinaia di metri di gallerie sono coperte da supporto in legno. I tunnel non possono essere pozzi minerari; nessun attrezzo, presenza di carbone, argento, oro o qualsiasi altro materiale sono stati ritrovati e sembrano molto più vecchi dell'epoca medievale o romana. Il fisico Dr. Anna Pazdur della Slesia Università in Polonia ha annunciato, in occasione della conferenza stampa a Sarajevo nell’agosto del 2008, che un grande numero di reperti archeologici era stato trovato nel corso dei quattro anni di scavi. Ulteriore conferma che i tunnel sotterranei sembrano essere una grande rete artificiale dai tempi preistorici. I campioni di carotaggio dalla Piramide bosniaca del Sole e del tumulo Vratnica hanno dimostrato le proprietà del migliore calcestruzzo (analisi da Istituto dei materiali dell’Università di Zenica, Bosnia e Istituto di Ingegneria Civile dell’Università di Sarajevo, Bosnia) La prima Conferenza Internazionale scientifica sulla Valle bosniaca delle Piramidi si è tenuta a Sarajevo il 25-30 agosto 2008. Più di 50 esperti provenienti dall'Egitto (20 archeologi leader, geologi ed egittologi,), la Cina, l’Arabia Saudita, Russia, Polonia, Croazia, Regno Unito, Austria, Bosnia e Montenegro hanno concluso / consigliato: Fonte: risvegliodiunadea.altervista.org

29 dicembre 1800, inizia la storia di Charles Goodyear, inventore per sbaglio

Quella di Charles Goodyear è tecnicamente la storia di un fallito. Uno di quelli che si “impuntano” su di un’idea e si ritrovano a gambe all’aria prima ancora di ragionare sul senso degli esperimenti condotti, a metà tra geni incompresi e strampalati cronici. Ed effettivamente Goodyear strampalato lo era e non poco. Originario di Philadelphia, passò la vita tra Boston e New York aprendo piccoli empori di merci, che puntualmente faceva fallire, dedicandosi in realtà a tempo pieno alla ricerca di un brevetto che gli avrebbe cambiato la vita. 
Come quando, con già diversi fallimenti alle spalle e un paio di mesi passati “al fresco” per bancarotta, si presentò da un grossista di Boston sostenendo di aver inventato un sistema geniale e rivoluzionario per le valvole di gonfiaggio dei salvagenti di plastica grezza tanto amati dalla borghesia americana che scopriva e si godeva l’elegante ristoro balneare. 
Il grossista, storto il naso di fronte al marchingegno, chiese in quale materiale fosse realizzato, e quando Goodyear rispose entusiasta che la novità stava proprio nell’uso di quel miracoloso composto arrivato da poco dal Brasile chiamato “rubber” (gomma), si prese, in tutta risposta, gli insulti del negoziante il quale gli fece notare che tutti i tentativi di commercializzazione della gomma erano andati…in fumo. Infatti, non appena la calura avanzava inesorabile, qualunque oggetto in gomma acquistato poco tempo prima andava disciolto e fritto in pochi minuti. 

Sconsolato, Goodyear ritornò al suo laboratorio domestico, dove sotto lo sguardo attonito della moglie non smetteva di interrogarsi su come rendere la gomma il nuovo “metallo elastico”, utile a tutto, alla portata di chiunque e soprattutto immune alla fusione. 
Tuttavia, non riuscì a raggiungere casa, perché sul tragitto del rientro venne arrestato di nuovo a causa dell’ennesimo mancato pagamento di una fornitura di materiali per uno dei suoi tanti negozietti falliti. 
In cella non si fermò, e implorò la moglie di portargli tanta gomma per riflettere: giunse alla conclusione che era necessario mescolare assieme ad essa qualcosa di indurente, come la polvere di magnesio venduta nelle drogherie. 
Realizzò diversi oggetti sperimentali con quel mix, ma una volta tornato a casa, si sciolsero al primo sole cocente.


Fu costretto a chiedere asilo ai suoi cugini newyorchesi benestanti, mentre tutta la sua famiglia viveva in un’indigenza sempre più tragica, che portò, peraltro, alla morte infantile di 6 figli dei dodici avuti.
 L’anno della svolta fu il suo cinquantesimo, quando dopo mille tentativi, aggiunse alla gomma un composito solforico ed uno a base di acido nitrico. 
Si precipitò, così, nella taverna più vicina ad annunciare la sua nuova trovata, e mentre agitava in aria la sua creazione, un pezzo di quella gomma evoluta gli volò via atterrando sulla piastra della stufa borbottante: risata generale degli avventori, ma, meraviglia delle meraviglie, la gomma non si sciolse ed anzi, si solidificò nei bordi, assumendo al centro un aspetto uniforme e semi-rigido simile al cuoio. 
Suo malgrado, Goodyear aveva appena perfezionato il primo processo di vulcanizzazione della gomma, attraverso il quale la stessa viene legata allo zolfo con il calore che ne modifica strutturalmente le caratteristiche. 

Il momento era arrivato, e attraverso uno dei suoi parenti, produttore tessile, Goodyear brevettò e iniziò a produrre innumerevoli accessori in gomma per le arricciatissime camicie dandy che la moda imponeva in quegli anni. 
Era il 1852, e l’antitrust non esisteva, così, pochi mesi dopo, altri mille novelli Goodyear si improvvisarono produttori di gomma vulcanizzata, annullando i guadagni dei brevetti originari, cosa che portò il nostro Goodyear ad affrontare in veste di denunciante più di 30 processi contro i “pirati” del brevetto.
 La stessa cosa avvenne all’estero, quando l’inglese Thomas Hancock battezzò personalmente come “vulcanizzazione” il processo scoperto da Goodyear, e vide bene di registrare a proprio nome presso il tribunale inglese il relativo brevetto, la cui ricetta era giunta nel frattempo in Gran Bretagna.


Charles Goodyear morì nel 1860, con 200.000 dollari di debiti sulle spalle e, dall’altro lato, una quantità di royalties sulle sue invenzioni almeno sufficiente a non ridurre in povertà i suoi discendenti. 
Gli oggetti prodotti in gomma vulcanizzata nel frattempo si erano moltiplicati, dall’abbigliamento all’utensileria, fino a quando verso la fine dell’800 Frank Seiberling, un signore dell’Ohio proveniente da una famiglia di costruttori di rotaie, decise di buttarsi nel business della gomma per i primi trasporti stradali, intitolando la nascitura azienda al defunto inventore della vulcanizzazione.

 Fu così che nel 1898 venne fondata la Goodyear Tire and Rubber Company, in omaggio allo sfortunato, strampalato e quasi grottesco personaggio che con le sue convinzioni era diventato, all’ennesimo ossessionato tentativo, uno degli inventori più celebri e rivoluzionari dei suoi tempi.

 Tommaso Sabbatini

Ecco l'inquietante documento di cui parlava Paolo Barnard in questo video

Il mito di Orchis : dai suoi resti nacque la prima orchidea

Secondo la mitologia, Orchis era un giovane greco, bellissimo e molto intraprendente con le donne.


Figlio di una ninfa e di un satiro, pensava di potersi permettere tutto e, utilizzando la sua bellezza, si dava alla pazza gioia con le giovanette più affascinanti e graziose. Ma accadde un fatto irreparabile. 
Durante una festa in onore di Dionisio, tentò di violentare una delle sacerdotesse del dio commettendo un sacrilegio. Orchis pensava di potersi sottrarre alla vendetta delle potentissime Moire che punivano gli abusi causati dal desiderio di onnipotenza, ma non ebbe scampo e dunque fu sbranato da belve feroci. 
Gli dei però non vollero permettere che del bellissimo Orchis si perdesse anche il ricordo e fecero si che dai suoi resti nascesse una pianticella che riproduceva nella sua parte sotterranea, nei due bulbi, proprio le appendici anatomiche maschili che erano state causa della disgrazia.


Spuntò così la prima orchidea…. qualche anno più tardi Teofrasto, considerato il più grande botanico dell’antichità, immortalò Orchis, il giovane focoso e bello, nella sua Historia Plantarum. 
Fu, probabilmente, ispirato dalla forma rotondeggiante dei due “tuberi” che compongono l’apparato radicale di alcune specie di questo fiore, simili ai testicoli dell’uomo. 
Questa caratteristica ha contribuito ad alimentare credenze popolari che attribuivano loro, erroneamente, poteri afrodisiaci e curativi della sterilità femminile.

 Fonte:http://tanogaboblog.it

Piccoli e semplici consigli da seguire per star bene con se stessi ed essere apprezzati anche dagli altr



Perché piacere non è poi così difficile.
Ci sono giorni in cui ci svegliamo e sentiamo di possedere un'energia che ci rende irresistibili mentre altri in cui ci sentiamo brutti e insignificanti.
Come può accadere?
Quali sono le qualità e i sentimenti indispensabili per essere attraenti ai nostri occhi e a quelli degli altri?
Di seguito analizzeremo alcuni modi di essere che nascono nel nostro io profondo e sono la base per essere seducenti.

Il fascino

Tutti conosciamo qualcuno in grado di attirare su di sé rispetto e ammirazione, e addirittura ci sono quelle persone che solo con uno sguardo o una parola ammutoliscono e fanno invaghire chi sta di fronte.
Si tratta di quelle persone con una marcia in più, che possiedono delle caratteristiche positive e un forte fascino.
Ma che cos'è il fascino?
È qualcosa che nasce nel nostro io profondo, che è difficile da spiegare e insegnare, anche se ciò su cui si può lavorare è aiutare le persone a capire dove sbagliano, per evitare il ripetersi degli errori che impediscono di piacersi e piacere agli altri.
Non pensare al giudizio altrui sembra un paradosso, ma è la verità: diventiamo più seducenti quando non ci interessa esserlo, quando siamo disinteressati o indifferenti al giudizio altrui.
Siamo più sicuri di noi e di conseguenza piacciamo di più, proprio quando non vogliamo convincere nessuno di chi siamo e come siamo.
Il motivo è semplice: quando vogliamo che gli altri ci diano attenzioni abbiamo degli atteggiamenti di forzatura e in un certo senso manchiamo di rispetto all'altra persona, mentre il rispetto è la base affinché ci sia un incontro vero e sincero.
Proviamo a metterci in una posizione di ascolto, senza pretese di giudicare: emaneremo una sensazione di libertà, di naturalezza e di leggerezza e, oltre a piacere all'altro, saremo contenti di noi stessi. 

Essere veri
Tutti noi abbiamo il diritto di esprimere la nostra personalità, nel bene e nel male, senza vergognarci per ciò che siamo.
Questa è la premessa per accettarsi e fare in modo che gli altri ci accettino.
Le persone che ci impressionano e seducono sono proprio quelle che non esitano a mostrare se stesse, i loro desideri e i loro progetti, ma anche incertezze e imperfezioni.
Le nostre parti ombra sono proprio il segreto per piacere agli altri al di là delle apparenze.

Essere coerenti
Che cosa ci piace di noi davvero? Spesso ci è difficile dirlo perché le nostre qualità non possono essere analizzate nel dettaglio, ma fanno parte di un insieme, questo viene chiamato congruenza.
La congruenza è l'armonia tra ciò che siamo, pensiamo, diciamo e facciamo: per esempio siamo congruenti quando non solo difendiamo le nostre idee ma le facciamo nostre.
Essere congruenti è fonte di gioia non solo per noi, che abbiamo la sensazione che tutto diventi possibile, ma coinvolge coloro che ci stanno vicini perché siamo delle persone carismatiche.

Il carisma
Per avere carisma, ogni tanto, dobbiamo fare qualche semplice esercizio: ricordare i successi che abbiamo ottenuto pensare alle situazioni in cui non abbiamo avuto successo: cosa non ha funzionato? porsi di fronte agli altri con sincerità valorizzare le proprie caratteristiche positive, unitamente a quelle negative 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...