giovedì 4 ottobre 2018

Ritrovati antichi "fumetti" in una tomba di 2.000 anni fa


Gli archeologi in Giordania hanno scoperto una tomba di epoca romana decorata con spettacolari affreschi che includono "fumetti" rudimentali, scritti in aramaico con lettere greche.

 I disegni forniscono una straordinaria testimonianza del diverso e cosmopolita ambiente nelle città di confine ellenistico dell'impero romano.

 Come altre meravigliose scoperte archeologiche, la sepoltura di quasi 2000 anni fa è stata portata alla luce alla fine del 2016 durante i lavori stradali , in questo caso di fronte a una scuola nel villaggio giordano di Beit Ras, appena a nord di Irbid. 
Da allora un gruppo di ricercatori locali e internazionali sta studiando il ritrovamento, che credono di far parte di una necropoli nell'antico insediamento greco-romano di Capitolias, riporta il CNRS , Centro nazionale francese per la ricerca scientifica.


La tomba di 52 metri quadrati è divisa in due camere funerarie e contiene un grande sarcofago di basalto, tutto in ottime condizioni considerando che ci sono indicazioni che la tomba sia stata saccheggiata in passato, dice l'archeologo e epigrafista Julian Aliquot. 
Risale probabilmente agli albori della città, fondata nel tardo I secolo aC.
 La caratteristica più sorprendente del sito è l'arazzo di dipinti che copre le pareti e il soffitto della tomba con scene di iconografia pagana e immagini della vita quotidiana. 
Circa 260 figure sono rappresentate nei pannelli colorati che mostrano le divinità che banchettano allegramente mentre gli umani portano loro offerte propiziatorie; contadini che coltivavano campi e vigneti e operai edili che costruivano un baluardo per la città.


"Personaggi che assomigliano ad architetti o capisquadra stanno accanto ai lavoratori che trasportano materiali sul dorso di cammelli o asini, con scalpellini o muratori che scalano le pareti, a volte provocando incidenti", spiega Aliquot. 
"Questa scena precisa e pittoresca di un cantiere è seguita dall'ultimo dipinto, in cui un sacerdote offre un altro sacrificio in onore delle divinità guardiane della città ". 

 I dipinti sembrano rappresentare varie fasi coinvolte nella fondazione di una città nell'antico mondo romano, tra cui consultare gli dei sul sito appropriato, ripulire la trama, innalzare le mura e infine offrire un sacrificio di grazie alla divinità protettrice - in questo caso Giove Capitolino, che ha dato il nome alla città di Capitolias ed è stato anche il protettore di Roma stessa.

 "Secondo la nostra interpretazione, c'è una buona probabilità che la figura sepolta nella tomba sia la persona che si è rappresentata mentre officiava nella scena del sacrificio dal quadro centrale, e che di conseguenza era il fondatore della città", dice Pierre -Louis Gatier, storico con il laboratorio di storia e fonti del mondo antico a Lione, in Francia.
 "Il suo nome non è stato ancora identificato, anche se potrebbe essere inciso sull'architrave della porta, che non è stato ancora ripulito."

 È raro trovare rappresentazioni così ben conservate e dettagliate della fondazione di una città antica. Ma i ricercatori erano ancora più eccitati dalle circa 60 iscrizioni che accompagnano le immagini. 
 Alcuni sono tag che identificano le divinità regnanti, che sono state scritte in greco. 
Nessuna sorpresa: la città di Capitolias, conosciuta anche come Dion, faceva parte della Decapoli, un raggruppamento di città ellenistiche semi-autonome sulla frontiera orientale dell'impero romano, tra l'odierna Israele, la Giordania e la Siria. 

 Tuttavia, osservando da vicino, i ricercatori hanno trovato altri testi scritti usando lettere greche ma in aramaico, che è stato ampiamente parlato dai popoli locali semitici del Vicino Oriente. L’effetto grammaticale dell’Aramaico scritto usando l’alfabeto greco è del tutto singolare, perché nella lingua semitica le vocali non sono esplicitate, mentre nel dipinto della tomba invece sì.

 I personaggi mostrati offrono spiegazioni su ciò che stanno facendo o su ciò che sta accadendo loro, dice Jean-Baptiste Yon, un altro ricercatore del CNRS. 
 Yon fornisce alcuni esempi di questi fumetti antichi (e non particolarmente umoristici) dalla scena del cantiere, in cui un personaggio dice "Sto tagliando (pietra)." 
Un altro, forse la vittima di un incidente, esclama "Ahimè per me ! Sono morto! "

Gli esperti stanno ancora lavorando per decifrare altre iscrizioni.

  Fonte:


www.haaretz.com

Silfra fissure, la spaccatura sommersa che divide due continenti


La Silfra Fissure è una fessura che si trova nel Þingvellir National Park in Islanda e la sua particolarità è che divide la placca nordamericana da quella eurasiatica del nostro Pianeta. 

Nuotare nelle acque cristalline di questo luogo significa letteralmente nuotare tra due continenti. 

 Fare un tuffo in queste acque non è per tutti, le temperature sono molto basse ma in compenso sono chiare e limpidissime a tal punto che si riesce a vedere oltre i 100 metri godendo così di un panorama marino mozzafiato.






La Silfra Fissure è nata dalla deriva delle due placche quella eurasiatica e quella nordamericana. 
Ogni anno queste due piastre si allontanano di circa 2 centimetri, e causano tensioni tra le piastre e la massa terrestre.
 Questa tensione viene scaricata attraverso terremoti di grande entità che si verificano circa ogni dieci anni, che hanno portato alla formazione di fessure nella valle di Þingvellir. 

Silfra precisamente si trova sul bordo del lago Þingvallavatn ed è una delle più grandi e profonde di queste fessure. 
Massi e rocce cadono nelle crepe andando a creare delle vere e proprie caverne.

 E’ uno dei luoghi più frequentati dagli amanti delle immersioni, qui possono esplorare le varie caverne sommerse e avventurarsi nelle tre sezioni in cui si divide la fessura: il salone, la laguna e la cattedrale.
 La cattedrale in particolare offre un panorama incredibile, lunga 100 metri permette di vedere l’inizio e la fine dei due continenti.



Fonte: viaggiare.moondo
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...