mercoledì 20 aprile 2016

Ottanta scheletri ammanettati: inquietante scoperta archeologica in Grecia


Due fosse comuni sono state rinvenute nella regione del Delta Falirikon del sud di Atene, con gli scheletri di 80 giovani uomini, molti ammanettati a mani e piedi, e datati tra il 675 e il 650 aC. 
 A giudicare dai loro resti, gli archeologi pensano possa trattarsi dei seguaci di Cylon, un antico gruppo di greci olimpionici che ha cercato di impadronirsi della capitale ellenica oltre tremila anni fa. Quando le tombe sono state scoperte, gli archeologi hanno trovato gli scheletri tutti allineati, alcuni sulla pancia, e altri sulle loro spalle. 80 in totale, 36 sono stati ammanettati con arnesi in ferro.
 I loro denti sono stati trovati in buone condizioni, il che indica che i giovani erano uomini sani.
 Due piccoli vasi decorativi posti a fianco degli scheletri hanno permesso ai ricercatori di risalire all’età dei resti umani abbastanza accuratamente, a circa la metà del tardo 7 ° secolo aC – “un periodo di grande agitazione politica nella regione”, ha dichiarato il Ministero della Cultura di Atene alla stampa .

 Le tombe sono state scoperte in un antico cimitero alla periferia costiera di Atene durante i lavori di costruzione della nuova Biblioteca Nazionale di Grecia. 
 Tenuto conto della “grande importanza di questa scoperta”, il ministero ha annunciato che le autorità locali avvieranno ora un’istruttoria per verificare se si debba o meno analizzare l’area integralmente.


Dal momento che, all’epoca della morte, si trattava di uomini giovani, gli archeologi che hanno trovato gli scheletri ipotizzano che si trattasse dei seguaci di Cylon, i quali guidarono un fallito colpo di stato ad Atene come riportato dagli antichi storici Erodoto e Tucidide. 
 L’ipotesi avrebbe senso considerato il periodo storico della vicenda, che combacia con quello riportato dall’operazione di datazione. 
 Sembra che Cylon aspirasse a divenire un grande leader tiranno di capitale, ma che non tutti gli Ateniesi fossero d’accordo.
 Per questo l’aspirante dittatore chiese aiuto alla vicina città di Megara. 
 Analizzando l’Acropoli, durante il Festival di Zeus nel 632 aC , le cose sono andate molto male per Cylon, e mentre lui riuscì a scivolare fuori con il fratello e fuggire nell’oscurità, i suoi seguaci di Megaran furono messi con le spalle al muro dagli Ateniesi, e costretti a rifugiarsi nel tempio di Atena.
 Sono rimasti qui fino a quando si sono resi conto che non avevano cibo e, infine, affrontarono i nove arconti – o magistrati – di Atene. “Megacle, il capo archon, promise ai combattenti di risparmiar loro la vita, ma non appena questi si allontanarono dal tempio, egli ordinò la loro morte”, scrive lo storico Mary MacGregor . 
 Questi 80 scheletri potrebbero essere i resti di quei giovani soldati, che fino ad ora, non era stato contabilizzati. 

Fonte: globochannel.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...