martedì 19 maggio 2015

Scoperti dei tesori d’oro in una tomba Ming


Gli archeologi hanno scoperto una tomba durante la costruzione di un edificio a Nanchino, in Cina, risalente a oltre 500 anni fa, all’apice della dinastia Ming. 
Dentro la tomba sono stati recuperati dei preziosi oggetti d’oro, oltre a due epitaffi di pietra che raccontano la storia della donna sepolta. 
 Nonostante un passato da concubina, Lady Mei riuscì a diventare una influente consigliera di suo figlio, un duca, e una favorita dell’imperatore cinese. 

 I tesori includono braccialetti d’oro, un contenitore per cosmetici d’oro e forcine per capelli d’oro, tutti incrostati con un mix di gemme: zaffiri, rubini e turchese.






Gli archeologi del Nanjing Municipal Museum e del Jiangning District Museum of Nanjing City avevano scavato la tomba nel 2008.
 I loro ritrovamenti sono stati recentemente tradotti in inglese e pubblicati sulla rivista scientifica Chinese Cultural Relics.
 La bara di Lady Mei era stata danneggiata dall’acqua, ma i suoi resti scheletrici sono stati comunque trovati.


I ricercatori dicono che Lady Mei fosse una delle tre mogli di Mu Bin, un duca di Qian che governò lo Yunnan, una provincia sudoccidentale alle frontiere della Cina.
 Nata nel 1430, Mei aveva forse 15 anni quando sposò il duca, di 30 anni più vecchio di lei al massimo. 
Lei probabilmente non godette dello stesso status delle altre due mogli. 
“Lady Mei era verosimilmente una concubina che il duca sposò dopo essere andato a governare lo Yunnan”, scrivono i ricercatori. Ma mentre Lady Mei era una concubina, la sua famiglia sembra aver posseduto una certa ricchezza: il suo bis-bisnonno “Cheng” era un generale che “vinse ogni battaglia” e a cui venne concesso un feudo su oltre “1.000 case”, si legge negli epitaffi. 
 La vita di Ledy Mai cambiò quando ebbe un figlio, Mu Zong, che aveva 10 mesi quando il duca morì.
 L’allora vedova Lady Mei “aveva solo 21 anni.
 Era plebea e trasandata, e chiamava se stessa la sopravvissuta”, si legge ancora.
 Si prese cura dell’educazione di Mu Zong, crescendolo per diventare il prossimo duca. 
“Fece crescere il duca della terza generazione. Gestì la famiglia con forte disciplina e diligenza, e tenne gli affari domestici interni in grande ordine, e nessuno si lamentava”. Lady Mei “lo spingeva a studiare duramente di mattina e di sera, e gli insegnava la lealtà e la devozione filiale, oltre i servizi del dovere”.

 Quando Mu Zong raggiunse l’età adulta, lui e Lady Mei viaggiarono per incontrare l’imperatore, che lo incaricò di controllare lo Yunnan, la provincia che suo padre aveva governato. L’imperatore era soddisfatto di Lady Mei e, dopo l’incontro, le assegnò il titolo di “duchessa vedova”, raccontano gli epitaffi. Anche dopo l’inizio del suo governo sullo Yunnan, Mu Zong continuò a farsi consigliare da sua madre: 
“Ogni mattina quando il duca della terza generazione si alzava, dopo essersi preso cura degli affari ufficiali, tornava a porgere rispetto alla duchessa vedova nel salone principale”, si legge negli epitaffi. “La duchessa vedova parlava sempre al duca della terza generazione riguardo la sua lealtà all’imperatore, le sue premure per il popolo … e le strategie per portare la pace nelle tribù barbariche e per pacificare terre lontane”.


Lady Mei morì a 45 anni nell’anno 1474. Gli epitaffi dicono che venne a mancare per una malattia nel sud dello Yunnan e fu portata a Nanchino per il funerale. 
 “Nel giorno della sua morte, il popolo di Yunnan, i militari o i civili, vecchi o giovani, tutti piansero e furono addolorati come se fossero venuti a mancare i loro propri genitori”, si legge ancora. “Quando il necrologio raggiunse la corte imperiale, l’imperatore inviò dei funzionari e ordinò loro di consacrare e preparare il funerale e la sepoltura”.
 Gli epitaffi lodano il suo ruolo nella crescita del giovane duca e nella sua preparazione per le responsabilità nel governo dello Yunnan. 
“Grazie al suo amore e al suo duro lavoro, fece crescere il bambino e lo educò ad essere un uomo abile e dal buon carattere morale…”. “Perché il cielo le ha concesso tutte virtù, mentre è stato così ingeneroso nel non darle altri anni da vivere?”, si legge ancora. “Sebbene la volontà del cielo è remota e profonda, deve diffondersi tra milioni di persone”.

 Il resoconto del team era stato inizialmente pubblicato in cinese sulla rivista Wenwu. 
Il capo del team di scavo era Haining Qi. 

 Fonte : ilfattostorico.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...