giovedì 14 gennaio 2021

La spettacolare storia di Mont-Saint-Michel, un’isola medievale al largo della Francia

Al largo della costa della Normandia si trova Mont-Saint-Michel , un sito magico che risale al Medioevo. 

Avvolta in un pittoresco villaggio e sormontata da una torre altissima, quest’isola di marea sembra essere stata strappata dalle pagine di un libro di fiabe.

Anche se può sembrare un castello tra le nuvole, la storia di Mont-Saint-Michel non è così fiabesca come si potrebbe pensare.

 Iniziando come un luogo di potere nel 6 ° secolo, l’isola alla fine si è evoluta in una roccaforte strategica, il sito di un’abbazia e persino una prigione dell’epoca della rivoluzione. 

Se abbinato al suo aspetto da fiaba, questa affascinante storia ha reso Mont-Saint-Michel una delle destinazioni più famose della Francia e punti di riferimento amati.


Classificata come isola di marea rocciosa, Mont-Saint-Michel è collegata alla terraferma da un terrapieno completamente sommerso durante l’alta marea e scoperto durante la bassa marea.

 A causa di questo fenomeno, il sito unico nel suo genere alla fine avrebbe avuto un grande significato strategico.

Prima del suo ruolo militare, l’isola aveva uno scopo diverso.

 Fondata come Mont-Tombe da un eremita irlandese nel V secolo, servì da centro della cultura gallo-romana per circa 300 anni. Ciò finì nel 7 ° secolo, tuttavia, quando fu conquistata dai Franchi , fu trasformata in un luogo di pellegrinaggio.


Secondo la leggenda, nel 708 CE, Aubert di Avranches – il vescovo di un comune in Normandia – fu contattato dall’arcangelo Michele.

 In questa visione, Michele, il “capo della milizia celeste”, ha detto ad Aubert di costruire un santuario nel suo nome in cima a Mont-Tombe. Nel 709 CE, Aubert ha esaudito il desiderio dell’angelo, costruendo e consacrando una piccola chiesa sull’isola.

Nei prossimi secoli, questa chiesa subirà una serie di cambiamenti.

 Nel 966 CE, fu ridisegnata in stile preromanico, un’estetica che mescolava elementi mediterranei e germanici. 

Il secolo successivo fu nuovamente ricostruita. Questa volta adottò un’estetica romanica caratterizzata da archi poco profondi, soffitti a volta e piccole finestre.

Nel 13 ° secolo, un incendio derivante da un assedio dei Bretoni incendiò gran parte dell’abbazia. Fu poi ricostruita un’ultima volta, ora con elementi di architettura gotica . 

La chiesa è stata ampliata e intensificata, culminando nella sagoma altissima della Merveille che ha incantato i visitatori per secoli. “Il Mont-Saint-Michel appare come una cosa sublime”, ha detto lo scrittore francese Victor Hugo nel XIX secolo, “una meravigliosa piramide”.


Oltre all’abbazia, Mont-Saint-Michele è stata sede di un fiorente villaggio per oltre 1.000 anni. 

Mentre il Mont-Saint-Michele era stato fortificato fin dall’antichità, il muro eretto durante la Guerra dei Cent’Anni si dimostrò il suo metodo di protezione più efficace. 

Affiancato da numerose torri difensive, il muro avvolgente è riuscito a difendere l’isola dagli attacchi inglesi per quasi 30 anni.

All’epoca in cui la Riforma era in corso nell’Europa del XVI secolo, l’isola aveva perso sia il suo significato militare che religioso. 

L’abbazia chiuse nel 1791, appena due anni dopo l’inizio della rivoluzione francese


A quel tempo, l’abbazia fu trasformata in una prigione per tenere preti e altre persone che si opponevano alla neo-nata Prima Repubblica . 

A causa del suo ruolo di centro di detenzione durante la Rivoluzione, Mont-Saint-Michel divenne noto come “Bastiglia del Mare” – un riferimento alla prigione parigina che fu presa d’assalto e, successivamente, scatenò il movimento.

Mont-Saint-Michel ha continuato a tenere prigionieri fino al 1863, quando influenti figure francesi come Victor Hugo hanno fatto una campagna per la sua chiusura.

 Una volta chiuso, i suoi 650 prigionieri furono trasferiti in altre località e l’abbazia fu affittata da un vescovo. 

Nel 1922, i monaci tornarono sul monte, rendendolo di nuovo un luogo di pellegrinaggio religioso.

Nel 1874, poco prima di un importante progetto di restauro, l’abbazia fu dichiarata monumento storico. Allo stesso modo, nel 1979, è stato considerato patrimonio mondiale dell’UNESCO. 

Fonte: girosulmondo.altervista.org/

 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...