venerdì 15 maggio 2020

Il "tempio più noto al mondo" fu costruito 11.500 anni fa pensando alla geometria


Un nuovo sguardo a Göbekli Tepe, un complesso strutturale di 11.500 anni nella Mesopotamia superiore, ha ribadito che potrebbe essere uno dei siti più strabilianti della storia umana. 
 Gli archeologi dell'Università di Tel Aviv (TAU) e della Israel Antiquities Authority hanno applicato analisi basate su algoritmi al layout architettonico di Göbekli Tepe e hanno scoperto che il sito preistorico, ritenuto il primo tempio conosciuto, non era una semplice costruzione di strutture stranamente posizionate, ma un complesso orchestrato con un motivo geometrico sottostante. 


Considerando questo complesso di templi tentacolare fu costruito circa 11.500 anni fa - prima del diffuso sviluppo dell'agricoltura e circa 6.000 anni prima della costruzione di Stonehenge - questa è piuttosto un'impresa. 

 I risultati della nuova ricerca sono stati recentemente pubblicati sul Cambridge Archaeological Journal.


 Göbekli Tepe , il più antico monumento architettonico noto, continua a suscitare polemiche e confusione tra gli archeologi.
 Il sito si trova su una montagna lungo la mezzaluna fertile nell'attuale Turchia. 
È costituito da numerose strutture e monumenti, alcuni dei quali sono riccamente decorati con sculture e sculture di animali, costruiti durante il Neolitico tra il 9.600 e il 8.200 a.C.

 L'età del complesso è notevole in quanto suggerisce che fu costruito da cacciatori-raccoglitori prima dell'avvento dell'agricoltura e migliaia di anni prima che sorgessero altre complesse architetture monumentali. 

Deve essere stato di significato rituale.


Si pensava ampiamente che strutture come questa potessero essere raggiunte solo dopo che una società ha dominato l'agricoltura , ma Göbekli Tepe versa acqua fredda su questa ipotesi fondamentale. 

"Göbekli Tepe è una meraviglia archeologica", ha dichiarato il professor Avi Gopher, del dipartimento di archeologia del TAU . "Costruito dalle comunità neolitiche da 11.500 a 11.000 anni fa, presenta enormi strutture rotonde in pietra e monumentali pilastri in pietra alti fino a 5,5 metri (19 piedi)", ha spiegato. 
"Poiché all'epoca non vi sono prove di agricoltura o domesticazione degli animali, si ritiene che il sito sia stato costruito da cacciatori-raccoglitori. 
Tuttavia, la loro complessità architettonica è molto insolita per loro."


Come dimostra questa nuova ricerca, la costruzione del sito avrebbe richiesto una notevole quantità di capacità di pianificazione, organizzazione e conoscenza.
 Per uno, avrebbe richiesto una comprensione della geometria per creare le planimetrie, che secondo gli autori dello studio risiedevano in una forma geometrica che non è una coincidenza.

 La ricerca mostra anche che il complesso utilizza regolarmente un'architettura rettangolare e forme quadrate, che non erano comunemente utilizzate dagli umani dell'età della pietra, ma è spesso vista come una caratteristica dei primi agricoltori nell'antico Levante. 


 "I nostri risultati suggeriscono che le principali trasformazioni architettoniche durante questo periodo, come la transizione verso l'architettura rettangolare, furono processi top-down basati sulla conoscenza e condotti da specialisti", ha affermato Gil Haklay dell'Autorità israeliana per le antichità.
 "I metodi più importanti e di base della pianificazione architettonica sono stati ideati nel Levante nel tardo periodo epipaleolitico come parte della cultura natufica e attraverso il primo periodo neolitico.
 La nostra nuova ricerca indica che i metodi di pianificazione architettonica, regole di progettazione astratte e organizzazione i modelli erano già stati usati durante questo periodo formativo nella storia umana ". 

 Fonte: iflscience.com

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...