martedì 4 febbraio 2020

L’anemone e il pesce pagliaccio


Molte specie hanno deciso di darsi una mano a vicenda per ottenere un reciproco vantaggio: “L’unione fa la forza”. 
Simbiosi e mutualismo sono strategie per vivere meglio o, addirittura, per sopravvivere. 

 Se si è un piccolo pesce in un ambiente pericoloso come una barriera corallina, quale migliore difesa che vivere in una fortezza di cellule urticanti? È proprio quello che fanno i pesci pagliaccio, un gruppo di pesci tropicali dell’Indo-Pacifico resi famosi dal film d’animazione “Alla ricerca di Nemo” della Pixar Animation Studios. 

 Questi pesci vivono in simbiosi con le anemoni, invertebrati imparentati con le meduse.
 I pesci pagliaccio riescono a evitare le punture perché sono rivestiti da un muco protettivo che impedisce ai tentacoli dell’anemone di rilevarli come nemici. 
 Per il pagliaccio il vantaggio è ovvio e, infatti, questi pesci sono molto gelosi delle loro “anemoni personali”. 
In cambio l’anemone riceve un servizio di sorveglianza contro i pesci farfalla che possono attaccare le sue parti non protette.


In un’unica anemone s’incontrano solitamente più pesci: quella più grande è la femmina, di solito accompagnata da un maschio maturo e spesso da altri maschi giovani. 
Se la femmina muore o scompare il maschio più grande cambia sesso, prendendo il posto della compagna, mentre l’individuo giovane di taglia maggiore diventa il maschio dominante. 

Tutto questo però non si vede in Nemo: forse il cambio di sesso era un tema un po’ audace per un film di animazione. 

 Fonte: https://rivistanatura.com/

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...