lunedì 6 febbraio 2017

A Lugano le vecchie cabine telefoniche si trasformano in biblioteche gratuite



Protagoniste sono sempre loro: le cabine telefoniche in disuso che si trasformano in qualcosa di utile alla collettività. 
A Lugano diventano piccole biblioteche gratuite, dove chiunque può prendere o lasciare un libro.
 Un esperimento ormai collaudato che in Italia ha avuto tra i pionieri Roma o meglio il quartiere di Torresina con la Bibliocabina, ma che è già affermato in tutto il mondo, soprattutto Londra, patria delle cabine telefoniche rosse.


Un luogo che si trasforma, quindi, per favorire la diffusione della cultura e invogliare la cittadinanza a leggere i libri.
 Il tutto attraverso il bookcrossing.
 A Lugano già 15 cabine hanno un nuovo look e si trovano sparse per tutto il piccolo territorio svizzero.


Un’idea che fa bene in tutti i sensi. 
Gli utenti possono lasciare dei libri, magari quelli abbandonati per anni in cantina o quelli già letti e riletti e prenderne degli altri, senza il bisogno di comprarli.
 Un modo solidale per scambiarsi cultura e informazioni. 

 Le cabine in disuso erano poi destinate alla discarica, così gli abitanti di Lugano assieme a associazioni e gruppi culturali hanno deciso di dare loro una nuova vita riciclandole.
 Non ci sono regole se non quelle del buonsenso.
 Si prende un libro per volta, lo si legge e lo si riporta, cosicché tutti poi abbiano la possibilità di sfogliare quelle pagine.
 Non ci sono controindicazioni ma solo vantaggi, in primis quello di non far morire l’amore per la cultura. 

 Dominella Trunfio
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...