mercoledì 13 gennaio 2016

Polvere rossa di bauxite, in Malesia il disastro ambientale di cui nessuno parla


Kuantan, una città aliena nel cuore della Malesia. Ma ET e presunte creature provenienti da Marte non c'entrano.
 La città, capoluogo dello stato di Pahang, da tempo si è tinta di rosso e la colpa è dell'inquinamento.
 Un disastro ambientale passato ancora una volta sotto silenzio in Italia, causato dall'aumento indiscriminato dell'estrazione della bauxite, da cui si ricava l'alluminio.
 L'area della Malesia è da mesi in ginocchio.
 Questa roccia sedimentaria è la principale fonte di produzione dell'alluminio. 
Chilometri di mari, fiumi e coste si sono ricoperti da una coltre color ruggine tutt'altro che salutare. 
Malattie della pelle e aumento del rischio di cancro sono ormai una realtà e le richieste pubbliche di una più severa regolamentazione delle miniere di bauxite finora sono rimaste inascoltate. 
 Nel giro di due anni, l'estrazione di questo materiale è aumentata a dismisura con scarsi controlli e norme non adeguate.
 Nei primi 11 mesi del 2015, la Malesia ha esportato più di 20 milioni di tonnellate di bauxite in Cina. Per fare un confronto, nel 2013 ne ha esportare circa 162.000 tonnellate.
 La domanda da parte della Cina ha alimentato il rapido aumento del settore minerario della bauxite di Pahang e la preoccupazione per l'impatto sull'ambiente è ormai alle stelle.










La Malaysian Anti-Corruption Commission (MACC) ha ricevuto varie denunce e segnalazioni, in cui si lamentavano seri problemi di inquinamento derivanti dall'estrazione incontrollata di bauxite a Pahang. 
Qui le acque al largo di Kuantan sono diventate rosse all'inizio del mese di gennaio per via di una fuoriuscita del minerale.


Il Ministro dell'ambiente malese ha annunciato uno stop di tre mesi per tutte le attività minerarie legate alla bauxite nel distretto di Pahang a partire dal 15 gennaio, per cercare di far rientrare l'emergenza inquinamento. 
Tuttavia, la moratoria potrebbe essere estesa a tempo indeterminato se l'industria non riuscirà a contenere il problema dell'inquinamento. 

Tre mesi, un margine di tempo troppo stretto, secondo gran parte della popolazione colpita dal problema.
 I residenti e le organizzazioni non governative non sono soddisfatte delle misure annunciate.
 Per Jasper Teoh, cittadino di 42 anni:
 “Cosa si può fare entro tre mesi? L'arco di tempo è troppo breve per fare qualsiasi cosa. Il problema dell'estrazione di bauxite non è qualcosa di nuovo, avrebbero dovuto rispettare le buone norme prima di cominciare".
 Come dargli torto? 
L'ennesimo disastro ambientale che tra qualche giorno verrà dimenticato.

 

Francesca Mancuso
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...