martedì 21 aprile 2015

L'incredibile storia del Museo Archeologico Faggiano


Nel 2000, Luciano Faggiano doveva affrontare problemi idraulici e fognari sulla proprietà che aveva acquistato al fine di avviare una trattoria, a Lecce.
Immaginando che sarebbe stata una soluzione rapida, ha scelto di provare a risolvere il problema da sé, con l’aiuto dei suoi due figli maggiori. 

Scavando sotto l’edificio, la famiglia ha scoperto un mondo sotterraneo, “risalente prima della nascita di Gesù: una tomba messapica, un granaio romano, una cappella francescana e anche incisioni dei Cavalieri Templari.

 La sua trattoria invece è diventato un museo “, scrive un articolo del New York Times .


Lecce è una città storica, situata nel tacco dello stivale d’Italia.
 La posizione era strategica per il commercio antico. 
Mario de Marco, storico locale e autore ha detto al New York Times, “I primi strati di Lecce sono datati al tempo di Omero, o almeno secondo la leggenda.”
 Invasori greci, romani, ottomani e normanni hanno abitato la zona, e hanno lasciato tracce della loro presenza alle spalle. 

 Lo scavo del tubo della toilette di Faggiano è diventato un progetto archeologico gigante. 
Gli esperti sono stati chiamati a monitorare la situazione, ma tutti gli scavi sono stati pagati e completati da Faggiano .

 Dopo anni di lavoro e di denaro , le sue ambizioni sono state raggiunte. 
 “A un certo punto, io non ne potevo più”, ha detto al New York Times. “Ho comprato blocchetti e stavo per coprire e far finta che non era mai accaduto. Io non lo auguro a nessuno. 
“Tuttavia, contando sull’aiuto costante dei suoi figli adulti e l’affitto di pensionati, il tunneling è progredito.


The History Blog scrive che più di 4.000 reperti sono stati recuperati negli scavi .
 I reperti comprendono: molte tombe e ossari, tra cui la tomba di un bambino romano; una profonda fossa dove i corpi venivano lasciati a decomporsi e poi le ossa erano raccolte e sepolte; buche di palo per le abitazioni, le strade antiche, silos di grano, un pozzo di 10 metri di profondità ancora alimentato dall’acqua; tunnel segreti usati da ordini religiosi; affreschi, vasi antichi e ceramiche, gioielli, un altare, e migliaia di altri manufatti.













Fonte : pianetablunews
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...